NYIOOC Vincitore Premiato per Olio Nuovo in Dalmazia

Denis Plastić riflette su una vendemmia impegnativa anche se il suo Olio Nuovo è lodato in una competizione locale.
Denis Plasticić,
di Nedjeljko Jusup
14 dicembre 2022 15:00 UTC

Da quando hanno raccolto e trasformato le loro olive negli ultimi due mesi, i coltivatori croati si sono goduti il ​​loro Olio Nuovoo.

Numerosi concorsi locali si svolgono in Istria e Dalmazia, le due maggiori regioni olivicole del paese.

Tra questi spicca il 14th Olio Nuovo e degustazione di vini di vendemmia anticipata a Nadin, in Dalmazia. I produttori di tutto il paese hanno inviato 98 campioni all'evento.

Vedi anche:Profili del produttore

Essere riconosciuti per la produzione del miglior Olio Nuovo dalle varietà autoctone della Croazia è una questione di prestigio e un obiettivo per alcuni produttori.

"Era per me”, ha detto Denis Plasticic, 44 anni, olivicoltore e viticoltore di Nadin, che coltiva olivi e viti su 300 ettari.

Plastić non ha nascosto la sua soddisfazione per essere stato premiato come miglior autoctono olio extravergine d'oliva per la sua Oblica, che ha ricevuto un punteggio di 104 su 110 punti.

"Le varietà autoctone con l'obiettivo di promuoverle in questo concorso sono particolarmente apprezzate", ha affermato Tomislav Glavić, presidente del comitato organizzatore.

Insieme al suo monovarietale, Plastić ha ricevuto un secondo premio per la sua miscela Oblica, Coratina e Lecin, che ha ricevuto 102.5 punti.

Il suo successo è ancora più notevole dato il sfide poste dagli estremi climatici quest'anno.

La siccità, il caldo e le frequenti tempeste hanno asciugato il terreno durante la primavera e l'estate. L'impatto della siccità è stato così estremo che sembrava che non ci sarebbero state olive da raccogliere fino alle prime piogge di settembre.

La situazione era particolarmente pronunciata nei terreni argillosi poco profondi e nella topografia carsica migliorata sopra Kraljevac, dove Plastić ha affittato 20 ettari di terreno demaniale abbandonato 10 anni fa e ha piantato 4,800 ulivi di varietà domestiche e importate.

slip-profili-i-migliori-oli-nyiooc-vincitore-premiato-per-olio-nuovo-in-dalmazia-olio-di-oliva-volte

"Ho innaffiato gli alberi per tutto luglio e agosto", ha detto Plastić in risposta a come ha superato la siccità.

Con l'aiuto di amici, ha portato in diverse occasioni l'acqua dell'acquedotto di Benkovac in cisterne, il che gli è costato circa 25,000 corone (€ 3,300). Il resto del totale di 3,000 metri cubi è stato ottenuto dal bacino statale di Vlačina.

"Non ho un sistema di irrigazione, che è stato un ulteriore problema con l'irrigazione”, ha detto Plastić. "L'oliveto è stato irrigato in modo classico con tubi attorno a ciascun ulivo.

Con l'aiuto dei suoi genitori, moglie e figlio, Plastić ha completato tutti i lavori necessari nei boschetti in tempo per il raccolto.

"Abbiamo raccolto le olive il 10 ottobre ", ha detto. "Si è rivelato essere il momento ottimale per la varietà. Lo stesso giorno abbiamo trasformato e conservato correttamente l'olio.

pubblicità

Mentre il clima caldo e secco ha presentato molte sfide, Plastić ha affermato che uno dei pochi vantaggi è stata la mancanza di malattie che ne derivavano.

"Quando non abbiamo l'occhio di Peacock (Spilocaea oleagina), che è un grosso problema altrove", ha affermato. Anche quest'anno non ci sono stati parassiti, nemmeno il mosca di frutta d'oliva, quindi tutti i frutti erano sani al momento del raccolto.

Plastić e altri olivicoltori della zona irrorano raramente le olive e, quando lo fanno, usano solo i prodotti consentiti nell'agricoltura biologica.

Fin dall'inizio la sua produzione si è basata sui principi della terra vergine, delle varietà autoctone e dell'agricoltura biologica.

La raccolta viene effettuata a mano e i frutti vengono lavorati con la più moderna tecnologia di estrazione a freddo dalla pluripremiata Nadin Oil Company, di proprietà di Željko Vrsaljko.

L'olio viene conservato in serbatoi di acciaio inox prima di essere confezionato per essere venduto in bottiglie da mezzo litro di ceramica scura.

"La cosa più importante è che il prodotto sia ok", ha detto Plastić. "Abbiamo feedback e nessuno dei clienti ha commenti negativi.

Insieme alla competizione locale, Plastić ha riscosso molti successi internazionali. I suoi oli sono stati premiati a Tokyo e al 2022 NYIOOC World Olive Oil Competition, il più grande concorso mondiale di qualità dell'olio d'oliva.

"Essere i migliori al più grande e prestigioso concorso mondiale di olio d'oliva è il sogno di ogni olivicoltore ", ha affermato Plastić. Il suo marchio 2Storije è stato premiato con l'oro sia al 2021 e 2022 edizioni del NYIOOC.

Insieme al lavoro coscienzioso, Plastić è noto anche per sperimentare. È il primo noto produttore a invecchiano i suoi oli extravergine di oliva in una cantina sottomarina vicino all'isola di Pago. Ha in programma di ripetere il processo quest'anno, modificando leggermente la confezione per ottenere un risultato ancora migliore.

Plastić ha affermato che l'invecchiamento in mare degli oli d'oliva ha aumentato il loro data di scadenza, permettendo ai prodotti di mantenere la loro benefici alla salute più a lungo del solito.

Quest'anno Plastić ha prodotto dai suoi alberi 1,500 litri di olio d'oliva, non tutti maturi. I suoi boschi si stanno ancora riprendendo da un incendio di due anni fa, che ha danneggiato 1,200 alberi e per il quale è ancora in attesa di risarcimento da parte delle autorità.

Se riesce a vendere ogni bottiglia a 100 corone (€ 13.26), il ricavo di 250 litri coprirà appena i suoi costi di irrigazione, carburante, macinazione, fertilizzanti e imballaggio.

Tuttavia, Plastić e la sua famiglia non potevano immaginare di fare altro che coltivare olive. Tuttavia, hanno in programma di integrare maggiormente il loro prodotto con il turismo locale.

Ha anche in programma di costruire una mini-sala di degustazione e sta ripristinando il muro di pietra lungo 1,200 metri che circonda l'oliveto potrebbe anche rivelarsi un'attrazione.

slip-profili-i-migliori-oli-nyiooc-vincitore-premiato-per-olio-nuovo-in-dalmazia-olio-di-oliva-volte

Plastić sta attualmente ricostruendo il muro utilizzando metodi tradizionali con i fondi del fondo di sviluppo rurale dell'Unione europea.

Al termine dei lavori, riceverà 700,000 corone (93,000 euro), che copriranno i costi di riparazione del muro esclusivamente in pietra naturale senza alcun materiale legante.

Il metodo di costruzione è stato classificato come parte del patrimonio mondiale immateriale dell'UNESCO nel 2018, con questo tipo di muro costruito principalmente in Spagna, Cipro, Grecia, Italia, Croazia, Slovenia, Francia e Svizzera.

"Chi osa, vince”, ha concluso Plastić, citando lo slogan del SAS, un ramo delle forze speciali britanniche.

È anche convinto che col tempo riuscirà a risolvere il suo problema di irrigazione, senza il quale non esiste una seria olivicoltura.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti