Fratelli pluripremiati Il padre grato ha scelto Coratina

Dopo aver ereditato l'azienda olivicola di famiglia, il fratello e la sorella Tommaso e Angela Fiore continuano l'eredità di famiglia.
Vendemmia a Olio Infiore (Foto: Olio Infiore)
Di Paolo DeAndreis
2 giugno 2024 14:34 UTC

Tommaso Infiore, agronomo e comproprietario dell'azienda Olio Infiore, ha celebrato il premio d'esordio dell'azienda agricola di famiglia dal 2024 NYIOOC World Olive Oil Competition, richiamando il riconoscimento a "gradita sorpresa."

"Questa è la prima volta che partecipiamo al NYIOOC, e non poteva andare meglio”, ha detto Fiore.

L’impatto del cambiamento climatico ha iniziato a influenzare la nostra produzione di olio d’oliva… Negli ultimi due anni, l’olivicoltura è stata più impegnativa che in passato.- Tommaso Infiore, comproprietario, Olio Infiore

Il produttore pugliese guadagnato un Gold Award per una Coratina biologica di media intensità raccolta dagli uliveti di famiglia a Terlizzi, appena a nord di Bari.

"Il premio ci offre un modo per misurare la qualità del nostro lavoro”, ha affermato Fiore.

Vedi anche:Profili del produttore

Fiore ha affermato che il riconoscimento è arrivato dopo una stagione impegnativa in cui le capacità dell'agricoltore sono state messe alla prova per mantenere un prodotto di alta qualità.

"La vendemmia è iniziata molto bene perché, dopo due anni di assenza, finalmente ha piovuto”, ha detto Fiore. "E questo è importante. Successivamente, l'impatto di cambiamento climatico ha iniziato a influenzare la nostra produzione di olio d'oliva, poiché abbiamo sperimentato un caldo estremo.

"Fortunatamente abbiamo alcune risorse, come l’irrigazione, che ci hanno aiutato a superare la crisi. E poi ha ricominciato a piovere a settembre e ottobre”, ha aggiunto. "Negli ultimi due anni l'olivicoltura è stata più impegnativa rispetto al passato.

Fiore e il suo team applicano una serie di tecniche nel boschetto per mitigare il impatti di condizioni meteorologiche estreme.

"L’adozione di pratiche agronomiche specifiche può essere utile”, ha affermato. "Ad esempio, la polvere di roccia aiuta ad abbassare la temperatura del suolo, poiché il suo colore bianco riflette la luce solare, creando un ambiente più fresco”.

"Ma anche con queste tecniche in campo, quando non piove per due mesi e le temperature sono vicine ai 45ºC, beh, è ​​un po' faticoso”, ha aggiunto Fiore.

Mentre molti produttori di olio d'oliva in Puglia si concentrano su diverse cultivar, la famiglia di Fiore ha iniziato con gli alberi di Coratina decenni fa e continua a concentrarsi oggi sulla varietà endemica.

"Ci riteniamo fortunati perché nostro padre aveva coltivato tutti gli alberi di Coratina”, ha detto. "Tutta la nostra azienda è Coratina al 100%. Abbiamo iniziato un po’ per caso perché gestiamo le terre che ci ha lasciato nostro padre”.

"Molti dei nostri circa 1,200 alberi hanno tra i 60 e i 150 anni”, ha aggiunto Fiore. "I più giovani hanno circa vent’anni”.

profili-i-migliori-oli-d-oliva-d-europa-fratelli-premiati-padre-grato-scelse-coratina-olive-oil-times

Olio Infiore è specializzato nella coltivazione della varietà di oliva Coratina, originaria della Puglia. (Foto: Olio Infiore)

La Coratina, una delle centinaia di cultivar di olivo coltivate in Italia, è rinomata a livello mondiale per la produzione di olivi da medio a robusti oli extra vergine di oliva estremamente ricco di polifenoli, contribuendo al loro benefici alla salute.

Da quando la nuova generazione ha iniziato a lavorare nell'azienda agricola, la famiglia Fiore ha introdotto numerose innovazioni nell'oliveto e nel frantoio.

"Dopo un breve periodo di valutazione, io, mio ​​figlio e mia sorella Angela, abbiamo capito che volevamo aggiungere valore a ciò che aveva fatto nostro padre”, ha detto Fiore. "Quindi mi sono concentrato direttamente sull’agronomia mentre mia sorella si è formata come assaggiatrice di olio extra vergine di oliva.

pubblicità
pubblicità

"Abbiamo cercato di ottenere il meglio dai frutti degli alberi coltivati ​​da nostro padre”, ha aggiunto. "Abbiamo iniziato sperimentando. Inizialmente ci siamo affidati ai tradizionali frantoi facilmente reperibili nella zona, ricca di tradizione olivicola.

"Poi siamo passati a tecniche più moderne e mezzi innovativi, il che significava abbandonare tecniche antiche e consegnare un prodotto eccellente”, continua Fiore.

Il primo passo della nuova azienda è stato affermarsi come produttore biologico. "Oltre ad applicare i protocolli dell’agricoltura biologica, abbiamo abbandonato le pratiche tradizionali più comuni come l’aratura della terra”, ha detto Fiore. Ora ci concentriamo sul diserbo spontaneo”.

"In breve, stiamo cercando di sviluppare un approccio più sostenibile all’agricoltura, un approccio che rispetti l’albero”, ha aggiunto. "Soprattutto, un simile approccio rispetta il suolo, cercando di aumentare anno dopo anno la sostanza organica contenuta nel suolo”.

profili-i-migliori-oli-d-oliva-d-europa-fratelli-premiati-padre-grato-scelse-coratina-olive-oil-times

La polvere di roccia nell'oliveto aiuta a riflettere la luce solare nell'atmosfera, abbassando la temperatura tra gli alberi. (Foto: Olio Infiore)

Oggi la maggior parte dei clienti di Infiore sono italiani. "Esportiamo molto poco, poiché la maggior parte del prodotto viene consumato nel mercato italiano", ha affermato.

"Abbiamo fatto qualche tentativo qualche anno fa di esportare negli Stati Uniti, ed è andato abbastanza bene", ha aggiunto Fiore. "Eppure lì non abbiamo un distributore che si prenda cura in modo continuativo e strutturato dei prodotti della nostra azienda”.

Mentre una parte significativa dell'identità culturale italiana e specificatamente pugliese è legata all'olio d'oliva, Fiore ha osservato che la cultura prevalente dell'olio d'oliva rappresenta oggi una sfida per un produttore di alta qualità.

"L'olio d'oliva è stato a lungo visto come lo sfortunato cugino del vino ", ha affermato. "Mentre il vino è sempre stato esaltato, come dovrebbe essere, l’olio d’oliva non ha mai goduto di tanta attenzione”.

"Forse è successo perché l'olio d'oliva è considerato un condimento e la gente lo ha usato solo per quello scopo per così tanto tempo ", ha aggiunto Fiore. "Anche oggi molti non lo fanno usarlo per cucinare. "

Fiore ritiene che la sfida che devono affrontare i produttori italiani di olio extra vergine di oliva sia quella di espandere la cultura dell'olio d'oliva del Paese a tutti i tipi di cucina, sottolineando il valore che il prodotto può aggiungere al profilo organolettico e salutare di tutti i tipi di cibo.

profili-i-migliori-oli-d-oliva-d-europa-fratelli-premiati-padre-grato-scelse-coratina-olive-oil-times

Tommaso Fiore

"I clienti devono vedere che quando acquistano olio extra vergine di oliva di qualità, non scelgono solo un buon prodotto, non solo un semplice condimento ", ha affermato Infiore. "Stanno introducendo un ingrediente buono e salutare grazie ai suoi contenuti unici, come i fenoli”.

Per contribuire a costruire questo nuovo quadro culturale per l'apprezzamento dell'olio extra vergine di oliva, Tommaso Fiore accompagna spesso i suoi clienti nei suoi uliveti per educarli ad un approccio più ampio al consumo di olio d'oliva.

"Quando i nostri clienti vogliono vedere i nostri ulivi, sono così felice di andare con loro perché è essenziale per me mostrare loro da dove proviene l'olio extravergine di oliva che consumano ", ha affermato.

"Inoltre, parlo del nostro terreno fertile ed erboso, di cui sono molto orgoglioso”, ha aggiunto Fiore. "Attualmente, i nostri frutteti sono vibranti del profumo delle calendule in fiore”.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati