`Nuovo Parco in Molise Promuove Biodiversità dell'Ulivo, Inclusione Sociale - Olive Oil Times

Nuovo Parco in Molise Promuove la Biodiversità dell'Ulivo, l'Inclusione Sociale

Di Ylenia Granitto
17 novembre 2022 13:55 UTC

A Termoli, in Molise, è stato aperto il primo parco regionale della biodiversità urbana dell'olivo.

"Il Parco degli Ulivi è un progetto di riqualificazione di un contesto urbanizzato che da secoli è dedito alla coltivazione dell'olivo”, racconta Nicola Malorni, uno dei promotori del progetto Olive Oil Times.

La creazione di questo luogo unico dedicato alla biodiversità dell'olivo è la conferma del Molise come piccolo ma grande laboratorio nel settore dell'olivo e dell'olio d'oliva.- Pasquale Di Lena, fondatore, Città dell'Olio

"Ciò si traduce nel recupero di ulivi secolari e nella piantumazione di nuovi, con lo scopo di favorire l'inclusione sociale e lavorativa di soggetti vulnerabili e il benessere dei cittadini”.

Inaugurato il 'Camminando tra gli ulivi giorno', il progetto è stato sostenuto dai funzionari locali, Città dell'Olio, un'associazione che comprende più di 400 comuni olivicoli, la cooperativa sociale Kairos e diverse altre imprese e organizzazioni locali.

riassunti-varietà-nuovo-parco-in-molise-promuove-la-biodiversità-olivicola-inclusione-sociale-i-tempi-dell-olio

Inaugurazione del Parco degli Ulivi

Il parco è stato inaugurato con una degustazione di olio d'oliva e altri festeggiamenti incentrati sugli ulivi e sull'olio d'oliva.

Sono state messe a dimora ottanta piantine appartenenti alle 20 varietà regionali di olivo iscritte: Gentile di Larino, Oliva Nera di Colletorto, Oliva di San Pardo, Salegna di Larino, Aurina, Olivastro d'Aprile, Rossuola, Olivastro Dritto, Sperone di Gallo, Cellina di Rotello , Rumignana, Olivastro, Rosciola di Rotello, Cazzarella, Olivetta Nera, Paesana Bianca, Cerasa di Montenero, Gentile di Mafalda, Paesana Nera e il recentissimo Olivo Fumo di Guardialfiera.

Vedi anche:Le fattorie in Italia accolgono con favore un aumento dell'agriturismo mentre inizia la difficile vendemmia

"La creazione di questo luogo unico dedicato alla biodiversità dell'olivo è la conferma del Molise come un piccolo ma grande laboratorio nel settore dell'olivo e dell'olio d'oliva ", ha affermato Pasquale Di Lena, che ha preso parte allo sviluppo del progetto.

Analogamente agli altri suoi progetti, Kairos persone coinvolte appartenenti a categorie vulnerabili, comprese le vittime di violenza, le persone con disabilità e le persone in libertà vigilata nella gestione dell'oliveto e olio extravergine d'oliva produzione.

riassunti-varietà-nuovo-parco-in-molise-promuove-la-biodiversità-olivicola-inclusione-sociale-i-tempi-dell-olio

Giuliana Conticelli, Nicola Malorni e Desiree Mancinone, fondatori della cooperativa sociale Kairos

Inoltre, il olive oil prodotto dagli alberi del parco sarà donato a persone bisognose e ai servizi sociosanitari locali.

"Oltre alle finalità di inclusione, il progetto promuove la salvaguardia della millenaria cultura dell'olivo del Molise”, ha detto Di Lena.

"Inoltre, aiuta a combattere l'inquinamento urbano grazie alla capacità degli olivi catturare e immagazzinare anidride carbonica; valorizza un'area a verde pubblico ora attrezzata per attività culturali, didattiche e sportive; promuove stili di vita e abitudini alimentari sani", ha aggiunto.

Percorsi con segnaletica didattica che informano i visitatori sulle diverse varietà di ulivo attraversano il parco, che comprende anche aree gioco e fitness, un giardino topiario con sculture vegetali e un'agorà da 30 posti situata all'ombra di un ulivo secolare.

"L'accessibilità è un punto fondamentale”, ha detto Malorni. "Tutti i percorsi sono realizzati con materiali e pendenze adatte a persone con ridotte capacità motorie e sensoriali. Abbiamo inoltre previsto la realizzazione di opere di ingegneria naturalistica in vista di progetti di turismo accessibile”.


pubblicità

Articoli Correlati