`Rapporto: La produzione di energia solare ed eolica deve accelerare per raggiungere gli obiettivi climatici delle Nazioni Unite - Olive Oil Times

Rapporto: La produzione di energia solare ed eolica deve accelerare per raggiungere gli obiettivi climatici delle Nazioni Unite

Può. 3, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Un numero crescente di paesi sta accelerando la transizione verso l'energia verde, secondo il Rapporto globale sull'elettricità 2022.

Nel 2021, il 38% dell'elettricità globale è stata prodotta dalla generazione eolica e solare. In totale, 50 paesi producono almeno il 10% della loro elettricità attraverso le tecnologie eoliche e solari.

Il principale risultato del rapporto è l'avvertimento che i paesi devono raggiungere la produzione di energia pulita entro il 2035... Per arrivarci, le risorse più grandi sono l'eolico e il solare.- Elisabeth Cremona, analista di dati energetici e climatici, Ember

Lo slancio sta crescendo, ma il rapporto, che Ember, un think tank, ha compilato, ha affermato che questo ritmo deve accelerare per ridurre in modo efficiente le emissioni di gas serra (GHG) e prevenire il scenari peggiori del cambiamento climatico dal giungere a compimento.

Nonostante la quota crescente di energie rinnovabili, Ember ha avvertito che questa crescita non sta compensando i combustibili fossili, il cui consumo continua a crescere.

Vedi anche:Copertura climatica

"L'eolico e il solare saranno in futuro la spina dorsale del sistema di generazione elettrica; non ci sono dubbi su questo", ha detto Elisabeth Cremona, analista di dati energetici e climatici di Ember Olive Oil Times. "Ciò accade poiché le energie rinnovabili saranno sempre più rilevanti per la produzione di elettricità e, tra queste, l'eolico e il solare giocheranno il ruolo più rilevante".

La produzione solare globale è aumentata del 23% nel 2021, una crescita più rapida che mai negli ultimi 17 anni. In questo periodo la capacità di produzione di energia solare è aumentata da 188 terawattora (TWh) a 1,023 TWh.

pubblicità

Nel 2015, l'energia solare ha coperto l'1.1% della domanda mondiale di elettricità e nel 2021 ha soddisfatto il 3.7% del fabbisogno mondiale di elettricità.

I ricercatori di Ember hanno notato come per raggiungere gli obiettivi climatici, tale percentuale dovrebbe salire al 19% entro il 2030, il che significa che l'energia solare dovrebbe crescere del 24% ogni anno in questo decennio.

Dato che è cresciuto del 23% nel 2020 e ha raggiunto una media del 33% negli ultimi 10 anni, gli esperti ritengono che l'obiettivo sia a portata di mano.

Su scala globale, l'energia eolica è cresciuta nel 2021 più rapidamente che mai, aumentando del 14% e portando la produzione totale di elettricità a 1,814 TWh. Dopo il solare, l'eolico è stata la fonte di elettricità in più rapida crescita nell'ultimo anno e ora rappresenta il 6.6% dell'elettricità totale rispetto al 3.5% registrato nel 2015.

Secondo Ember, anche la produzione di carbone nel 2021 è in sostanziale aumento, essendo il 10% in più rispetto al 2015, anno in cui 192 paesi hanno deciso di ridurre le emissioni di gas serra quando hanno firmato l'accordo di Parigi.

Nel 2021, Ember ha notato come emissioni di anidride carbonica dal settore elettrico è aumentato del 7%, che è il più grande aumento assoluto di sempre.

Ember ha avvertito che l'energia a carbone dovrebbe diminuire del 13% ogni anno durante il decennio in corso per raggiungere gli obiettivi climatici fissati dai vertici delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, il che significa ridurre il ruolo dell'energia a carbone a livello globale dal 36% all'8% entro il 2030.

Tuttavia, nei sei anni trascorsi dalla firma dell'accordo di Parigi, la Cina, il più grande bruciatore di carbone del mondo, ha visto aumentare la sua quota di energia a carbone del 33%. In confronto, questa cifra è diminuita dell'8% nel resto del mondo.

Allo stesso tempo, la Cina ha l'investimento più significativo nei parchi eolici, che sono cresciuti del 65% nel 2021, aggiungendo 148 TWh, circa elettricità sufficiente per alimentare l'Argentina.

Mentre il Paese sta adottando rapidamente le energie rinnovabili e le fonti di energia pulita, la crescita della domanda di elettricità sta crescendo a un ritmo ancora più rapido. Di conseguenza, il carbone continua a colmare il divario, soddisfacendo il 64% dell'aumento della domanda di elettricità.

"Il principale risultato del rapporto è l'avvertimento che i paesi devono raggiungere la produzione di energia pulita entro il 2035 se si vuole raggiungere l'obiettivo climatico globale di un aumento della temperatura superficiale di 1.5 ºC", ha affermato Cremona. "Per arrivarci, gli asset più grandi sono l'eolico e il solare, e quindi quelli dovrebbero informare le politiche globali nel settore energetico".

"L'aumento della domanda di elettricità è alimentato da tre fattori principali", ha aggiunto. "Il primo è il recupero dal Pandemia di covid-19. La seconda è che molte economie, soprattutto in Asia e non solo in Cina, stanno sostenendo un boom economico, che alimenta la crescita della domanda di elettricità”.

"Il terzo elemento è l'elettrificazione, che di fatto fa parte delle soluzioni di decarbonizzazione”, ha proseguito Cremona. "Ciò significa che in molti paesi, come quelli europei, prevediamo una forte crescita della domanda poiché l'elettricità è sempre più percepita come un'alternativa al gas, con il riscaldamento, ad esempio, che ha iniziato a passare dal gas alle pompe di riscaldamento".

L'Europa è stata una delle prime regioni a iniziare la sua transizione energetica e Cremona ha affermato che il continente potrebbe fungere da modello per altre regioni per effettuare la transizione senza danneggiare le loro economie.

"C'è una spinta affinché l'Europa sia in prima linea come un buon modello su come la transizione energetica possa avvenire in modo sostenibile e giusto", ha affermato Cremona. "Ciò avviene attraverso la spinta delle politiche, che consentono al resto del mondo di vedere un'economia fiorente all'interno di un sistema decarbonizzato. È qui che entra in gioco la narrativa europea, che dimostra che puoi avere una buona economia anche diminuendo le tue emissioni”.

"Quello che vediamo in Europa come una reazione all'aumento dei prezzi del gas e alla guerra russa in Ucraina è che molti paesi stanno emergendo con forza nei loro programmi di transizione verso l'energia verde. C'è questa spinta per accelerare le cose", ha aggiunto Cremona. "La Germania, ad esempio, ha appena pubblicato un piano energetico che mira ad avere il 100% di energie rinnovabili entro il 2030".

Una delle chiavi per affrontare le emissioni globali è rafforzare la cooperazione con i paesi in via di sviluppo che potrebbero non disporre delle risorse per aumentare la produzione di energia pulita.

"Lo stiamo vedendo accadere di più”, ha detto Cremona. "Questo è stato anche rafforzato a COP26. Alcuni paesi si stanno muovendo più rapidamente su questo. La Cina, ad esempio, è la più attiva nella firma di questi accordi. All'interno dell'Europa, stiamo assistendo anche a una crescente cooperazione a favore della transizione e della decarbonizzazione".

Secondo Ember, la transizione verso l'energia verde sta muovendo i primi passi in un mondo eccessivamente complesso in cui i mercati energetici dipendono dalla disponibilità delle risorse, dai conflitti, dalla tecnologia, dalle politiche e dai finanziamenti.

La transizione sta avvenendo anche sullo sfondo degli effetti crescenti del cambiamento climatico – da grave siccità e incendi boschivi a spostamenti delle correnti oceaniche, che stanno avendo tutti un profondo impatto sulla produzione alimentare e popolazioni.

Il rapporto conclude ottimisticamente che c'è ancora tempo per ridurre la crescita della temperatura superficiale, ma l'urgenza cresce in modo esponenziale.

"Abbiamo rapporti, come quello della scorsa settimana Rapporto IPCC, il che ci dice che possiamo ancora farcela se l'azione avviene immediatamente", ha detto Cremona. "Questo è positivo perché ci dice che c'è ancora una finestra di opportunità".

"Ma c'è anche un elemento leggermente negativo se vediamo gli ultimi dati IPCC, poiché la riduzione delle emissioni prevista tre anni fa non è progredita", ha concluso. "Ciò significa che in soli tre anni la situazione è peggiorata e ora dovremmo ridurre le emissioni ancora più rapidamente di quanto stimato in precedenza”.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti