Gli ulivi combattono l'inquinamento atmosferico, nuovi spettacoli di ricerca

VegPM, un progetto di ricerca toscano, dimostra che alcune specie arboree possono combattere l'inquinamento atmosferico da particolato (PM) e migliorare la qualità dell'aria negli ambienti urbani.
Shanghai
di Francesca Gorini
17 gennaio 2023 15:10 UTC

Le olive sono tra le specie arboree che possono contribuire al meglio alla pulizia dell'aria, secondo i risultati di VegPM, progetto di ricerca coordinato dall'Università di Firenze. Questo progetto mirava a identificare le piante autoctone più adatte alla lotta inquinamento dell'aria causato dal particolato (PM).

Lanciato nel 2020 e sostenuto con 180.000 euro dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, il progetto VegPM ha raccolto dati da quattro comuni italiani in Toscana interessate da elevati livelli di polveri sottili: Lucca, Porcari, Capannori e Altopascio. Oltre agli ulivi, il gruppo di ricerca ha rivelato che Laurel (Laurus nobilis), ligustro (Ligustrum), oleandro (Nerio oleandro), Magnolia (Magnolia grandiflora) e alloro ciliegino (Prunus lauroceraso) potrebbe anche migliorare la qualità dell'aria.

Il particolato è una miscela di particelle solide e liquide, organiche e inorganiche. Queste particelle si disperdono nell'aria e sono altamente pericolose per la salute umana. Il traffico stradale è la principale fonte di PM, ma gli impianti di riscaldamento, gestione dei rifiuti e agricoltura può anche causare un eccesso di PM.

Le particelle sono comunemente classificate in base al loro diametro in tre categorie: "grossolano” (PM10), "bene” (PM2.5) e "ultrafine” (PM0.2). La dimensione delle particelle determina come influenzano il sistema respiratorio ed entrano nel flusso sanguigno.

Vedi anche:Health News

L'esposizione prolungata al PM10, in particolare, può causare effetti gravi, come ad es cardiovascolare e disagio respiratorio, cronico allergiee persino mortalità prematura nei bambini. Studi epidemiologici hanno anche dimostrato che la vicinanza di strade trafficate è associata malattie respiratorie croniche nei bambini e negli anziani. In un ambiente urbano, questi effetti dannosi possono essere intensificati da pericolosi metalli pesanti causato dall'esposizione a oli, pneumatici, carburante, vernici metalliche e rifiuti.

Pertanto, lo sviluppo di azioni concrete di mitigazione è una delle sfide più critiche per i governi locali. Molti comuni hanno cercato di progettare in modo efficace "foreste urbane”. Questi richiedono specie vegetali appropriate da piantare lungo le strade o vicino ad aree altamente inquinate. Affinché questa nuova strategia funzioni, le piante scelte dovrebbero rispondere a stress idrico e contenere Livelli di CO2.

Il progetto VegPM fa dell'intera area che comprende Lucca, Porcari, Capannori e Altopascio – circa 100 km² – l'innovativo luogo di sperimentazione del modello di verde urbano. Lucca, Porcari, Capannori e Altopascio hanno le più alte concentrazioni di PM10, diossido di azoto e ozono in tutta la Toscana, secondo la mappa regionale annuale della qualità dell'aria diffusa da Arpat.

"Alcune specie vegetali possono fungere da filtri naturali del particolato intercettando e trattenendo le particelle sulla loro superficie fogliare: il nostro obiettivo era identificare, testare e selezionare le più promettenti tra le specie autoctone della nostra nicchia climatica al fine di renderle candidate ideali per intraprendere attività locali azioni da ridurre in modo significativo inquinamento dell'aria”, afferma il coordinatore del progetto Federico Martinelli, professore associato di Genetica presso il Dipartimento di Biologia dell'Università di Firenze.

"Come primo passo, abbiamo effettuato un ampio screening delle specie disponibili in grado di assorbire/intrappolare più particolato, metalli pesanti e ozono: abbiamo combinato studi fisiopatologici con le tecniche di analisi molecolare e genotipizzazione messe a disposizione dalle apparecchiature di sequenziamento disponibili presso il Dipartimento di Biologia dell'Università di Firenze, in modo da comprendere le meccanismi molecolari che sono alla base della modulazione delle caratteristiche positive. Poi, nel 2021, in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche, abbiamo avviato la parte sperimentale del progetto realizzando una rete di sedici centraline sul territorio, in grado di monitorare i principali inquinanti atmosferici e raccogliere dati sia quantitativi che qualitativi . Integrando i valori registrati dai centri di monitoraggio con il particolato accumulato nelle foglie di ciascuna specie analizzata, siamo riusciti a classificare le specie con i valori di deposizione di PM più elevati».

I ricercatori hanno raccolto campioni di foglie separati per ogni albero. I valori di deposizione di ciascuna frazione di PM sono stati confrontati e analizzati rispetto ai livelli medi di particolato registrati durante l'anno. Usando questo processo, i ricercatori potrebbero classificare ogni specie in base alla loro capacità di accumulare particelle fini e ultrafini. L'hanno scoperto ulivi, in particolare, dimostrano un'elevata capacità di accumulo.

"Questa caratteristica, insieme alla loro capacità di tollerare stress come siccità e salinità, li rende uno dei candidati più promettenti. In ambito urbano la loro presenza è ancora più importante perché assorbono naturalmente anidride carbonica e rilasciare ossigeno, essenziale per la vita di ogni essere umano”.

Dati i risultati sperimentali del progetto VegPM, i ricercatori sperano che vengano intraprese ulteriori ricerche e che dimostrino la capacità di alcuni alberi di annullare gli effetti dannosi della vita in un ambiente urbano.

"Per ora i nostri studi si sono concentrati solo sugli impianti esistenti. Ma cosa accadrebbe su nuove piante piantate? La concentrazione di PM diminuirebbe di più? Spero che questa domanda possa stimolare un seguito del progetto”, aggiunge Martinelli.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti