`Consiglio oleicolo: la produzione dovrebbe rimbalzare nell'annata 2021/22 - Olive Oil Times

Consiglio oleicolo: la produzione dovrebbe rimbalzare nell'anno di raccolto 2021/22

Gennaio 19, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

globali olive oil produzione ha raggiunto le 3,010,000 tonnellate nella campagna 2020/21, secondo gli ultimi dati della Consiglio oleicolo internazionale (IOC).

Il totale finale per l'anno di raccolto precedente è stato di circa l'3,266,500% inferiore alle 2019 tonnellate riportate nel 20/-.

Tuttavia, i dati annuali pubblicati dal CIO mostrano che è previsto un parziale rimbalzo nella campagna 2021/22, con una produzione che raggiungerà le 3,098,500 tonnellate, circa il tre percento in più rispetto alla stagione precedente.

Vedi anche:Slip delle importazioni globali di olio d'oliva

Il clima difficile in molte parti del mondo potrebbe aver avuto un ruolo nello stressare gli uliveti e nel ridurre la produzione complessiva nell'attuale anno agricolo.

Un insolito e forte gelo primaverile in tutta Europa, ondate di caldo e siccità in tutto il bacino del Mediterraneo ed eventi climatici straordinari, come violente grandinate e grandi incendi, ha contribuito a una stagione complessa per molti paesi produttori.

Il CIO ha riferito che il 93 per cento del totale olive oil proproduzione – 2,809,500 tonnellate – proveniva dai suoi 16 paesi membri e dall'Unione Europea.


Nella campagna 2020/21, il L'Unione Europea ha sovraperformato i risultati dell'anno di raccolto precedente del 6.8 percento, principalmente a causa del rendimenti più elevati registrati in Spagna.

La più grande olive oil producer ha registrato un aumento del 23%, raggiungendo 1,389,000 tonnellate. Nel frattempo, produzione in Grecia era stabile a 275,000 tonnellate, I rendimenti italiani sono scesi 25 per cento a 273,500 tonnellate e il Portogallo ha visto il suo calo di produzione del 29 per cento a 100,000 tonnellate.

Al di fuori dell'UE, i dati del CIO mostrano un 8.7%. calo in Turchia, la cui produzione ha raggiunto le 210,000 tonnellate e un aumento del 10 per cento in Marocco a 160,000 tonnellate. Nel frattempo, l'Algeria ha visto la sua produzione diminuire del 44% a 70,500 tonnellate.

Tuttavia, il calo maggiore della produzione nell'Africa settentrionale è stato segnalato dalla Tunisia, di cui rendimento è sceso del 68 per cento a 140,000 tonnellate.

Secondo il CIO, consumo di olio d'oliva è sceso di oltre il quattro percento a 3,125,000 tonnellate nella campagna 2020/21. Di questo totale, i paesi membri del CIO hanno consumato 2,054,000 tonnellate di olio d'oliva.

Il CIO prevede che il consumo mondiale di olio d'oliva aumenterà di quasi il tre percento nella campagna 2021/22 per raggiungere 3,214,500 tonnellate.

L'UE è dovrebbe produrre 1,974,100 tonnellate di olio d'oliva nello stesso periodo, il 3.8% in meno rispetto alla stagione precedente. Complessivamente, il CIO prevede che i paesi membri produrranno 2,910,500 tonnellate di olio d'oliva.

Il CIO ha anche stimato una diminuzione del 10%. produzione di olive da tavola nella campagna 2020/21, con una resa totale che scende a 2,661,000 tonnellate.

La Spagna ha registrato una crescita del 19 percento e ha prodotto poco più del 20 percento delle olive da tavola a livello globale. Tuttavia, l'Egitto ha visto la sua produzione di olive da tavola diminuire del 23%.

Per la campagna 2021/22, il CIO prevede un aumento della produzione del 2,486,500% a 1.2 tonnellate, con un consumo in crescita dell'-% rispetto all'anno precedente.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti