Il Consiglio oleicolo, Europa, collabora sulla limitazione dei contaminanti nell'olio d'oliva

Il CIO ha comunicato all'UE la soglia per poter tranquillamente consumare il prodotto chimico 3-MCPD, che si trova negli oli vegetali raffinati.

Gli oli vegetali raffinati contengono la sostanza chimica 3-MCPD, che può essere pericolosa per la salute umana in alte concentrazioni
Giu. 8, 2019
Di Daniel Dawson
Gli oli vegetali raffinati contengono la sostanza chimica 3-MCPD, che può essere pericolosa per la salute umana in alte concentrazioni

Notizie recenti

Consiglio oleicolo internazionale (IOC) ha presentato raccomandazioni al Unione europea (UE) a livello di una sostanza chimica potenzialmente cancerosa che può essere tranquillamente consumata nell'olio d'oliva.

L'organismo sovranazionale che governa il globale qualità dell'olio d'oliva e gli standard hanno dichiarato all'UE che 1.25 milligrammi per chilogrammo è la soglia per poter tranquillamente consumare il 3-monocloropropano diolo chimico (o esteri 3-MCPD) in olio d'oliva.

L'UE non disponeva di dati sufficienti per gli oli d'oliva e pertanto vi sarebbe stato il rischio che gli oli d'oliva fossero inclusi nel gruppo da 2.5 milligrammi per chilogrammo.- Segretario generale del CIO

Gli esteri 3-MCPD vengono aggiunti inavvertitamente ad alcuni oli vegetali e alimenti trasformati durante il processo di raffinazione.

"L'UE non disponeva di dati sufficienti per gli oli d'oliva e quindi ci sarebbe stato il rischio che gli oli d'oliva fossero inclusi nel gruppo da 2.5 milligrammi per chilogrammo ", ha annunciato il Segretariato generale del CIO nel Newsletter mensile.

Vedi anche:Notizie sulla qualità dell'olio d'oliva

A seconda del tipo di grasso in un particolare olio vegetale, gli esteri 3 ‑ MCPD non sono risultati nocivi in ​​concentrazioni inferiori a 2.5 milligrammi per chilogrammo o 1.25 milligrammi per chilogrammo.

"In particolare, i dati hanno mostrato chiaramente che gli oli di oliva vergini non contengono quantità quantificabili di questo composto tossico, grazie all'assenza di alcun processo di raffinazione ", afferma il rapporto.

pubblicità

La sansa di olio d'oliva e gli oli d'oliva raffinati hanno rilevato una soglia di 1.25 milligrammi per chilogrammo dal CIO, che ha chiesto sia ai ricercatori interni che ai paesi membri di testare in modo indipendente le soglie di sicurezza prima di trasmettere i risultati all'UE.

L'UE sta rivedendo i suoi standard di sicurezza sull'assunzione giornaliera tollerabile di esteri 3-MCPD dopo che uno studio separato svolto dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) è giunto a una conclusione diversa da quella dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA ) studio originale fatto.

"L'EFSA ha deciso di rivedere la sua valutazione dopo che il comitato congiunto FAO / OMS di esperti sugli additivi alimentari delle Nazioni Unite ha successivamente stabilito un diverso livello di sicurezza ", ha affermato Christer Hogstrand, il presidente del gruppo scientifico che ha condotto lo studio originale e lo studio rivisto.

Il consumo di esteri 3-MCPD ad alte concentrazioni ha dimostrato di essere genotossico, il che significa che può causare cancro. Il rapporto delle Nazioni Unite ha anche scoperto che gli esteri 3-MCPD possono causare danni ai reni e abbassare i tassi di fertilità negli uomini.

"Abbiamo ricontrollato i dati relativi agli effetti sullo sviluppo e sulla riproduzione, in particolare sulla fertilità maschile, in quanto sono stati evidenziati da [il rapporto] ”, ha affermato Hogstrand. "Abbiamo calcolato i livelli ai quali potrebbero verificarsi effetti avversi sul rene e sulla fertilità maschile. L'assunzione giornaliera tollerabile aggiornata è protettiva per entrambi i tipi di effetti. "

Il CIO ha discusso le sue conclusioni sulle soglie di sicurezza degli esteri 3-MCPD da quest'anno Riunione del Consiglio dei membri, che si è tenuto in Marocco.

Durante l'incontro, l'organizzazione ha anche discusso dei metodi per misurare la presenza di oli minerali e idrocarburi policiclici aromatici (HAP) nell'olio di oliva, entrambi reperibili nell'ambiente e cancerogeni in concentrazioni sufficientemente elevate.

"Tutti questi contaminanti sono praticamente ovunque, ma è importante lavorare verso una riduzione per garantire la presenza più bassa possibile ", ha detto il CIO.

Per concludere l'incontro in Marocco, il CIO ha discusso i risultati di un ring-test del 2018 sulla determinazione di residui di pesticida. L'organizzazione ha affermato che proseguiranno questi test per determinare i limiti massimi di residui consentiti negli oli di oliva e in altri prodotti di oliva.

"È stato inoltre messo in evidenza che sono necessarie ulteriori informazioni sul fattore di trasformazione dei pesticidi dall'applicazione sul campo al prodotto finale, e pertanto verranno contattati più laboratori per richiedere dati, per future discussioni al CIO e potenzialmente essere forniti a l'EFSA ", ha affermato il CIO.





Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti