Maggio ha segnato un altro anno da record per il caldo

I risultati hanno spinto il Segretario Generale delle Nazioni Unite a chiedere un divieto globale di pubblicità per l’industria dei combustibili fossili.

Di Costas Vasilopoulos
15 giugno 2024 14:14 UTC
130

Dopo un nuovo rapporto dal Copernicus Climate Change Service dell’Unione Europea ha scoperto che il maggio 2024 è stato il maggio più caldo di sempre, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha chiesto un divieto globale della pubblicità sui combustibili fossili.

"Esorto ogni Paese a vietare la pubblicità delle aziende produttrici di combustibili fossili", ha affermato Guterres nel suo discorso all'American Museum of Natural History di New York. "E invito i media e le aziende tecnologiche a smettere di fare pubblicità ai combustibili fossili”.

"Abbiamo bisogno di una rampa di uscita dall’autostrada verso l’inferno climatico. La battaglia per 1.5 gradi sarà vinta o persa negli anni 2020.- António Guterres, segretario generale dell'ONU

Secondo il rapporto Copernicus, maggio 2024 è stato il maggio più caldo mai registrato, segnando anche 12 mesi consecutivi (da giugno 2023 a maggio 2024) tra i mesi più caldi di sempre.

"Nell’ultimo anno, ogni svolta del calendario ha aumentato il calore”, ha detto Guterres.

Vedi anche:Alberi meno efficaci nel sequestrare il carbonio in un mondo più caldo e secco

"Cambiamento climatico è la madre di tutte le tasse nascoste pagate dalla gente comune e dai paesi e comunità vulnerabili”, ha aggiunto. “Nel frattempo, i padrini del caos climatico – l’industria dei combustibili fossili – rastrellano profitti record e banchettano trilioni in sussidi finanziati dai contribuenti”.

Guterres ha ribadito la sua proposta per una tassa globale sulle società di combustibili fossili' 'profitti inaspettati, esortando anche le istituzioni finanziarie mondiali a fermarsi "finanziare la distruzione dei combustibili fossili e iniziare a investire in una rivoluzione globale delle energie rinnovabili”.

I gruppi che producono combustibili fossili hanno risposto alle affermazioni del capo delle Nazioni Unite, affermando che affrontare il cambiamento climatico è un aspetto importante della loro produzione energetica.

"Il nostro settore è concentrato nel continuare a produrre energia affidabile e a prezzi accessibili affrontando al tempo stesso la sfida climatica, e qualsiasi accusa contraria è falsa”, ha affermato Megan Bloomgren, vicepresidente senior delle comunicazioni presso l’American Petroleum Institute.

Mentre l’aumento delle temperature globali è principalmente attribuito alle emissioni umane di gas che riscaldano il pianeta, il El Niño Anche il fenomeno climatico ha contribuito a a pianeta più caldo nel 2023 e i primi mesi del 2024.

I dati di Copernicus hanno anche mostrato che le temperature medie globali nel periodo di 12 mesi sono state le più alte mai registrate, salendo a 0.75 ºC sopra la media dal 1991 al 2020 e 1.65 ºC sopra i tempi preindustriali (1850-1900).

Tuttavia, la soglia del riscaldamento globale non è stato superato poiché per superare il limite è necessario un aumento della temperatura media globale di oltre 1.5 ºC nell’arco di diversi decenni rispetto alle temperature preindustriali.

Gli scienziati avvertono da tempo che il superamento della soglia di 1.5°C avrà un impatto irreversibile sui sistemi umani e naturali del pianeta.

Secondo uno studio condotto da 57 scienziati in tutto il mondo, se l’umanità continuerà a fare affidamento sui combustibili fossili per produrre energia, in 4.5 anni il pianeta raggiungerà un punto in cui sarà inevitabile superare la soglia del riscaldamento globale.

"Abbiamo bisogno di una rampa di uscita dall’autostrada verso l’inferno climatico”, ha detto Guterres. "La battaglia per 1.5 gradi sarà vinta o persa negli anni ’2020”.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati