Yusuf Can Zeybek ripete il trionfo di Kırkpınar

Il 30enne ha sconfitto il campione de facto del 2022 Mustafa Taş in una finale cauta ma emozionante che è andata ai supplementari.

Yusuf Can Zeybek (tramite Radyospor su X)
Di Daniel Dawson
7 luglio 2024 23:19 UTC
140
Yusuf Can Zeybek (tramite Radyospor su X)

Yusuf Can Zeybek ha sconfitto Mustafa Taş per rivendicare il suo secondo consecutivo titolo di başpehlivan, capo wrestler, al 663rd edizione dello storico della Turchia Kirkpinar festival della lotta con l'olio d'oliva.

Il trentenne nativo di Antalya ha sconfitto il Campione 2022 (mentre Taş ha perso l'incontro, gli è stato successivamente assegnato il titolo dopo che Cengizhan Şimşek ha ricevuto una penalità di punti retroattiva) in un rotondo vigoroso è durato 52 minuti.

Secondo i media locali, entrambi i combattenti se la sono cavata a ""inizio vivace", con Can Zeybek che sfiora Taş con un affondo anticipato. Successivamente, il combattimento è rallentato e Taş ha ricevuto un avvertimento per essere stato eccessivamente passivo.

Vedi anche:Pratiche tradizionali turche di coltivazione dell'olivo riconosciute dall'UNESCO

La partita si è conclusa dopo i tempi regolamentari con Can Zeybek che ha preso il canestro su Taş kıspet - i pantaloni corti di pelle indossati dai lottatori - facendogli perdere l'equilibrio e cadere a terra.

Oltre a rivendicare il başpehlivan titolo, Can Zeybek ha ricevuto la prestigiosa cintura d'oro e un premio in denaro di 550,000 lire turche (15,500 euro). Taş ha ricevuto 270,000 lire turche (7,780 euro).

Nel suo percorso verso la finale, il due volte campione ha sconfitto Mustafa Arslan nei quarti di finale prima di trionfare su Hüseyin Gümüşalan, semifinalista del 2023, nelle semifinali di quest'anno.

Nel suo scontro ai quarti di finale, Gümüşalan ha sconfitto quattro volte campione Ali Gürbüz, che secondo gli esperti è stato il più emozionante del round.

I due lottatori, considerati i favoriti per la vittoria del torneo, hanno trascorso la maggior parte del tempo regolamentare facendo sforzi conservativi per abbattere l'altro ma senza creare alcuna apertura per l'altro.

Nel 52nd minuto, Gümüşalan ha trovato un'apertura, mettendo sotto controllo il suo avversario kıspet e colpendo Gürbüz sulla schiena.

Nel frattempo, Taş ha trionfato su Enes Doğan nei quarti di finale prima di sconfiggere Serhat Gökmen nella semifinale.

Mentre Can Zeybek non si è preoccupato, il Kırkpınar di quest'anno è stato controverso dopo che la Federazione turca di wrestling ha annunciato un cambio di formato controverso.

Il cambiamento ha creato un formato di qualificazione in stile campionato per i round finali del torneo, che l’organo di governo del wrestling turco ha affermato fosse necessario per adattare la partecipazione in costante aumento all’evento – un record di 3,500 lottatori hanno partecipato nel 2023 – in un solo fine settimana.

Vedi anche:Elenco dei vincitori di Kirkpinar

Sia Can Zeybek che Taş si sono qualificati direttamente per la fase finale del 663rd Kırkpınar dopo essere finito tra i primi 32 lottatori nella classifica dei punti del campionato.

Can Zeybek ha ora l'opportunità di unirsi ai ranghi dell'immortalità del Kırkpınar nel 2025 se conserva il titolo per il terzo anno consecutivo. Mentre ciascuno başpehlivan ha diritto alla cintura d'oro fino all'inizio del Kırkpınar successivo, i lottatori che vincono tre titoli di fila mantengono la cintura in modo permanente.

Solo quattro combattenti sono riusciti nell'impresa dal 1960, quando fu assegnata per la prima volta la cintura d'oro. L'ultima volta che il Kırkpınar ha festeggiato un tre volte campione consecutivo è stato nel 1997.

Da allora, Recep Kara (2007 e 2008) e Mehmet Yeşil Yeşil (2009 e 2010) si sono avvicinati di più, ma non sono riusciti a vincere per la terza volta. Per inciso, Kara ha sconfitto Yeşil Yeşil per diventare il Campione 2016.

pubblicità
pubblicità

Kırkpınar è ampiamente considerato l'evento sportivo più longevo al mondo. Nel 2010 è stato aggiunto alla lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dell'UNESCO.

Secondo la leggenda, la competizione di wrestling iniziò nel 1357 quando un gruppo di soldati ottomani si fermò vicino a Edirne.

Mentre aspettavano vicino all'ex capitale dell'Impero Ottomano, 40 soldati iniziarono a lottare per passare il tempo. Dopo che gli altri ebbero finito, gli ultimi due continuarono il loro incontro fino a notte fonda, ed entrambi furono trovati morti il ​​giorno successivo.

Quell'anno non ci fu nessun vincitore, ma da allora l'evento si è tenuto ogni luglio, tranne 2020, quando è stato cancellato a causa della pandemia di Covid-19.

Negli ultimi dieci anni, Kırkpınar è diventato un evento turistico sempre più popolare. Gli albergatori hanno riferito ai media locali che quest'anno hanno operato quasi a pieno regime per tutta la settimana.

Tradizionalmente, lottatori di tutte le età, background culturali e classi sociali si riuniscono a Edirne, impegnandosi in incontri uno contro uno sui campi erbosi finché un lottatore non lancia con successo l'altro sulla schiena.

Nonostante il cambio di formato, le regole sono rimaste le stesse. I lottatori erano cosparsi di olio d'oliva e indossavano solo una kıspet mentre gareggiavano.

La partita inizia con entrambi i lottatori che si tengono per mano e tengono le teste vicine. Per vincere, un lottatore deve immobilizzare il suo avversario sulla schiena o sollevarlo in aria.

L'olio d'oliva rende molto difficile la presa tra i lottatori, costringendoli ad afferrare le tasche dell'avversario. kıspet.

I lottatori affermano anche che l'olio d'oliva riduce il dolore causato da infortuni e aiuta le loro ferite a guarire Più veloce. Si stima che durante l'evento vengano utilizzate circa due tonnellate di olio d'oliva.

Il processo di oliatura segue un rituale specifico. Innanzitutto, l'olio viene applicato sulla spalla sinistra, sul petto, sul braccio sinistro e sul polsino di un lottatore da un altro lottatore usando la mano sinistra.

Successivamente, i lottatori fanno lo stesso con il lato destro del corpo. La fase finale del rituale prevede che i lottatori si applichino l'olio sulla schiena dell'altro.

L'olio d'oliva è una parte essenziale della competizione e se un lottatore sente il bisogno di riapplicare l'olio durante un incontro, può richiedere un timeout all'arbitro e al suo avversario.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati