globali Olive Oil Prola produzione raggiungerà 4.4 milioni di tonnellate entro il 2050, progetti esperti

I boschetti intensivi supereranno in numero le fattorie tradizionali tra trent'anni e il numero di paesi produttori di olio d'oliva salirà a 80, afferma Juan Vilar.

Dicembre 6, 2021
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Per quasi due decenni, Juan Vilar ha studiato l'evoluzione del mondo olive oil produzione. Il suo ultimo progetto ha comportato la raccolta di dati da tutti i 66 paesi produttori di olio d'oliva e la realizzazione di proiezioni sul futuro del settore.

Il fondatore e CEO di Juan Vilar Consulenti strategici e professore all'Università di Jaén ha detto Olive Oil Times che si aspetta una transizione costante da boschetti tradizionali ad alta densità e super-alta densità (detti anche intensivi e superintensivi), soprattutto perché l'olivicoltura si espande verso nord.

I moderni uliveti sarebbero responsabili della produzione del 77 percento del totale dei 4.4 milioni di tonnellate stabili che verranno prodotte (entro il 2050).- Juan Vilar, consulente strategico

"La tendenza è che la superficie degli oliveti con pendenza elevata e moderata in terra asciutta si riduce e la superficie dicrescono gli uliveti moderni, in particolare il moderno uliveto nella corona e le siepi irrigate ", ha affermato.

"Si prevede che l'area dell'oliveto passerà da 11,594,986 ettari, attualmente, a 15,259,471 ettari entro il 2050 ", ha aggiunto Vilar. "Cioè, in 30 anni, la proiezione dell'area dell'oliveto dovrebbe aumentare del 32 percento rispetto al 2021 ".

Vedi anche:5.5 milioni di ettari di oliveti tradizionali a rischio di abbandono

"Nell'anno 2041, la superficie mondiale degli uliveti sarà di 14.1 milioni di ettari, di cui il 39 percento sono uliveti tradizionali, rispetto ai 7.1 milioni del 1991, di cui il 92 percento erano tradizionali ", ha continuato. "E si stima che entro l'anno 2041 ci saranno 80 paesi produttori di olio d'oliva, in aumento da 26 in 1991. "

"Tutto questo è facilmente proiettabile quando si ha la tendenza dell'evoluzione nella composizione dell'oliveto e della tipologia dei 66 attuali paesi produttori negli ultimi 40 anni e si conoscono gli attuali dati di trasformazione e piantagione ", ha affermato Vilar. "Il resto lo fa l'analisi matematica, tenendo conto delle distorsioni cicliche del mercato, che esistevano anche in precedenza».

pubblicità

Sulla base delle sue proiezioni, Vilar ha detto che cambiamento climatico avrà due profondi impatti sul futuro di olivicoltura.

La futura disponibilità di acqua costringerà i produttori a diventare più efficienti e responsabili nella semina e nell'irrigazione dei loro boschetti. Anche il cambiamento dei modelli meteorologici in tutto il mondo condizionerà come olive oil produzione si evolve nel bacino del Mediterraneo.

"In effetti, il cambiamento climatico agirà da catalizzatore negativo in un'area e da impulso positivo in altre", ha affermato Vilar. "Tutto questo dipenderà dal fatto che si tratti di un Paese con un clima caldo e secco o un clima umido e freddo».

"Teniamo presente che l'olivo è già coltivato in Canada, Germania e United Kingdom", Ha aggiunto. "Questo era impensabile 10 anni fa. Senza dubbio, in soli 15 anni debutteranno quasi 20 nuovi paesi produttori”.

Vilar prevede che la maggior parte dei nuovi uliveti piantati, sia nei paesi produttori di olio d'oliva tradizionali che in quelli nuovi, sarà ad alta e super-alta densità, il che si tradurrà in un massiccio aumento della crescita globale olive oil produzione.

Attualmente, gli uliveti tradizionali rappresentano il 68 percento della superficie dell'oliveto e gli oliveti ad alta densità e super-alta densità rappresentano l'altro 32 percento.

produzione-aziendale-mondo-la-produzione-globale-di-olio-d'oliva-raggiungerà-44 milioni-di-tonnellate-entro il 2050-progetti-esperti-tempo-di-olio-d'oliva

Juan Villar

Tuttavia, Vilar ritiene che queste cifre saranno più o meno capovolte entro la metà del secolo, quando si stima che 15.3 milioni di ettari di terreni agricoli saranno dedicati all'olivicoltura.

"Della superficie totale, il 40 percento - 5.5 milioni di ettari - sarebbero uliveti tradizionali non trasformabili, che produrrebbero il 23 percento di tutto il petrolio generato da allora sul pianeta ", ha affermato.

"Il restante 60 percento della superficie, occupata da moderni uliveti (principalmente a siepi), sarebbe responsabile della produzione del 77 percento dei 4.4 milioni di tonnellate stabili che saranno prodotte in quel momento, con una capacità nominale piena di 5.8 milioni di tonnellate, oltre a una percentuale maggiore di olio vergine ed extra vergine di oliva ", ha aggiunto. "Ci sarà una maggiore specializzazione varietale”.

Attualmente, globale olive oil prola produzione è di circa 3.12 milioni di tonnellate ogni anno, con il massimo totale di 3.38 milioni di tonnellate prodotte nell'annata 2017/18.

La produzione aumenterà costantemente perché la maggior parte degli uliveti nei 14 nuovi paesi produttori di olio d'oliva dovrebbero essere piantati ad alta o super-densità. Molti tradizionali olive oil proi produttori passeranno anche a piantagioni a densità più elevata.

Vedi anche:Gli olivicoltori intensivi contribuiscono alla desertificazione in Spagna, avvertono gli esperti

"Alcuni paesi che sperimenteranno un passaggio dagli uliveti tradizionali a una percentuale più elevata di uliveti e siepi intensivi saranno Spagna, Grecia, Italia, Portogallo, Tunisia e Turchia", ha affermato Vilar.

Nonostante questa transizione, la concentrazione di oliveti dovrebbe essere un po' più diffusa in futuro. Tuttavia, Vilar ha affermato che i tradizionali paesi produttori di olio d'oliva non devono preoccuparsi di essere superati presto dai nuovi arrivati.

Attualmente, l'87 percento degli uliveti del mondo si trova in nove paesi del Mediterraneo. Tuttavia, questa cifra diminuirà poiché il cambiamento climatico farà sì che nuove aree diventino sempre più adatte alla coltivazione dell'olivo e altre a diventa meno così.

"Teniamo presente che nei prossimi 32 anni è prevista un'evoluzione positiva del 30% della superficie", ha affermato Vilar.

"Senza dubbio, in quegli 80 paesi produttori, solo 10 continueranno a detenere più del 70 per cento della superficie totale", ha concluso. "L'incorporazione di nuovi produttori aumenterà il consumo per familiarità, ma in nessun caso rappresenteranno una minaccia per quegli uliveti ".


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti