`I leader umbri cercano un'azione per "enormi danni" ai coltivatori della regione - Olive Oil Times

I leader umbri cercano azione per "enormi danni" ai coltivatori della regione

Ottobre 30, 2014
Luciana Squadrilli

Notizie recenti

Sandra Monacelli, membro del Consiglio Regionale dell'Umbria

A causa delle condizioni climatiche e della massiccia presenza di parassiti e mosche dell'olivo, l'Umbria olive oil produzione subirà una perdita drammatica, che in alcune zone potrebbe raggiungere l'80 per cento. Vista la gravità della situazione Sandra Monacelli, consigliere regionale dell'Umbria, e rappresentante dell'Udc (Unione Democratici Cristiani e di Centro), ha chiesto ufficialmente l'intervento della Regione.

Gli olivicoltori ei produttori umbri sono vittime di un vero e proprio disastro naturale, ha affermato Monacelli nella mozione d'ordine che ha presentato in Consiglio regionale. Chiede di illustrare quali iniziative sono previste a sostegno degli agricoltori, coinvolgendo anche l'organo di governo nazionale.
Vedi anche:Copertura completa del raccolto 2014
"Nel 2014 l'Umbria sta affrontando un drastico calo del olive oil proriduzione rispetto allo scorso anno, a causa delle condizioni meteorologiche sfavorevoli dell'inverno e dell'estate scorsi”, ha riferito. "Di conseguenza, gli oliveti sono stati attaccati da insetti e parassiti come la mosca dell'olivo e la falena dell'olivo. Ciò ha causato enormi danni e un'ulteriore, considerevole diminuzione della produzione che è stata stimata complessivamente intorno al 60% con picchi del 70-80% in alcune aree, mentre alcuni agricoltori hanno perso l'intera produzione. La perdita di produzione ha comportato anche un forte impatto sui livelli occupazionali, considerata la notevole riduzione delle assunzioni stagionali e dei ricavi per le industrie collegate ".

Secondo i dati della Coldiretti citati da Monacelli, in Umbria ci sono circa 7.5 milioni di olivi, che coprono oltre 27,000 ettari. La media annuale olive oil prola produzione è di circa 9,900 tonnellate, di cui il 10% certificata DOP.

In Umbria, molti agricoltori stanno lasciando le olive danneggiate dalla mosca della frutta a marcire sugli alberi, una perdita totale del raccolto di quest'anno.

Tuttavia, la perdita produttiva non significa necessariamente anche un calo della qualità. Secondo Giulio Scatolini, capogruppo regionale e anche capogruppo nazionale e consigliere di rappresentanza dell'Umbria presso Unaprol, chi ha prestato particolare attenzione e seguito il monitoraggio e le raccomandazioni di Unaprol ha potuto ottenere un ottimo prodotto.

"Il danno è stato estremamente grave ", ha dichiarato Scatolini, "poiché l'attacco è stato effettuato da diverse generazioni di mosche. Di solito la mosca dell'olivo attacca una sola volta e poi se ne va ma quest'anno, a causa delle condizioni meteorologiche, si è riprodotta e l'attacco si è prolungato, rovinando completamente le olive sugli alberi. Ma il nostro monitoraggio aveva previsto questa situazione, e chi ha seguito il nostro consiglio adottando le cure necessarie ha salvato, almeno in parte, le proprie olive. Ciò non ha influito sulla qualità dell'olio poiché i prodotti consigliati sono idrosolubili e vengono lavati via insieme alle acque reflue, ma ovviamente non era adatto per i boschetti organici ".

pubblicità

Un'altra importante soluzione per preservarne la qualità è stata quella di lasciarli raffreddare, poiché le temperature durante i giorni di raccolta erano troppo elevate. Un progetto pilota portato avanti dall'azienda agricola Decimi di Bettona, dove le olive sono state conservate in cella frigorifera per tutta la notte e lavorate la mattina dopo, ha dato buoni risultati.

In ogni caso, la produzione di petrolio di quest'anno è quasi la metà di quanto previsto, e questo comporta la revisione dei contratti di fornitura e un notevole aumento dei prezzi, verificato intorno al 20 per cento. Solo le zone di alta quota sono state risparmiate dall'attacco grazie alle temperature più fresche. Mentre il forte calo della temperatura in tutta Italia negli ultimi giorni ha definitivamente allontanato i parassiti, il danno già fatto è stato drammatico.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti