`Rapporto: i consumatori spagnoli sanno molto poco dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Relazione: i consumatori spagnoli sanno molto poco di olio d'oliva

Può. 9, 2012
Pandora Penamil Penafiel

Notizie recenti

Sebbene la Spagna sia il principale produttore mondiale e l'olio d'oliva sia uno dei simboli più emblematici della sua cultura e identità culinaria, il livello di conoscenza degli oli d'oliva tra i consumatori spagnoli è piuttosto basso.

Ciò segue da uno studio scritto da Francisco Jose Torres-Ruiz, Manuela Vega, Zamora e Maria Gutierrez-Salcedo dell'Università di Jaén sul grado di conoscenza dell'olio d'oliva in Spagna, ottenuto attraverso due indagini empiriche.

Secondo lo studio, meno del 30 percento dei consumatori abituali di olio d'oliva sa che "Il grado “olio d'oliva” è una miscela di olio d'oliva vergine e olio d'oliva raffinato. Il problema di base è che il grado di conoscenza influisce sulla domanda di diversi tipi di oli d'oliva e sui loro prezzi di mercato, hanno affermato gli autori.

Inoltre, considerando che i consumatori hanno criteri diversi per confrontare, valutare e scegliere tra le opzioni, la confusione relativa ai diversi tipi di oli, i criteri di qualità e le loro caratteristiche distintive, può essere tradotta in altre chiavi più chiare e più oggettive, come il prezzo , che è più influente nella scelta di ciascun prodotto.

In questo contesto, il grande "svantaggiati "sono gli oli della più alta qualità, in particolare i cosiddetti "super extra "vergini extra, in quanto il mercato non capisce cosa le rende diverse e perché costano molto di più di altre.

pubblicità

La confusione non riguarda solo la domanda di olio d'oliva di qualità superiore e i margini complessivi nel settore, ma pesa anche sulla concorrenza tra olio d'oliva e altri oli vegetali, con implicazioni per la domanda globale di olio d'oliva e i suoi livelli di prezzo più elevati.

Inoltre, i ricercatori hanno indicato che non menzionare le chiare differenze tra gli oli extra vergini di oliva e gli oli di oliva significa svalutare ogni succo in un semplice olio commestibile. In questo senso, sembra necessario fornire ai consumatori un intenso processo di differenziazione e valutazione degli oli di oliva

Per fare questo, lo studio propone di cambiare la politica dei nomi, che finora è stata fonte di confusione. Raccomanda una comunicazione ufficiale da parte dei governi e degli organismi che rappresentano l'industria, diretta ai consumatori e focalizzata sull'evidenziazione dei diversi tipi di oli d'oliva, offrendo indizi per valutare, differenziare e favorire scelte informate tra le varie categorie.

Semplicità e chiarezza devono essere due obiettivi importanti in questa comunicazione, hanno affermato i ricercatori.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti