Gli enti di beneficenza piantano 25,000 ulivi in ​​Palestina

Gli alberi saranno piantati in tutta la Cisgiordania nel tentativo di sostituire alcuni di quelli che sono stati distrutti dal conflitto e contribuire a rilanciare l'economia dello stato.
Marzo 2, 2022
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Human Appeal, un ente di beneficenza britannico, ha collaborato con due organizzazioni non governative palestinesi (ONG) per piantare 25,000 ulivi nello stato.

Il loro obiettivo è aiutare a far rivivere l'industria olivicola palestinese dopo anni di conflitto che hanno portato al distruzione di molti uliveti.

Piantare questi alberelli di ulivo è più che proteggere la terra per l'agricoltura e fornire un raccolto che aiuterà questi beneficiari a sostenersi in futuro. È anche un importante simbolo di ricrescita per la regione.- Mohamad Yousef, Notizie Arabe Francia

Il progetto dovrebbe coprire 200,000 metri quadrati e beneficiare le fattorie in tutta la Cisgiordania. Il progetto dovrebbe aiutare 200 agricoltori e produrre circa quattro tonnellate di olive oil produzione annualmente.

Nonostante il recente conflitti ed estremi climatici, il Consiglio oleicolo internazionale ha stimato che la Palestina ha prodotto 27,000 tonnellate di olio d'oliva nella campagna 2021/22, il 17 percento al di sopra della media mobile di cinque anni.

Vedi anche:Nonostante le sfide, la produzione di sapone continua in Cisgiordania

Attualmente, ci sono più di nove milioni di ulivi in ​​Palestina e circa l'80 percento degli uliveti ha più di un secolo.

Gli ulivi hanno un significato speciale nella cultura palestinese poiché hanno un significato economico, sociale e nazionale fondamentale.

pubblicità

Inoltre, gli ulivi sono colture ideali per questa regione grazie alla loro capacità di resistere a caldo estremo, siccità e terreni poveri rispetto ad altre colture.

"L'olivo ha una grande importanza simbolica per la storia dell'agricoltura palestinese, essendo sinonimo di Palestina per generazioni in tutto il Medio Oriente ", ha detto a Arab News Mohamad Yousef, capo di Human Appeal France.

"Gli ulivi in ​​questa parte del mondo sono tra i più antichi che si possano trovare, alcuni dei quali hanno più di 1,000 anni", ha aggiunto.

La produzione di olive fornisce reddito a circa 100,000 famiglie palestinesi e crea il 25% del reddito guadagnato dal settore agricolo. Quasi la metà della terra arabile in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza è coltivata ad ulivi.

Secondo l'Osservatorio della complessità economica, l'olio d'oliva è la seconda esportazione palestinese dopo la frutta tropicale e ha portato 17.1 milioni di euro nel 2019, l'ultimo anno per il quale sono disponibili dati.

"Quando si cerca di fornire il supporto urgentemente necessario, è fondamentale considerare anche la possibilità di fornire un supporto a lungo termine per aiutare la popolazione ad aiutare se stessa”, ha affermato Yousef.

"Piantare questi alberelli di ulivo è più che proteggere la terra per l'agricoltura e fornire un raccolto che aiuterà questi beneficiari a sostenersi in futuro ", ha aggiunto. "È anche un importante simbolo di ricrescita per la regione”.



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti