`In vista della COP27, le Nazioni Unite avvertono che gli attuali impegni sul clima sono insufficienti - Olive Oil Times

In vista della COP27, le Nazioni Unite avvertono che gli attuali impegni sul clima sono insufficienti

Di Paolo DeAndreis
6 novembre 2022 14:00 UTC

Un nuovo rapporto delle Nazioni Unite ha rilevato che il impatti sempre più evidenti dei cambiamenti climatici non sarà evitato se i maggiori emettitori di gas serra non intensificheranno i loro sforzi per ridurre il loro impatto ambientale.

In vista dell'27th La conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27), la principale organizzazione intergovernativa mondiale, ha avvertito che i piani attuali sono ampiamente insufficienti.

La tendenza al ribasso delle emissioni prevista entro il 2030 mostra che le nazioni hanno fatto qualche progresso quest'anno. Ma la scienza è chiara... Non siamo ancora vicini alla portata e al ritmo delle riduzioni delle emissioni richieste.- Simon Stiell, segretario esecutivo, UNFCC

Il rapporto della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCC) ha rilevato che gli attuali impegni sul clima porterebbero le temperature superficiali a salire di 2.5 °C al di sopra dei livelli preindustriali nei prossimi decenni.

L'aumento di 2.5 ºC sarebbe un grado al di sopra dei limiti fissati dall'Accordo di Parigi del 2015 sul clima, che fissava l'obiettivo di evitare che le temperature globali superino di 1.5 °C i livelli preindustriali in questo secolo.

Vedi anche:I paesi più poveri cercano la riduzione del debito, citando i costi dei cambiamenti climatici

Ricerca recente trovata più punti di svolta climatici verrebbe probabilmente innescato da un riscaldamento di 1.5 ºC con impatti devastanti sull'agricoltura e sulla biodiversità.

I ricercatori hanno affermato che 2.5 ºC di riscaldamento sarebbero ancora più consequenziali. Prevedevano che alcune aree del pianeta sarebbero diventate praticamente inabitabili, l'agricoltura ne avrebbe sofferto ancora di più ondate di caldo estremo e incendi, perdita di biodiversità sulla terraferma e negli oceani accelererebbe e vaste aree costiere affonderebbero sotto l'innalzamento del livello del mare.

L'UNFCC ha affermato che, se adottati, gli attuali piani climatici porterebbero a un aumento di quasi l'11% delle emissioni di anidride carbonica entro il 2030, rispetto ai livelli del 2010. Tuttavia, l'organizzazione ha aggiunto che questo aumento sarebbe leggermente inferiore alla stima dell'anno scorso di quasi il 14%, indicando che sono stati compiuti alcuni progressi.

Nel 2019, i ricercatori dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) hanno scritto che le emissioni dovrebbero essere ridotte del 43% entro il 2030 per evitare un ulteriore riscaldamento globale.

"La tendenza al ribasso delle emissioni prevista entro il 2030 mostra che le nazioni hanno compiuto alcuni progressi quest'anno", ha affermato Simon Stiell, segretario esecutivo dell'UNFCC.

"Ma la scienza è chiara, così come i nostri obiettivi climatici nell'ambito dell'accordo di Parigi", ha aggiunto. "Non siamo ancora vicini alla portata e al ritmo delle riduzioni delle emissioni necessarie per metterci sulla buona strada verso un mondo a 1.5 ºC”.

Secondo Stiell, i governi nazionali devono rafforzare ora i loro piani d'azione per il clima e attuarli nei prossimi otto anni. Tuttavia, non molti paesi sembrano desiderosi di prendere le difficili decisioni necessarie per mettere in atto questi piani.

Secondo l'UNFCC, durante COP26 a Glasgow, 193 nazioni hanno dichiarato che avrebbero annunciato nuovi piani climatici. Tuttavia, solo 24 hanno presentato i loro piani aggiornati all'unità climatica delle Nazioni Unite.

"È deludente", ha detto Stiell. "Le decisioni e le azioni del governo devono riflettere il livello di urgenza, la gravità delle minacce che stiamo affrontando e la brevità del tempo che ci resta per evitare le conseguenze devastanti di cambiamento climatico incontrollabile. "

Quando si tratta di strategie a lungo termine per lo zero netto, l'UNFCC ha indicato che sono stati compiuti alcuni progressi.

Sessantadue paesi hanno in atto piani net-zero. Insieme, questi paesi ospitano il 47% della popolazione mondiale, rappresentano l'83% del prodotto interno lordo e sono responsabili del 69% del consumo di energia.

L'UNFCC ha affermato che questi piani lo sono "un segnale forte che il mondo sta iniziando a puntare a emissioni nette zero”. Tuttavia, l'hanno avvertito "molti obiettivi di zero netto rimangono incerti e rimandano al futuro azioni critiche che devono aver luogo ora".

La COP27 è prevista per il 6 novembreth a novembre 18th a Sharm El Sheikh, Egitto. Sarà l'ultimo di una serie di incontri globali sul clima iniziati nel 1992 in Brasile.

Al Vertice della Terra di Rio de Janeiro, 197 nazioni si sono impegnate a sostenere la creazione della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) e il suo segretariato delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Il trattato firmato all'epoca mirava a stabilizzare le concentrazioni di gas serra nell'atmosfera "per prevenire pericolose interferenze dell'attività umana sul sistema climatico”.

Le Conferenze delle Parti, o COP, sono incontri durante i quali le nazioni partecipanti definiscono le strategie per raggiungere tale obiettivo.

"La COP27 è il momento in cui i leader globali possono riprendere slancio cambiamento climatico, fare il necessario perno dai negoziati all'attuazione e andare avanti nella massiccia trasformazione che deve aver luogo in tutti i settori della società per affrontare l'emergenza climatica", ha affermato Stiell.

Ha esortato i governi nazionali "per mostrare alla conferenza come metteranno in pratica l'accordo di Parigi attraverso la legislazione, le politiche e i programmi, nonché come coopereranno e forniranno supporto per l'attuazione".

Ha anche invitato le nazioni a progredire in quattro aree prioritarie: mitigazione, adattamento, perdita e danno e finanza.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti