`L'olio d'oliva della California va a Washington - Olive Oil Times

L'olio d'oliva californiano va a Washington

Settembre 11, 2012
Alexandra Kicenik Devarenne

Notizie recenti

Tutti sanno che un esercito marcia sul suo stomaco, ma ci è voluto il segretario di Stato americano Hillary Clinton per sottolineare il fatto che anche la diplomazia lo fa. L'olio extra vergine di oliva della California è stato tra gli alimenti scelti per mostrare il meglio della cucina americana al lancio della Diplomatic Culinary Partnership Initiative venerdì 7 settembreth, presso il Dipartimento di Stato di Washington.

Mary Sue Milliken e Deborah Rogers

La pioniera dell'olio d'oliva californiana Deborah Rogers di The Olive Press, onorata da Olive Oil Times as Produttore dell'anno a 2010, è stato invitato a partecipare all'evento e fornire olio d'oliva agli chef partecipanti. Il produttore di olio d'oliva più premiato del paese ha fornito gli oli extra vergini di oliva Picual e Arbequina per l'uso in cucina e regali. VIP, chef, giornalisti del settore alimentare e media hanno ricevuto nei loro cesti regalo bottiglie degli oli d'oliva monocultivar vincitori del Best of Show.

"Questioni alimentari ”è stato il tema ricorrente dell'evento per commemorare una partnership unica tra il Dipartimento di Stato e la James Beard Foundation. L'iniziativa attinge ai migliori chef di tutti gli Stati Uniti - l'American Chef Corps - come risorse per un programma sviluppato sotto la guida del Capo del Protocollo Capricia Penavic Marshall del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. L'elenco degli oltre 80 chef che serviranno come educatori e ambasciatori culinari è impressionante, tra cui Jose Andres, Bryan Voltaggio, Masaharu Morimoto, Emily Lucchetti e Joanne Weir, solo per citarne alcuni.

Il riconoscimento che il cibo ci unisce è al centro del programma. Sebbene i negoziati sul tavolo da pranzo non siano una novità, il segretario Clinton ha riconosciuto l'importanza del cibo reale che appare sul tavolo. In precedenza, il Dipartimento di Stato faceva affidamento su ristoratori locali che offrivano menu standard. Ora, c'è molta più attenzione al cibo dal punto di vista culinario e culturale.

Jason Larkin, Executive Chef per il capo del protocollo del Dipartimento di Stato con Deborah Rogers di The Olive Press

Un pasto lo scorso febbraio per il vicepresidente cinese Xi Jinping è un perfetto esempio di come il cibo possa connettere le persone. Lo chef cinese-americano Ming Tsai, di Blue Ginger a Wellesley, Massachusetts, ha servito merluzzo nero marinato con soia e otto preziosi pacchetti di riso con frutta secca e salsiccia di maiale. Quando il signor Xi ha incontrato lo chef, "i suoi occhi si illuminarono ”disse Marshall. "Parlavano cinese e, secondo il traduttore, disse: 'Non è meraviglioso. ”

pubblicità

Deborah Rogers ha descritto il calcio d'inizio della diplomazia culinaria come "un'esperienza straordinaria e umiliante per me. Essendo solo un semplice produttore di olio d'oliva, ieri sera mi sono sentito molto piccolo in quella stanza. La buona notizia è che gli chef con cui ho parlato hanno davvero cantato le lodi dell'uso dell'olio d'oliva nelle loro cucine ".

Amanda Freitag di Food Network è stata succinta quando ha incontrato il produttore di olio d'oliva, "Oh mio Dio, ti amo! " lei disse. Un'altra delle celebrità chef presenti al ricevimento di venerdì è stata Mary Sue Milliken di Border Grill e famosa in televisione. "Sono stato felice di vedere il tuo olio in cucina, ma l'abbiamo usato tutto! ”Qualcuno ha dovuto far correre un olio d'oliva per rifornire la cucina.

Jason Larkin, Executive Chef del Capo del Protocollo del Dipartimento di Stato, ha cercato The Olive Press durante una missione nella contea di Sonoma alla ricerca di ottimi prodotti locali. L'olio d'oliva era nella sua lista degli ingredienti necessari e durante la ricerca sui produttori artigianali della California si è imbattuto in numerose menzioni di Deborah Rogers. Era esattamente il tipo di pioniera culinaria ossessionata dalla qualità che stava cercando, quindi ha programmato una visita a The Olive Press per un assaggio. È seguito l'invito ufficiale a fornire olio d'oliva e partecipare all'evento.

Rogers era deliziato dalla sua esperienza a Washington. Lo vede come un grande riconoscimento per l'industria dell'olio d'oliva della California che ha sostenuto in tutti questi anni. Condividendo un tavolo con cibi artigianali provenienti da tutto il paese e la cucina creativa dei migliori chef, l'olio extravergine d'oliva della California era chiaramente un ingrediente popolare, persino indispensabile.

Oltre alle extravergini Picual e Arbequina, Rogers ha portato con sé un altro dei suoi prodotti a Washington. Quando ha saputo che il Segretario di Stato era appassionato di popcorn e anche di cibo piccante, "Le ho dato una bottiglia di olio d'oliva Jalapeño per i suoi popcorn. " La serata al cinema a Washington non sarà più la stessa.

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti