Incontra il produttore montenegrino che una volta ammaliò una coppia reale

Un olio extravergine di oliva ricavato dalle olive di un albero millenario donato in un contenitore di legno d'ulivo lavorato artigianalmente ha deliziato la futura regina consorte e suo marito.
Frutti sani per un olio d'oliva premium
Settembre 27, 2022
Nedjeljko Jusup

Notizie recenti

Gli olivicoltori della costa montenegrina e più nell'entroterra a Plantaže, vicino a Podgorica, la capitale, si aspettano un buon raccolto.

"Il raccolto è solido. I frutti sono sani ", ha affermato Fatmir Sadik di Ulcinj, uno dei più famosi olivicoltori della regione.

La migliore pubblicità per l'olivicoltura montenegrina è la nostra tradizione.- Fatmir Sadik, montenegrino olive oil produce

Sadik vende il suo olio con il marchio Olcinium, che si traduce vagamente in "luogo del petrolio”. Olcinium è anche il nome storico di Ulcinj, che ha una lunga tradizione olivicola.

"Dal momento che 2nd secolo, durante l'Impero Romano, i principali motori economici qui sono stati la spedizione e l'olivicoltura ", ha affermato Sadik. "La gente ha lavorato in mare per sei mesi e negli uliveti per gli altri sei”.

Vedi anche:Un anno dopo un devastante incendio in Montenegro, gli agricoltori continuano a ricostruire

Tutto questo è testimoniato dagli ulivi, il il più antico dei quali a Mirovica vicino a Bar ha 2,247 anni. Inoltre, 120,000 dei 190,000 ulivi di Ulcinj hanno un'età compresa tra 200 e 2,000 anni.
La maggior parte di loro si trova nella pittoresca baia di Valdanos, dove Sadik ha 700 alberi in due boschetti, principalmente della varietà autoctona Žutica.

"Il mio più grande ha 1,150 anni", ha detto. La combinazione di età e qualità ha offerto a Sadik l'opportunità di regalare i suoi oli a dignitari stranieri, tra cui il re Carlo III e Camilla, la regina consorte, che ha visitato il Montenegro nel 2016.

pubblicità

Nella storica città di Cetinje, i produttori locali hanno preparato una mostra di cibo tradizionale montenegrino per la coppia reale. Tra loro ce ne sono due oli extra vergine di oliva, uno ricavato dalle olive dell'albero millenario di Mirovica e l'altro dai boschetti di Sadik nella baia di Valdanos.

"È stato un evento da ricordare", ha detto Sadik della visita dell'allora Principe di Galles al suo stand. Sebbene il protocollo non lo richiedesse, aggiunse che Charles tese la mano e si congratulò con lui dopo aver assaggiato l'olio.

Sadik ha colto l'occasione e ha presentato alla coppia reale due bottiglie di olio d'oliva del suo albero più antico confezionate in una scatola che ha realizzato in legno d'ulivo.

Camilla in seguito dichiarò di non aver mai assaggiato un olio d'oliva migliore, come riportato da molti media internazionali. Il titolo è apparso sulla prima pagina della rivista di notizie montenegrina più letta: "La duchessa Camilla era deliziata dall'olio montenegrino".

profili-il-mondo-incontra-il-produttore-montenegrino-che-una-volta-incantò-una-coppia-reale-olive-oiltimes

Il principe Carlo ha assaggiato l'olio e si è congratulato con Fatmir nel 2016

Gli espositori hanno anche ricevuto un biglietto di ringraziamento scritto a mano dalla coppia reale. Nella nota, Sadik ha affermato che la coppia ha elogiato l'olio d'oliva che hanno ricevuto in regalo.

Ha anche venduto i suoi oli d'oliva confezionati in scatole artigianali a un principe degli Emirati Arabi Uniti, proprietario di un porto locale, e ad altri dignitari stranieri in visita alle rispettive ambasciate nella capitale.

"La migliore pubblicità per l'olivicoltura montenegrina è la nostra tradizione ", ha affermato Sadik. "Un altro vantaggio è che, a differenza della maggior parte degli altri paesi olivicoli, non abbiamo utilizzato agenti protettivi chimici nella coltivazione".

"Abbiamo le condizioni per produrre oli della massima qualità, che permetterebbero di ottenere prezzi elevati con confezioni adeguate", ha aggiunto.

Sadik rispetta la tradizione nella sua fattoria, ma utilizza anche le ultime tecnologie e le migliori pratiche durante la raccolta, la trasformazione, la conservazione, il confezionamento e la commercializzazione del suo olio d'oliva.

"Negli ultimi 10 anni, altri olivicoltori hanno accettato il nuovo, ma c'è ancora chi lavora alla vecchia maniera”, ha affermato. "Sono in ritardo con la vendemmia. Aspettano che i frutti cadano a terra da soli. Fermentano in modo che gli oli di tali olive non abbiano proprietà salutari. Produrre oli da tali olive è come fare il succo di mele marce.

Sadik prevede di iniziare la raccolta di quest'anno il 1 ottobre, con l'aiuto di familiari e amici. Anche se assumerà anche lavoratori stagionali per il lavoro.

Tutti i suoi ulivi sono raccolti a mano e con scuotitori. Iniziano la mattina presto e terminano entro le 1:00. A quel punto, le temperature spesso superano i 20 ºC e l'obiettivo di Sadik è evitare l'ossidazione.

Le olive raccolte vengono raccolte in reti e poste in cassette. Vengono quindi trasportati su un veicolo e subito trasformati nel mulino di famiglia, il primo del suo genere a Ulcinj. Il frantoio all'avanguardia, noto come Oliomio, ha una capacità di 250 chilogrammi di olive all'ora.

La trasformazione avviene in due fasi utilizzando una centrifuga ad una temperatura massima di 27 ºC. Il compost e l'acqua vanno in un compartimento e l'olio nell'altro.

Sadik ha affermato che questo processo garantisce un olio di alta qualità se le olive vengono raccolte al momento giusto e molite lo stesso giorno.

"Dal momento della raccolta alla trasformazione, non dovrebbero passare più di quattro ore", ha affermato. "In caso contrario, si verifica l'ossidazione e l'aumento degli acidi grassi liberi e l'olio inizia a perdere qualità".

Dalla raccolta di 700 ulivi di quest'anno, Sadik prevede da 2.5 a 3 tonnellate di olio extra vergine di oliva. Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, il Montenegro produce circa 500 tonnellate di olio d'oliva ogni anno.

profili-il-mondo-incontra-il-produttore-montenegrino-che-una-volta-incantò-una-coppia-reale-olive-oiltimes

L'ex direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale Jean-Louis Barjol (a destra) in visita alla fattoria

Sadik acquista anche olive da altri coltivatori, ma a condizione che determini il tempo e il metodo di raccolta. "Non accetto i vermi e quelli raccolti da terra”, ha detto.

Oltre alla raccolta e alla lavorazione tempestive, ha affermato che è fondamentale che l'olio d'oliva lo sia conservati in contenitori idonei in vetro scuro o acciaio inossidabile, senza contatto con ossigeno e luce, ad una temperatura da 14 ºC a 18 ºC.

Il suo olio extravergine di oliva Olcinium è stato premiato più volte in concorsi nazionali e internazionali. Con l'olio del raccolto di quest'anno, intende inviare campioni al 2023 NYIOOC World Olive Oil Competition, il più grande concorso mondiale di qualità dell'olio d'oliva.

"È una grande sfida per me", ha detto Sadik. "Se il mio olio vincerà lì un premio, tra i migliori al mondo, sarà la migliore conferma della qualità. Un sogno diventato realtà."

Oltre a produrre olio d'oliva, Sadik si è anche cimentato nella produzione di piantine. Con partner dall'Albania e dalla Grecia, ha prodotto 5,000 piantine di Žutica nel primo anno e 10,000 nel secondo e terzo anno.

Tuttavia, ha rinunciato a questo sforzo poiché i coltivatori montenegrini hanno optato in modo schiacciante per piantare varietà italiane come Leccino e Pendolino e varietà spagnole come Arbequina.

"Tutti vogliono un raccolto dall'oggi al domani e il tempo dirà se le varietà nazionali o straniere sono migliori per le condizioni montenegrine", ha affermato.

Sadik ha continuato a lavorare con il legno d'ulivo, però, realizzando scatole, ciotole, souvenir e altri oggetti per l'uso quotidiano.

"Proprio come il frutto, l'olivo è unico ", ha detto. Dopotutto, Michelangelo diceva che un ulivo è un'opera d'arte in sé.

Sadik è stato incoraggiato a iniziare a lavorare con il legno d'ulivo da una coppia di anziani di Dignano, in Croazia, che ha realizzato oggetti in legno d'ulivo.

Al suo ritorno in Montenegro, iniziò anche a modellare l'olivo, raggiungendo infine un'abilità desiderabile.

"È sia il mio amore che il mio lavoro", ha detto. Sadik ha anche assunto falegnami che hanno lavorato secondo le sue idee.

Insieme a un noto artista europeo, Sadik realizzerà bottiglie di terracotta e porcellana, lavorate a una temperatura di 1,400 ºC. Quelle bottiglie conterranno una serie limitata di olio delle sue olive più antiche e saranno vendute a prezzi molto alti. Sadik è convinto che ci riuscirà anche questa volta.

"Gli olivicoltori del Montenegro non sono competitivi in ​​termini di quantità", ha affermato. "Ma possiamo esportare i nostri oli da olive autoctone, purché di altissima qualità, in confezioni originali attraverso il turismo a prezzi superiori a quelli raggiunti nelle esportazioni classiche”.

La sfida principale che devono affrontare i produttori montenegrini, secondo Sadik, è cambiamento climatico. "Non possiamo influenzare il cambiamento climatico, ma possiamo adattarci ad esso", ha affermato.

Nonostante le sfide che un clima più caldo e più secco avrà sul Montenegro, Sadik ritiene che il Montenegro possa piantare 1 milione di ulivi nei prossimi anni, il triplo dell'importo attuale nel paese. Molti di questi alberi saranno piantati intorno ai suoi boschetti a Ulcinj.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti