Rapporto COP27: le nazioni in via di sviluppo hanno bisogno di 1 trilione di dollari all'anno per combattere il cambiamento climatico

I finanziamenti combinati da fonti nazionali e internazionali necessari per mitigare gli effetti del cambiamento climatico sui paesi meno sviluppati dovrebbero superare i 2 trilioni di dollari entro il 2030.
Novembre 18, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Un rapporto pubblicato prima del vertice sul clima COP27 a Sharm El-Sheik, in Egitto, ha rilevato che i paesi in via di sviluppo dovranno garantire 1 trilione di dollari all'anno in finanziamenti esterni per ridurre le emissioni, aumentare la loro resilienza e ripristinare la natura e i danni al suolo causati da cambiamento climatico entro la fine del decennio.

Giustizia significa che quei paesi che hanno causato il riscaldamento globale devono pagare. Devono assumersi la responsabilità.- Sherry Rehman, ministro del cambiamento climatico del Pakistan

"Il mondo ha bisogno di una svolta e di una nuova tabella di marcia sulla finanza climatica che possa mobilitare i mille miliardi di dollari di finanziamenti esterni che saranno necessari entro il 1 per i mercati emergenti e i paesi in via di sviluppo diversi dalla Cina", afferma il rapporto.

Il rapporto, commissionato congiuntamente dai governi di Egitto e Regno Unito, gli attuali e precedenti ospiti del vertice sul clima, ha suggerito che i paesi in via di sviluppo e i mercati emergenti collaborino con i paesi sviluppati e le istituzioni multilaterali per raccogliere i mille miliardi di dollari necessari ogni anno.

Vedi anche:Le temperature aumentano più rapidamente in Europa che altrove, rileva il rapporto

"Sbloccare cospicui finanziamenti per il clima è la chiave per risolvere le odierne sfide dello sviluppo”, ha dichiarato Vera Songwe, una delle autrici del rapporto. "Ciò significa che i paesi devono avere accesso a finanziamenti a basso costo accessibili e sostenibili dalle banche multilaterali di sviluppo per aiutare ad attirare investimenti dal settore privato e dalla filantropia”.

Dovrebbero essere seguite misure specifiche per sbloccare gli investimenti necessari, compresa la rapida preparazione di progetti di investimento, l'ampliamento della portata della finanza agevolata e la risoluzione dei problemi di debito e liquidità che i paesi in via di sviluppo devono affrontare.

pubblicità

Il rapporto ha inoltre stimato che i paesi in via di sviluppo dovrebbero abbinare i 1 miliardi di dollari provenienti da fonti esterne con i propri fondi per garantire un importo di oltre 2 miliardi di dollari all'anno.

Ha inoltre chiarito che il finanziamento esterno di 1 miliardi di dollari è separato dai 100 miliardi di dollari all'anno che i paesi ricchi si sono impegnati a fornire a partire dal 2020 per sostenere i paesi meno ricchi in affrontare gli effetti del cambiamento climatico. Tuttavia, le nazioni ricche del pianeta non hanno rispettato gli impegni di 100 miliardi di dollari.

Nel frattempo, allocazione fondi ai paesi più poveri per combattere il cambiamento climatico è stato motivo di contesa alla COP27, con i paesi meno sviluppati che affermano che i paesi ricchi dovrebbero sopportare gran parte della pressione del cambiamento climatico.

"Dobbiamo girare il mondo con una ciotola per l'elemosina per qualcosa che è nostro diritto”, ha dichiarato Sherry Rehman, ministro del cambiamento climatico del Pakistan. "Giustizia significa che quei paesi che hanno causato il riscaldamento globale devono pagare. Devono assumersi la responsabilità”.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti