`L'Olive Council incorpora la Banca del germoplasma nel trattato globale - Olive Oil Times

Il Consiglio oleicolo incorpora la Banca del germoplasma nel trattato globale

Di Ofeoritse Daibo
24 giugno 2024 17:18 UTC

Il Consiglio oleicolo internazionale (CIO) ha deciso di incorporare la Banca mondiale del germoplasma dell'olivo nel Trattato internazionale sulle risorse fitogenetiche per l'alimentazione e l'agricoltura.

Il trattato, firmato anche dal Ministero spagnolo dell’Agricoltura, della Pesca e dell’Alimentazione e dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, svolge un ruolo importante nel preservare la biodiversità agricola su scala globale e nel garantire una distribuzione giusta ed equa.

"Il Trattato internazionale sulle risorse fitogenetiche per l’alimentazione e l’agricoltura stabilisce un sistema multilaterale per facilitare l’accesso alle risorse fitogenetiche per l’alimentazione e l’agricoltura e per condividere in modo giusto ed equo i benefici derivanti dal loro utilizzo”, ha affermato Lhassane Sikaoui, capo della l'unità olivicola, tecnologia olearia e ambiente del CIO

Vedi anche:La scoperta di nuove varietà di olivo in Italia stimola lo sviluppo dell'app

"Prevede ex situ collezioni di risorse fitogenetiche per l’alimentazione e l’agricoltura detenute da centri internazionali di ricerca agricola e da altre istituzioni internazionali”, ha aggiunto.

Secondo Sikaoui, il trattato stabilisce un’efficace strategia di cooperazione tra i paesi membri con le proprie banche di germoplasma e collezioni approvate dal CIO per scambiare materiale genetico per scopi scientifici e pratici e sviluppare una strategia di conservazione globale.

Molti paesi membri del COI dispongono di una propria raccolta nazionale di risorse genetiche dell'olivo. Il consiglio ha inoltre creato sei banche internazionali del germoplasma olivicolo a Córdoba, in Spagna; Marrakech, Marocco; Smirne, Turchia; San Juan, Argentina; il Vulcani Institute israeliano; e Consiglio italiano per la ricerca agricola e l'analisi dell'economia agraria.

"Il governo spagnolo è stato il primo a rispondere, esprimendo interesse ad avere il Banca Spagnola del Germoplasma dell'Olivo, con le sue diverse collezioni dell'Istituto Andaluso di Ricerca e Formazione in Agricoltura e Pesca (IFAPA) e dell'Università di Córdoba, riconosciute dal trattato", ha affermato Sikaoui.

"Il primo accordo è stato firmato il 14 giugnoth presso la sede del Ministero spagnolo dell’Agricoltura e della Pesca”, ha aggiunto. "Anche altri paesi, come il Marocco, hanno espresso interesse a firmare un accordo con il trattato”.

Sikaoui ha affermato che i prossimi passi nell'attuazione del trattato riguarderanno lo sviluppo di un database di tutto il materiale genetico di ciascuna raccolta e banca del germoplasma.

"I dati accumulati nel tempo contribuiranno allo sviluppo di un database sulle caratteristiche di varie varietà precoci, che sono al centro del progetto True Salutey Olive Cultivars del CIO e sono ospitate nel deposito dell'Università di Córdoba ", ha affermato.

"Il rafforzamento di questa rete fungerà da risorsa globale accessibile alla comunità scientifica e fornirà agli asili nido una fonte di materiale sano e autentico per gli utenti finali”, ha aggiunto Sikaoui. "Di conseguenza, ciò consentirà al settore di accedere a varietà più adatte alle condizioni climatiche in evoluzione".

Gli impatti dei cambiamenti climatici sull’olivicoltura rimangono una preoccupazione pervasiva per gli agricoltori. Il sessantatre per cento degli intervistati al 2023 Olive Oil Times Sondaggio sul raccolto hanno citato il cambiamento climatico come la loro principale preoccupazione.

Gli intervistati hanno citato il caldo eccessivo, la siccità e la pioggia come i principali fattori che incidono sul raccolto 2023. Sebbene nessun singolo evento climatico possa essere attribuito al cambiamento climatico, temperature globali in aumento aumentare la probabilità di sbalzi climatici estremi.

"L'oliveto si trova in un momento storico in cui si trova ad affrontare grandi sfide ", ha affermato Sikaoui. "Le condizioni climatiche in cui si sviluppa questa coltura stanno cambiando rapidamente e occorre adattarla a questi nuovi scenari”.

"Il miglioramento genetico varietale è uno dei principali strategie di adattamento per affrontare le sfide poste dai cambiamenti climatici – varietà resistenti a parassiti e malattie, adattato a alte temperature durante la fioritura e minor accumulo di freddo ore in inverno, siccitàecc.", ha aggiunto. "Stiamo inoltre assistendo a un significativo processo di erosione genetica: tre ettari su quattro di nuovi impianti di olivo provengono da un’unica varietà”.

Oltre ad aumentare la capacità degli scienziati di studiare il materiale genetico dell'olivo e degli agricoltori di sperimentare nuovi tipi di olive, la partnership metterebbe anche in evidenza il sforzi dei donatori, che negli anni hanno fornito fondi e materiale genetico alle collezioni di germoplasma.

Sikaoui ha affermato che il CIO non vede l'ora di discutere il trattato con i membri e di iniziare a sviluppare una strategia globale per conservare il patrimonio genetico dell'olivo e scambiare materiale genetico.

"A tal fine, nell'aprile 2025 si svolgerà a Marrakech un seminario internazionale sulle risorse genetiche delle piante di olivo ", ha affermato Sikaoui. Questo workshop affronterà varie questioni, tra cui il quadro operativo della rete e la formulazione di una strategia globale per preservare, mantenere e valorizzare le risorse genetiche delle piante di olivo.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati