Sondaggio: il 55% dei consumatori preferisce opzioni alimentari sostenibili

I consumatori nei paesi in via di sviluppo hanno mostrato l'aumento più rapido degli alimenti realizzati in modo sostenibile. I paesi sviluppati hanno registrato guadagni più modesti.

Febbraio 16, 2022
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

L'ultimo consumatore sondaggio di Cargill, una delle più grandi aziende di servizi agricoli e produzione alimentare del mondo, dimostra che gli acquirenti sono sempre più consapevoli della sostenibilità quando fanno acquisti di cibo.

L'ultimo sondaggio FATitudes è stato condotto su 6,000 acquirenti in 11 paesi. Il -% dei consumatori intervistati ha affermato di essere più propenso ad acquistare un articolo specifico se lo fosse viene fornito con una dichiarazione di sostenibilità, in aumento rispetto al 51% nel 2019.

Le nostre ultime scoperte dimostrano chiaramente che i messaggi sulla sostenibilità stanno avendo un impatto sui consumatori.- Nese Tagma, amministratore delegato di strategia e innovazione, Cargill

Anche nei paesi in cui i consumatori sono meno interessati alla sostenibilità, i numeri sono in crescita.

Negli Stati Uniti, il sondaggio ha riportato che il 37% degli americani tiene conto della sostenibilità nel processo di selezione degli alimenti, un aumento del 2019% rispetto al -.

Vedi anche:Le nuove politiche agricole sostenibili dell'Europa renderanno gli alimenti ancora più costosi, avvertono gli agricoltori

Altri paesi come Brasile e Messico hanno registrato un aumento del 13% nello stesso periodo, con il 74% dei consumatori brasiliani e il 66% dei consumatori messicani interessati al profilo di sostenibilità del cibo che scelgono.

Anche l'India ha visto questa cifra crescere fino al 67% (un aumento dell'11%). Nel frattempo, il Regno Unito ha visto l'interesse per la sostenibilità alimentare salire al 51%, con un aumento dell'-%.

pubblicità

Cargill, che è uno dei principali produttori di olio di palma, ha sottolineato come il sondaggio abbia chiesto ai consumatori quale tipo di affermazione di sostenibilità si sarebbero aspettati per la prima volta.

I migliori risultati sono andati a affermazioni come "da fonti sostenibili” e "conservazione delle risorse naturali”. Secondo Cargill, quelli sono andati molto più avanti di etichette conosciute come "Commercio equo” o "imballaggio ridotto”.

"Le nostre ultime scoperte dimostrano chiaramente che i messaggi sulla sostenibilità stanno avendo un impatto sui consumatori”, ha affermato Nese Tagma, amministratore delegato della strategia e dell'innovazione per il business globale degli oli commestibili di Cargill. "Approfondimenti come questi aiutano a guidare il nostro approccio all'innovazione incentrato sul consumatore, consentendoci di collaborare con i clienti per creare insieme nuovi prodotti e soluzioni che riflettano le tendenze attuali dei consumatori e le preferenze degli ingredienti".

In un comunicato stampa, Cargill ha sottolineato l'importanza di "programmi di agricoltura rigenerativa da semi oleosi di colture a file a olio di palma certificati come fonte responsabile dalla tavola rotonda sull'olio di palma sostenibile.

Il mercato dell'olio di palma è in costante espansione nel tempo. Secondo i dati del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, nel 75,503 sono state prodotte 2021 tonnellate di olio di palma. Indonesia (59%) e Malesia (25%) sono di gran lunga i maggiori produttori.

L'importanza della sostenibilità per il futuro del mercato dell'olio di palma è enorme. Recentemente, l'Unione Europea ha ha annunciato nuove regole per l'olio alimentare, che richiederà certificazioni di sostenibilità per i prodotti da importare all'interno del blocco di 27 membri.

In altri paesi, come lo Sri Lanka, il governo ha importazioni vietate e ha chiesto agli agricoltori di sradicare le loro piantagioni di palme, poiché sono state viste come una causa della deforestazione.

Facendo riferimento ai risultati del sondaggio, Florian Schattenmann, chief technology officer e vicepresidente per l'innovazione e la ricerca e sviluppo di Cargill, ha osservato come "queste intuizioni confermano ulteriormente il nostro impegno a incorporare pratiche sostenibili in ogni aspetto delle nostre operazioni”.

"Ciò include tutto, dalle nostre pratiche di approvvigionamento agli impianti di lavorazione, e si estende anche allo sviluppo di nuovi prodotti, dove le decisioni di commercializzare le innovazioni ora considerano la sostenibilità insieme a prestazioni e costi", ha concluso.



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti