Il trattamento derivato dalle piante contro gli insetti asiatici mostra una promessa per gli olivicoltori

È stato scoperto che una miscela di 11 composti odoranti prodotti naturalmente dai girasoli attira le femmine di cimici marmorizzate marroni. La miscela potrebbe essere utilizzata nelle trappole.

Cimice marmorata marrone
Agosto 4, 2021
Di Paolo DeAndreis
Cimice marmorata marrone

Notizie recenti

Ricercatori in Canada hanno dimostrato che gli odori rilasciati dai girasoli possono fornire una soluzione organica ai problemi di crescita causati dalla cimice marmorata marrone (Halyomorpha halys).

Originario del Giappone, della Cina e della penisola coreana, l'insetto si è diffuso ampiamente dall'Asia orientale negli ultimi decenni al Nord America e all'Unione europea.

Le specie invasive sono diventate un flagello per gli agricoltori come le larve e gli insetti adulti si nutrono di una serie di colture di alto valore. La presenza degli insetti è stata ripetutamente associato con la goccia verde del frutto dell'olivo, condizione in cui le drupe acerbe cadono a terra e diventano inutilizzabili.

Vedi anche:I parassiti e le malattie delle olive saranno al centro della conferenza internazionale di ottobre

Tuttavia, una nuova pubblicazione studio nel Journal of Chemical Ecology suggerisce che gli odori di alcune sostanze chimiche rilasciate dai girasoli mentre fioriscono possono aiutare a frenare la riproduzione degli insetti.

I ricercatori del dipartimento di ricerca di scienze biologiche della Simon Fraser University hanno esaminato le reazioni olfattive della cimice marmorata marrone ai diversi stadi di sviluppo del girasole nano (Eliantoannuus).

pubblicità

Gli scienziati hanno studiato il comportamento dell'insetto in condizioni di laboratorio in aria ferma, con quattro girasoli in vaso in fasi fenologiche distinte (vegetativo, pre-fioritura, fioritura e semina).

Hanno scoperto che la maggior parte delle femmine era attratta dalle piante in fiore ma depositava le uova in modo uniforme su tutte e quattro.

I ricercatori hanno quindi presentato gli insetti a un esperimento olfattometro a due scelte in aria in movimento, che ha testato il loro livello di attrazione per ogni fase fenologica e ha confrontato i risultati con la prova in aria ferma.

"I girasoli in fiore si sono comportati meglio nel complesso, ma nessuno stadio della pianta è stato più attraente in tutti gli esperimenti", hanno scritto i ricercatori.

Hanno catturato e analizzato gli odoranti dello spazio di testa di ogni stadio della pianta, scoprendo che i girasoli avevano un aumento dei composti che emettono odori, tra cui monoterpeni, nella fase di transizione dalla pre-fioritura alla fioritura.

I ricercatori si sono poi concentrati sulla ricerca della giusta miscela di odoranti per attirare gli insetti.

"L'analisi della miscela odorizzante dello spazio di testa del girasole in fiore mediante rilevazione gascromatografica-elettroantennografica ha rivelato 13 odoranti che hanno costantemente suscitato risposte da parte delle femmine H. halys antenne", hanno scritto i ricercatori. "Una miscela sintetica di 11 componenti di questi odoranti ha attratto H. halys femmine in esperimenti di olfattometro di laboratorio”.

La miscela risultante potrebbe essere schierato in trappole che attirerebbero le cimici marmorizzate marroni, tenendole lontane dalle colture più pregiate.

"In particolare in primavera, una miscela semiochimica di girasole più semplice ma pienamente efficace potrebbe essere sviluppata e accoppiata con prodotti sintetici H. halys feromoni di aggregazione per migliorare gli sforzi di monitoraggio o potrebbe migliorare l'efficacia delle tattiche di controllo di attrazione e uccisione modificate per H. halys", Hanno scritto i ricercatori.

Solo in Italia, la cimice marmorata marrone provoca ogni anno circa 85 milioni di euro di danni al settore agricolo.

Secondo gli Stati Uniti Environmental Protection Agency, l'insetto è stato identificato in 38 stati e nel Distretto di Columbia, con agricoltori che hanno riportato danni a varie colture, frutta e verdura.

Di conseguenza, gli scienziati stanno cercando disperatamente di ridurre le loro popolazioni, che spesso superano quelle delle specie endemiche.

Uno sforzo ha visto i ricercatori italiani introdurre la vespa samurai, un predatore naturale della cimice marmorata marrone.

L'obiettivo della sua distribuzione è contenere la presenza del bug di almeno il 60 percento nella maggior parte delle aree, ma gli esperti hanno affermato che ci vorrebbero alcune stagioni per determinare se il piano funziona.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti