I meteorologi confermano la temperatura record dell'Artico

Una città siberiana ha battuto il record di giugno. Il costante aumento delle temperature della regione sta giocando un ruolo importante nel cambiamento climatico.

Dicembre 17, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Il 20 giugno 2020, durante un'ondata di caldo senza precedenti, la stazione di monitoraggio meteorologico nella città siberiana di Verkhoyansk ha rilevato una temperatura di 38 ºC.

L'Organizzazione meteorologica mondiale delle Nazioni Unite (OMM) ha ora confermato il record per la regione, superando la temperatura media di giugno di 18 ºC.

Questo nuovo record dell'Artico fa parte di una serie di osservazioni riportate all'Archivio WMO di condizioni meteorologiche e climatiche estreme che suonano i campanelli d'allarme sul nostro clima che cambia.- Petteri Taalas, segretario generale, WMO

"Se torni con la mente all'anno scorso, ricorderai che c'è stata un'eccezionale e prolungata ondata di caldo siberiano", ha detto Clare Nullis, portavoce dell'OMM, in una conferenza stampa a Ginevra. "Come risultato di questa ondata di caldo, abbiamo assistito a incendi siberiani devastanti e molto diffusi e abbiamo assistito a una massiccia perdita di ghiaccio marino artico alla fine della stagione estiva”.

Vedi anche:Il numero di giorni estremamente caldi ogni anno sta aumentando, afferma il rapporto della BBC

Verkhoyansk si trova sul fiume Yena, 115 chilometri a nord del Circolo Polare Artico. Le sue strutture meteorologiche hanno iniziato a registrare le temperature nel 1885.

Gli esperti dell'OMM hanno convalidato il record segnalato dopo aver confermato i mezzi e le procedure utilizzati dalla struttura per garantire che fossero state effettuate misurazioni corrette.

pubblicità

La città siberiana, insieme all'intera regione, ha spiegato l'OMM, ha "un clima continentale secco estremo molto rigido, inverno molto freddo ed estate calda.

Secondo l'OMM, quell'ondata di caldo e le sue conseguenze hanno giocato un ruolo significativo nel rendere il 2020 uno dei tre gli anni più caldi mai registrati.

Gli esperti dell'OMM hanno affermato che il nuovo record dovrebbe essere considerato un "snapshot” di uno scenario globale in mutamento. Hanno avvertito che in futuro potrebbero essere registrate temperature ancora più elevate nel Circolo Polare Artico, che è la linea di latitudine 66.5°.

L'ondata di caldo che ha colpito l'Artico aveva caratteristiche uniche e gravi, che hanno portato l'agenzia delle Nazioni Unite a creare una nuova categoria per le temperature record.

Elencata nell'archivio delle condizioni meteorologiche e climatiche estreme, la nuova categoria è intitolata "temperatura più alta registrata aoa nord di 66.5°, il circolo polare artico. Il nuovo elenco aiuterà WMO e altri esperti in tutto il mondo a monitorare meglio i modelli di cambiamento climatico nella zona polare.

Entrambi i poli sono ora rappresentati nell'archivio, che per primo ha elencato le temperature estreme in Antartide nel 2007.

"Fondamentalmente, questa indagine mette in evidenza l'aumento delle temperature che si verificano in una regione climaticamente importante del mondo", ha affermato Randall Cerveny, relatore di clima e condizioni meteorologiche estreme per l'OMM.

"Attraverso il monitoraggio e la valutazione continui delle temperature estreme, possiamo rimanere informati sui cambiamenti che si verificano in questa regione critica del mondo", ha aggiunto.

Vedi anche:Olive Oil Times Sondaggio: il cambiamento climatico è una delle principali preoccupazioni per i produttori

Lo scorso luglio, il WMO ha riconosciuto e confermato un nuovo record di temperatura in Antartide: 18.3 °C, segnalato il 6 febbraio dalla stazione meteorologica Esperanza in Argentina.

Una temperatura ancora più alta – 20.7 °C è stata registrata a Seymour Island – ma il WMO non ha confermato la misurazione effettuata da una stazione di monitoraggio automatizzata del permafrost.

Durante l'indagine relativa al record antartico, gli esperti avevano stabilito che "un grande sistema ad alta pressione sull'area ha creato condizioni föhn, venti discendenti che hanno prodotto un significativo riscaldamento della superficie e hanno provocato un riscaldamento locale sia alla stazione di Esperanza che all'isola di Seymour.

Fenomeni simili in passato avevano prodotto anche scenari di temperatura record nell'area.

Secondo l'OMM, entrambi i poli si stanno riscaldando più rapidamente della media globale. Si ritiene che l'attuale ritmo di aumento della temperatura nell'Artico sia circa il doppio della media globale.

"Questo nuovo record dell'Artico fa parte di una serie di osservazioni riportate all'Archivio WMO di condizioni meteorologiche e climatiche estreme che suonano i campanelli d'allarme sul nostro clima che cambia", ha concluso il segretario generale dell'OMM Petteri Taalas.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti