La raccolta del Montenegro inizia con l'albero antico a Mirovica

Visitatori e volontari hanno assaggiato gli oli della raccolta precoce e hanno aiutato a raccogliere l'albero più antico del paese.

I coltivatori di Bar e Ulcinj all'evento del raccolto Ex Albis Ulvis
di Nedjeljko Jusup
24 ottobre 2022 12:50 UTC
576
I coltivatori di Bar e Ulcinj all'evento del raccolto Ex Albis Ulvis

La raccolta delle olive in Montenegro è iniziata quest'anno a Mirovica, vicino alla pittoresca cittadina di Bar, con la gente del posto che raccoglie i frutti della Ulivo vecchio di 2,247 anni.

"Ci ha riuniti prima e ci riunisce di nuovo ", ha affermato Ćazim Alković, presidente dell'Associazione degli olivicoltori di Bar.

In effetti, la raccolta del frutto del Vecchio Olivo è un evento nella costa del Montenegro, con gente del posto e visitatori di tutte le età, convinzioni politiche e stato sociale che partecipano all'ottavo evento annuale Ex Albis Ulvis, una celebrazione del raccolto di due giorni.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2022

Il raccolto di quest'anno ha prodotto 105 chilogrammi di frutta, che alla fine hanno prodotto 8.7 chilogrammi di frutta olio extravergine d'oliva. Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, il Montenegro produce circa 500 tonnellate di olio d'oliva all'anno.

Organizzato dalla Società degli olivicoltori e da un centro culturale locale, volontari e visitatori hanno iniziato l'evento con una degustazione guidata da professionisti dell'olio di Stara Maslina raccolto in anticipo, prodotto da nove coltivatori locali a Bar e nella vicina Ulcinj.

Esperti e valutatori certificati hanno spiegato come gli oli siano stati prodotti da olive raccolte negli ultimi 10 giorni, con la minor percentuale possibile di acidi grassi liberi e la presenza di 'fruttato verde' o 'fruttato maturo' sapori e aromi.

azienda-produttiva-europa-montenegro-la-raccolta-inizia-con-l-albero-secolare-a-mirovica-tempi-dell-olio-d-oliva

L'ottava celebrazione annuale del raccolto di Ex Albis Ulvis

Volontari e visitatori hanno anche provato diverse altre prelibatezze locali a base di olio d'oliva, tra cui alva, tespišta e dolci.

"Siamo soddisfatti del numero di espositori e del numero di visitatori, soprattutto turisti stranieri”, ha affermato Alković. "Gli oli di quest'anno sono di prima qualità".

"L'evento raggiunge il suo obiettivo principale: presentare i prodotti dei nostri olivicoltori, ma anche influenzare altri che non hanno ancora adottato questo modo di lavorare per produrre olio extra vergine ", ha aggiunto. "Col passare del tempo, l'olio prodotto sarà meno salutare. Ecco perché la stragrande maggioranza dei coltivatori di Bar ha deciso di raccogliere le olive e di lavorarle nei frantoi ora".

Insieme al famoso olivicoltore di Ulcinj Fatmir Sadiku, che vendette il suo olio d'oliva al re Carlo III del Regno Unito, Alković crede anche che Il Montenegro può triplicare l'attuale numero di 350,000 ulivi nei prossimi anni.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati