Temperature in aumento in Africa più veloci della media globale

Un nuovo rapporto ha attribuito il costante aumento delle temperature e il cambiamento climatico a una siccità più diffusa, una maggiore scarsità d'acqua, raccolti scarsi ed eventi meteorologici più estremi.
Kampala, Uganda
Settembre 14, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Le temperature di superficie in Africa sono aumentate più della media globale nel 2021, rendendo lo scorso anno uno dei più caldi mai registrati per il continente.

Secondo l' Rapporto sullo stato del clima in Africa 2021, pubblicato dall'Organizzazione meteorologica mondiale, l'aumento delle temperature ha contribuito a ondate di caldo, incendi, inondazioni estese e laghi evaporati, tutti con gravi conseguenze per le persone, la biodiversità e l'agricoltura in diversi paesi.

È imperativo per il continente accelerare gli sforzi per istituire solidi sistemi di allerta precoce regionali e nazionali e servizi climatici per i settori sensibili al clima.- Petteri Taalas, segretario generale, WMO

L'impatto di cambiamento climatico sull'agricoltura è formidabile in Africa. Dal 1961, il costante aumento delle temperature ha ridotto del 34 per cento lo sviluppo della produttività agricola africana.

Secondo il rapporto, è probabile che la tendenza continui con gravi conseguenze per la sicurezza alimentare.

Vedi anche:Biodiversità agricola mediterranea a rischio, risultati del rapporto

In uno scenario in cui le temperature globali aumentano di 1.5 °C al di sopra dei livelli preindustriali, gli esperti ritengono che l'Africa occidentale perderebbe almeno il 9% della sua resa di mais, con le rese di grano destinate a diminuire tra il 20 e il 60% nell'Africa meridionale e settentrionale.

I ricercatori hanno anche notato che il Nord Africa, la più grande regione olivicola del continente, sta vivendo un aumento della temperatura più significativo e rapido.

pubblicità

Le temperature in Nord Africa sono cresciute due volte più rapidamente dal 1991 al 2001 rispetto al 1961-1990 e quasi il doppio del tasso globale per lo stesso periodo.

In Tunisia, tradizionalmente il più grande paese produttore di olive al di fuori dell'Europa, l'estate del 2021 è stata la più calda dal 1950, con temperature che hanno superato di 1981 °C la media dal 2010 al 2.65.

Due ondate di caldo hanno avvolto il Paese, con punte di 49.9 °C a Tozeur e 50.3 °C a Kairouan, una delle regioni olivicole più importanti della Tunisia.

Anche nell'Africa settentrionale, i modelli delle precipitazioni sono stati molto anomali nel 2021. Le precipitazioni superiori alla media segnalate nell'Egitto nord-orientale sono state accompagnate da precipitazioni inferiori alla media in Marocco, Tunisia e Libia nord-occidentale.

Alimentato dal tempo secco, incendi infuriarono in tutta l'Algeria e la Tunisia, dove sono andati perduti migliaia di ettari di alberi da frutto e sono morti migliaia di animali da fattoria.

L'OMM ha confermato che la frequenza degli eventi di caldo estremo nel continente è in aumento, con i giorni più caldi mai registrati negli ultimi anni.

La sicurezza alimentare è stata messa a repentaglio in molte aree. Persone in diverse regioni sono state costrette a lasciare le loro case a causa di eventi meteorologici estremi, come le inondazioni in Sud Sudan, Nigeria e Repubblica Democratica del Congo. Oltre al Nord Africa, sono state segnalate gravi siccità nel Sahel, nell'Africa orientale e in Madagascar.

Inoltre, l'innalzamento del livello del mare nel 2021 ha avuto un impatto sulle città costiere basse e ha aumentato la salinità delle zone agricole costiere, accelerando l'erosione e peggiorando le inondazioni costiere. Secondo il rapporto, entro il 108 da 116 a 2030 milioni di persone saranno a rischio di innalzamento del livello del mare.

Scienziati ed esperti di clima che hanno scritto il rapporto hanno sottolineato come il costante aumento del consumo di acqua aggiungerà pressione alla domanda e alle risorse idriche che sono già scarse.

La situazione è esacerbata dalla siccità e dalle ondate di calore, che si prevede diventino più lunghe e più gravi nel tempo.

"Le interruzioni nella disponibilità di acqua impediranno l'accesso all'acqua potabile. Inoltre, si prevede che la disponibilità e la scarsità d'acqua limitate inneschino conflitti tra le persone che stanno già affrontando sfide economiche", si legge nel rapporto.

I dati WMO mostrano che 418 milioni di persone non hanno accesso a "livello di base di acqua potabile”, con 779 milioni di persone che non hanno accesso "servizi igienici di base”.

Secondo il rapporto, i ghiacciai di montagna del continente continuano a ritirarsi. In alcuni casi, come il Kilimangiaro, l'85% della copertura di ghiaccio è andato perso nell'ultimo secolo.

Diversi ghiacciai significativi sono destinati a scomparire nel giro di pochi anni. Gli scarichi fluviali si stanno progressivamente riducendo nella maggior parte dei paesi.

Il nuovo rapporto, redatto in collaborazione con la Commissione dell'Unione Africana e diverse agenzie internazionali, è il terzo di una serie e si concentra sulle risorse idriche. Ha fornito analisi climatiche, identificato eventi idrometeorologici, impatti e rischi e suggerito "azioni per il clima” considerato cruciale per rafforzare la resilienza delle nazioni africane al cambiamento climatico.

Secondo gli scienziati, il cambiamento climatico lo è alimentato da emissioni di gas serra prodotto dalle attività umane nel mondo. Tuttavia, i paesi africani rappresentano solo il 2-3% di tali emissioni.

Al recente vertice sull'adattamento all'Africa nei Paesi Bassi, i leader africani hanno criticato ferocemente l'assenza di leader dei paesi industrializzati responsabili della stragrande maggioranza delle emissioni.

Secondo quanto riportato dal North Africa Post, il presidente senegalese e capo dell'Unione africana Macky Sall ha avvertito che il cambiamento climatico non riguarda solo "il destino dell'Africa... ma il destino dell'umanità e il futuro del pianeta".

Oltre l'83% dei piani nazionali per il clima in Africa include obiettivi di riduzione dei gas serra, concentrandosi su energia, agricoltura, rifiuti, uso del suolo e silvicoltura.

"È fondamentale che il continente acceleri gli sforzi per istituire solidi sistemi di allerta precoce regionali e nazionali e servizi climatici per i settori sensibili al clima al fine di rafforzare la resilienza climatica e le capacità di adattamento", ha scritto Petteri Taalas, segretario generale dell'OMM, introducendo il rapporto.

L'OMM stima che meno del 40 per cento degli africani abbia accesso a sistemi di allerta precoce per proteggersi dagli eventi meteorologici estremi e dagli impatti dei cambiamenti climatici.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti