Studio: il passaggio a diete a base vegetale può ridurre le emissioni globali e catturare CO2

Questo nuovo approccio al mangiare nelle nazioni ad alto reddito ridurrebbe più della metà di tutte le emissioni di gas serra.
Gennaio 12, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Ridurre il consumo di carne è uno dei modi in cui i paesi possono ridurre le proprie emissioni di gas serra e sequestrare più carbonio, secondo un studio recentemente pubblicato su Nature Food.

Non dobbiamo essere puristi su questo. Anche solo ridurre l'assunzione di animali sarebbe utile.- Paul Behrens, ricercatore ambientale, Università di Leiden

La riduzione delle diete a base di carne nei paesi più sviluppati potrebbe ridurre fino a 100 miliardi di tonnellate di emissioni di gas serra, circa un decimo delle emissioni globali totali, secondo l'Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti.

Passaggio a diete a base vegetale significherebbe anche che vaste estensioni di terreno attualmente utilizzate per il pascolo del bestiame e la coltivazione di cibo per il consumo del bestiame potrebbero diventare nuove fattorie naturali che sequestrano il carbonio.

A sua volta, ciò fornirebbe ai paesi un'ulteriore strada per raggiungere gli obiettivi di riduzione dell'anidride carbonica inizialmente stabiliti nell'accordo di Parigi sul clima.

Vedi anche:Copertura del cambiamento climatico

Secondo i ricercatori, un importante cambiamento nelle abitudini alimentari in 54 paesi che rappresentano il 68% del prodotto interno lordo (PIL) globale e il 17% della popolazione mondiale potrebbe ridurre del 61% le emissioni annuali di produzione alimentare.

Studi precedenti hanno dimostrato che le emissioni legate alla produzione alimentare di origine animale lo sono almeno il doppio come quelli derivanti dalla produzione di colture per il consumo umano.

pubblicità

Ora, gli scienziati si stanno concentrando sul ruolo che i paesi sviluppati possono svolgere in questo cambiamento poiché le persone in questi paesi generalmente hanno accesso a una più ampia scelta di prodotti alimentari.

"Abbiamo esaminato le regioni a reddito più elevato perché hanno molte opzioni a base vegetale per proteine ​​e altri bisogni nutrizionali", ha scritto Paul Behrens, l'autore principale dello studio e ricercatore presso l'Università di Leiden. "Nelle regioni a basso reddito, le persone consumano meno proteine ​​animali, ma spesso fanno affidamento su di esse per la propria salute”.

Secondo lo studio, il ritorno allo stato naturale dei terreni agricoli utilizzati per allevare e nutrire il bestiame consentirebbe ai paesi in cui si trovano di sequestrare 14 anni di emissioni di anidride carbonica agricola fino alla maturazione della vegetazione naturale.

La ricerca attuale ha dimostrato che la capacità della vegetazione e delle foreste di sequestrare il carbonio può rallentare progressivamente con la maturazione delle piante.

"È una straordinaria opportunità per la mitigazione del clima", ha scritto Behrens. "Ma avrebbe anche enormi vantaggi per la qualità dell'acqua, la biodiversità, l'inquinamento atmosferico e l'accesso alla natura, solo per citarne alcuni".

"Ci sono centinaia di documenti che mostrano quanto sia importante per noi essere nella natura per la nostra salute e questi cambiamenti aprirebbero vasti appezzamenti di terra per il rewilding vicino a dove vivono le persone”, ha aggiunto.

Behrens ritiene che i governi dovrebbero sovvenzionare gli agricoltori per proteggere la biodiversità e sequestrare il carbonio.

I ricercatori hanno considerato l'impatto dell'abbandono delle diete a base di carne confrontandole con le EAT-Dieta planetaria lancetta, una rassegna scientifica di ciò che costituisce una dieta sana in un sistema di produzione alimentare sostenibile esteso alla popolazione mondiale.

Le verdure costituiscono la parte più significativa di quella dieta, con solo una frazione delle proteine ​​derivanti dal cibo animale. In una tale dieta, i grassi vengono consumati sotto forma di oli vegetali, come l'olio d'oliva.

Il team internazionale di ricercatori ha anche notato che anche solo ridurre del 50% l'attuale assunzione di cibo per animali nelle nazioni ricche porterebbe grandi benefici.

"Non dobbiamo essere puristi su questo. Anche solo ridurre l'assunzione di animali sarebbe utile", ha concluso Behrens. "Immagina se metà del pubblico nelle regioni più ricche tagliasse metà dei prodotti animali nelle loro diete. Stai ancora parlando di un'enorme opportunità in termini di risultati ambientali e salute pubblica".



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti