Secondo uno studio, l'agricoltura globale perde miliardi di ore di lavoro a causa del riscaldamento

Una nuova ricerca mostra che miliardi di ore di lavoro sono state perse a causa del calore eccessivo a livello globale. La tendenza accelererà nei prossimi decenni man mano che il pianeta si riscalda.
Dicembre 22, 2021
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Più di 675 miliardi di ore di lavoro vengono perse ogni anno a causa del calore e dell'umidità eccessivi, secondo un nuovo studio dall'Istituto di Fisica, senza scopo di lucro.

La ricerca conferma proiezioni di perdite di lavoro annue molto più alte di quanto stimato in precedenza, pari all'1.7 per cento del PIL mondiale.

Secondo gli scienziati, queste perdite colpiscono principalmente l'agricoltura e l'edilizia, ma colpiscono molti settori diversi.

Vedi anche:Copertura climatica

A livello globale, la perdita di produttività legata al calore eccessivo supera i 2.1 trilioni di pollici potere d'acquisto – il valore della moneta in termini di numero di beni o servizi che un'unità di moneta può acquistare. Hanno aggiunto che il 10 percento della capacità produttiva viene perso a causa di condizioni di lavoro all'aperto insopportabili.

Secondo i ricercatori, circa il 30% di tali perdite potrebbe essere recuperato spostando l'orario di lavoro e riprogrammandolo durante le ore più fresche della giornata. Tuttavia, gli effetti di tali misure di adattamento si ridurranno man mano che le temperature globali continuare a salire.

pubblicità

Negli ultimi quattro decenni, le perdite di lavoro legate al calore sono aumentate di almeno il 0.5%, una tendenza che dimostra come anche piccoli cambiamenti, a partire da un aumento di - ºC delle temperature medie globali, potrebbero avere un impatto sulla produttività del lavoro.

Un altro studio, pubblicato su Nature Communications, mostra come la perdita di produttività sia direttamente correlata all'aumento del riscaldamento e che siano necessarie ulteriori misure di adattamento per ridurre le perdite e garantire la sicurezza dei lavoratori in settori essenziali dell'economia.

"Il globo si è riscaldato negli ultimi decenni. L'esposizione al calore umido è aumentata e il travaglio è già stato colpito", ha detto Luke Parsons, associato post-dottorato e docente alla Duke University e coautore di entrambi gli studi. Olive Oil Times.

"È possibile stimare le perdite di manodopera dovute all'esposizione al caldo umido negli ultimi 40 anni e come queste perdite sono cambiate in varie regioni", ha aggiunto.

Il caldo e il caldo umido rappresentano condizioni potenzialmente pericolose per i lavoratori all'aperto poiché le alte temperature associate all'elevata umidità ostacolano la capacità del corpo di raffreddarsi attraverso la sudorazione.

Ciò significa che gli agricoltori e molti altri lavoratori devono spesso rallentare il lavoro e idratarsi, o addirittura smettere di lavorare e trasferirsi in luoghi più freschi per consentire alla temperatura corporea di scendere gradualmente.

Più del 70% della popolazione mondiale in età lavorativa – circa quattro miliardi di persone, secondo le stime dei ricercatori – attualmente vive in ambienti in cui le pesanti perdite di manodopera dovute al caldo umido superano le 100 ore per persona all'anno.

"Le nostre stime sulla perdita di manodopera sono limitate ai lavoratori dell'agricoltura, della pesca, della silvicoltura e dell'edilizia, ma questi settori rappresentano una proporzione significativa della forza lavoro complessiva in molte regioni, con circa il 69 percento dei lavoratori nei paesi a basso reddito che lavorano nel settore agricolo e in altri settori primari. occupazioni del settore”, hanno scritto i ricercatori.

"I lavoratori in molte località stanno già interrompendo il lavoro nelle ore più calde della giornata perché è troppo scomodo lavorare o le normative locali richiedono l'interruzione del lavoro se fa troppo caldo", ha aggiunto Parsons.

"Riprogrammare il lavoro nelle parti più fresche della giornata è una potenziale strategia di adattamento", ha affermato. "Tuttavia, dimostriamo che man mano che il globo si riscalda, anche le ore più fresche della giornata diventano più calde, quindi questa strategia di adattamento diventa meno efficace con ogni grado di riscaldamento globale".

"Il focus della nostra ricerca non era su altri metodi di adattamento, ma [quelli] possono includere un'adeguata idratazione del lavoratore, pause di riposo all'ombra, diversi tipi di abbigliamento che proteggono i lavoratori dal sole o consentono loro di rinfrescarsi in modo più efficiente, meccanizzazione del lavoro , spostamento dei compiti più intensivi nelle ore più fresche della giornata, spostamento del lavoro che espone i lavoratori al sole diretto verso l'ombra e l'acclimatazione al caldo", ha proseguito.

Secondo i ricercatori, le perdite di produttività del lavoro dovute a riduzioni del tasso di lavoro potrebbero ammontare da 250 a 275 miliardi di euro all'anno a livello globale.

La maggior parte di queste perdite si verifica nei paesi a reddito medio-basso, a latitudini in cui i lavoratori dell'agricoltura e dell'edilizia si trovano spesso a lavorare in condizioni non sicure.

"Nel prossimo secolo, il riscaldamento del pianeta causato dall'uomo spingerà ancora di più molte regioni a bassa latitudine in condizioni scomode e non sicure per il lavoro all'aperto, con l'esposizione al calore che aumenterà in modo relativamente lineare in funzione delle temperature globali", hanno scritto i ricercatori.

Vedi anche:La Niña è tornata, portando pioggia e siccità per il secondo anno consecutivo

La ricerca mostra come le maggiori perdite di lavoro pro capite si verificano in Qatar, con 354 ore perse per persona rispetto alla media globale di 81 ore perse per persona dal 2001 al 2020.

Lo studio prevede che le perdite in Qatar continueranno ad aumentare più rapidamente della media globale per ogni grado Celsius di aumento della temperatura. Con un aumento di appena 1 ºC, la media globale salirebbe a 134 ore a persona con le perdite del Qatar che salirebbero a 530 ore a persona.

"L'esposizione al calore umido e le potenziali pesanti perdite di manodopera associate sono aumentate in tutto il Nord America meridionale, in gran parte del Sud America centrale ed equatoriale, nell'Africa equatoriale, nell'Asia sudoccidentale, nell'Asia meridionale, nel sud-est asiatico e in parti dell'Oceania", ha affermato Parsons.

La ricerca mostra come la perdita media globale raggiungerebbe le 212 ore per persona con un aumento di 2 °C e le 457 ore con un aumento di 4 °C.

Per comprendere meglio le nuove sfide associate all'impatto del calore sulla perdita di manodopera, gli scienziati hanno affermato che è necessario svolgere ulteriori ricerche.

"Sebbene l'esposizione al calore umido e il suo impatto sulla produttività dei lavoratori siano importanti, la nostra conoscenza di come i lavoratori in luoghi e situazioni specifici rispondono all'esposizione al calore è limitata", ha affermato Parsons.

Il ricercatore della Duke University ha anche sottolineato come i dati attuali utilizzati da molti ricercatori "si basano su studi passati su lavoratori agricoli e minatori che hanno misurato la perdita di produttività lavorativa quando i lavoratori erano esposti a vari livelli di calore e umidità.

"La scala e la distribuzione degli impatti del caldo umido sulla perdita di manodopera indicano rischi significativi per la resilienza e il benessere dei lavoratori all'aperto, nonché per le famiglie che si affidano a questi lavoratori per il proprio sostentamento", hanno concluso gli scienziati. "La capacità dei lavoratori di guadagnare in ambienti di lavoro sicuri è importante per affrontare la povertà globale, affrontare la resilienza climatica delle famiglie e per lo sviluppo economico nazionale”.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti