Scienziati spagnoli migliorano la comprensione della devastante malattia dell'olivo

I ricercatori hanno pubblicato i risultati di uno studio di 25 anni sul Colletotrichum, il fungo che causa l'antracnosi.
Primo piano di Colletotrichum
Novembre 29, 2021
Simon Roots

Notizie recenti

Un team guidato da ricercatori del dipartimento di agronomia dell'Università di Córdoba ha pubblicato uno dei più completi studi fino ad oggi in Colletotrichum, il fungo che causa antracnosi, o "oliva saponosa.”

L'antracnosi nel frutto dell'olivo è altamente virulento e può causare perdite di raccolto fino al 100 percento. Inoltre, una tossina prodotta all'interno del frutto marcio può indebolire gli alberi stessi causando l'avvizzimento dei rami, riducendo così i raccolti futuri anche dopo un trattamento efficace. In Spagna, la malattia è responsabile di una perdita media annua del raccolto del 2.6%.

Nel caso del Colletotrichum le caratteristiche morfologiche non ci permettono di differenziare tra specie diverse, quindi dobbiamo ricorrere a sequenze di DNA che ci dicano quanto alcuni isolati siano simili ad altri- Juan Moral, ricercatore, Università di Córdoba

Nello studio sono stati analizzati un totale di 185 isolati raccolti in un periodo di oltre due decenni. I campioni sono stati prelevati principalmente da Spagna e Portogallo, che sono due dei più grandi paesi produttori di olio d'oliva al mondo. Tuttavia, molti altri campioni sono stati raccolti da Australia, Brasile, California, Grecia, Italia, Tunisia e Uruguay.

Vedi anche:Notizie sulla ricerca dell'olio d'oliva

Sebbene esistano molte ricerche precedenti, l'identificazione molecolare degli isolati non era stata precedentemente effettuata.

"Nel caso del Colletotrichum, le caratteristiche morfologiche non ci consentono di differenziare tra specie diverse, quindi dobbiamo ricorrere a sequenze di DNA che ci dicano quanto alcuni isolati siano simili ad altri", ha affermato Juan Moral, uno dei principali ricercatori.

pubblicità

Dopo aver utilizzato sette regioni geniche specifiche, sono state identificate 12 specie distinte di Colletotrichum.

Nello studio sono stati inclusi anche campioni di altre colture sensibili come mandorle, arance dolci e fragole, e il fungo è risultato essere altamente adattabile e opportunista.

Gli isolati da campioni di olive australiane hanno mostrato di gran lunga la più alta diversità di Colletotrichum, ma con le due specie dominanti in Spagna, Portogallo, Grecia e Italia completamente assenti. Ciò aggiunge peso all'ipotesi che le specie autoctone di Colletotrichum siano in grado di saltare rapidamente a nuovi ospiti.

Questa capacità del fungo ha implicazioni pratiche per la prevenzione della malattia, come dimostrato da un caso di contaminazione incrociata in un vivaio nel nord-est della Spagna dove si sospetta che piante di agrumi che ospitano la specie C. fructicola abbiano infettato piante di olivo che poi hanno mostrato necrosi delle foglie, un sintomo raro ma potenzialmente mortale di antracnosi.

Dato il devastante impatto economico dell'agente patogeno, varie specie sono state sottoposte a fungicidi sia a base di benomil che a base di rame per determinarne la sensibilità e la resistenza.

"Abbiamo visto differenze di sensibilità ai fungicidi tra le specie e quando abbiamo inoculato diverse varietà abbiamo anche riscontrato differenze di virulenza tra questi isolati", ha affermato Antonio Trapero, ricercatore dell'Università di Córdoba.

I fungicidi a base di rame sono diventati uno dei più comunemente usato negli ultimi anni, anche a causa dei loro minori costi. Tuttavia, i risultati variano ampiamente.

Ad esempio, il team ha osservato che mentre gli isolati spagnoli di C. godetiae provenienti da regioni olivicole in cui i fungicidi a base di rame sono frequentemente utilizzati dagli agricoltori erano più tolleranti al rame rispetto agli isolati di C. nymphaeae, i campioni provenienti dal Portogallo hanno mostrato risultati opposti.

"Avere isolati da molti paesi mostra come anche gli isolati della stessa specie si comportano in modo diverso a seconda dell'area geografica da cui provengono", ha affermato il ricercatore Carlos Agustí.

L'Università di Córdoba ha affermato che l'esplorazione così approfondita della biologia e della biodiversità dei patogeni che causano l'antracnosi dovrebbe aiutare a far progredire la creazione di metodi di controllo più efficaci.

I governi spagnolo e andaluso condividono questo obiettivo ed entrambi hanno fornito finanziamenti significativi per la ricerca.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti