Gli uliveti resilienti di Xylella sono il futuro dell'olio d'oliva pugliese

Associazioni di agricoltori, ricercatori e istituzioni stanno collaborando per ripiantare ulivi resistenti alla Xylella fastidiosa in Puglia.

The Associated Press
Di Paolo DeAndreis
3 giugno 2024 12:49 UTC
566
The Associated Press

Nel corso di un evento di due giorni a Lecce e Bari, esperti e ricercatori hanno esaminato i risultati scientifici e discusso del futuro della produzione di olio d'oliva nel Xylella fastidiosaregione colpita della Puglia.

Molti ulivi autoctoni sono stati uccisi, ma alcuni sono sopravvissuti. Se non sono gravemente colpiti, dobbiamo cercare di mantenerli in vita finché la ricerca non consentirà il loro recupero.- Giuseppe Lima, patologo vegetale, Università del Molise

Gli uliveti intensivi gestiti in modo sostenibile di cultivar resistenti, che enfatizzano la produzione di alta qualità, sono emersi come l'obiettivo per gli agricoltori e i frantoiani della regione meridionale italiana, dove vi è un crescente consenso sul fatto che il batterio mortale non può essere sradicato.

"Questa visita è significativa, poiché mette in mostra un raro esempio di collaborazione virtuosa tra ricercatori e stakeholder che contribuiscono attivamente ai nostri programmi”, ha affermato Donato Boscia, uno dei principali virologi vegetali presso l’Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Consiglio Nazionale delle Ricerche italiano (CNR). ), A Olive Oil Times.

Vedi anche:Le Isole Baleari inaspriscono le restrizioni mentre la Xylella si diffonde a Maiorca

"In questa struttura c'è un piccolo campo di conservazione del germoplasma dell'olivo, parte di un programma di miglioramento genetico in corso ", ha aggiunto. "Inoltre, c'è una serra finanziata dalle donazioni dei lettori della rivista Merum, una camera climatica fornita da Unaprol e un nuovo schermo finanziato da Save the Olives, l'organizzazione supportato da Helen Mirren. "

Gli esperti ritengono che la nuova iniziativa coordinata offra speranza per salvaguardare gli uliveti esistenti e limitare l'ulteriore diffusione della sottospecie pauca di Xylella fastidiosa in territori non colpiti.

Dieci anni dopo il comparsa della Xylella fastidiosa, che si ritiene abbia scatenato la sindrome del declino rapido dell'olivo e ucciso milioni di alberi, la Puglia rimane la regione produttrice di olio d'oliva più significativa in Italia.

"La presenza di Xylella nel territorio pugliese ha raggiunto livelli estremi di complessità”, ha affermato Boscia. "Nuovi ritrovamenti nella Puglia centrale si hanno identificato altra Xylella sottospecie, come Xylella multiplex, che è potenzialmente pericolosa per la viticoltura ma non rappresenta un problema significativo per l'olivo.

"Tuttavia, questa complessità richiede un approccio articolato agli sforzi di contenimento ed eradicazione”, ha aggiunto.

Organizzazioni di agricoltori e produttori come Coldiretti, Unaprol e Cai Consorzi Agrari d'Italia hanno lanciato un progetto per assistere gli olivicoltori nel reimpianto di varietà resistenti alla Xylella.

L'obiettivo è piantare circa tre milioni di nuovi ulivi, una frazione dei 21 milioni persi a causa di Xylella. Questa iniziativa prevede la fornitura di piante resistenti certificate di alta qualità, supporto tecnico per la preparazione del terreno e consulenza agronomica e fitopatologica specializzata.

"La diffusione della Xylella ha raggiunto un punto in cui l’eradicazione non è più possibile. Dobbiamo imparare a convivere con esso”, ha affermato David Granieri, presidente di Unaprol.

Boscia ha sottolineato come le estese operazioni di monitoraggio della Xylella abbiano fornito ai ricercatori e alle parti interessate una conoscenza significativa sui batteri.

"Questo è il risultato di un programma di sorveglianza condotto dalla Regione Puglia, unico al mondo, con oltre 250,000 analisi all'anno e 250 stazioni di monitoraggio dedicate al monitoraggio dei vettori", ha detto, riferendosi alla popolazione di insetti, come le sputacchine, responsabili della diffondere i batteri.

"Questa attività è insostenibile nel lungo termine e forse anche nel medio termine. Non è esportabile perché non si può chiedere ad altre regioni o paesi di replicarlo con la stessa quantità di risorse”, ha aggiunto Boscia, riferendosi al numero crescente di ceppi diversi di Xylella presenti in tutto il Mediterraneo.

"Tuttavia, quelle operazioni hanno fornito dati sostanziali rispetto a quanto si sapeva dieci anni fa”, ha osservato.

Il controllo delle popolazioni di insetti vettori va di pari passo con le pratiche e le procedure agricole che offrono speranza per la sopravvivenza degli ulivi nelle aree colpite.

pubblicità
pubblicità

"Molti ulivi autoctoni sono stati uccisi, ma alcuni sono sopravvissuti. Se non sono gravemente colpiti, dobbiamo cercare di mantenerli in vita finché la ricerca non consentirà il loro recupero”, ha affermato Giuseppe Lima, fitopatologo e professore dell’Università del Molise.

Ricercatore veterano di patologia vegetale, Lima ora coordina l'iniziativa di ricerca multidisciplinare Integroliv, che mira a contrastare in modo sostenibile gli effetti della Xylella sull'olivicoltura nelle aree colpite.

"Per contrastare efficacemente un nemico così insidioso, singoli interventi specifici nella regione non sono sufficienti”, ha affermato. "Combinare approcci diversi in protocolli complessi è fondamentale per massimizzarne l’efficacia”.

Vedi anche:Il nuovo spray potrebbe proteggere gli ulivi dalla Xylella

"Il nuovo modello di collaborazione è aperto a tutti”, ha aggiunto Lima. "Il nostro approccio vuole essere un modello di indagine e di lavoro, poiché non possiamo aspettarci che un unico progetto racchiuda tutte le competenze e le soluzioni possibili”.

"Questo approccio garantisce che nuove conoscenze e tecniche possano essere integrate negli sforzi in corso per combattere la Xylella non appena emergono”, ha continuato.

Diversi progetti di ricerca finanziati a livello nazionale, come i progetti Reach-Xy e Omibreed, mirano a scoprire cosa c'è dietro la resilienza genetica di Xylella, migliorare le infrastrutture di biosicurezza, controllare i vettori e promuovere l'uso sostenibile dell'acqua negli uliveti.

Altri contributi all'evento includevano il progetto 1LiveXylella, che sta sviluppando tecnologie innovative per la diagnosi della Xylella, e il progetto SOS, incentrato sulla riduzione della popolazione di insetti vettori.

"Questo evento è una testimonianza dello spirito di collaborazione della comunità scientifica e degli stakeholder locali in Puglia”, ha affermato Lima. "Riunisce competenze provenienti da tutta Europa per affrontare una sfida comune”.

Ha aggiunto che i nuovi olivi nelle aree colpite da Xylella, attualmente rappresentati da varietà non autoctone, devono seguire modelli di gestione agronomica moderni e razionali per garantirne il successo.

Questi modelli saranno basati su quattro cultivar di olivo che dimostrano un'elevata resistenza alla Xylella fastidiosa: Leccino, Lecciana, FS17 e Leccio del Corno.

"Queste varietà sono resistenti e tolleranti ma non immuni”, ha detto Lima. "Ciò significa che non possiamo essere indotti a pensare che, come in passato, possiamo semplicemente piantare olivi e contare sulla buona sorte”.

La gestione e il monitoraggio continui del campo manterranno le nuove piantagioni di olivi semi-intensive e intensive in buona salute e produttività.

"In queste nuove forme di olivicoltura intensiva e semi-intensiva, aumenteranno i problemi fitosanitari, richiedendo più fertilizzanti e fitofarmaci rispetto ai metodi tradizionali", ha avvertito Lima.

"I protocolli [in fase di sviluppo] mirano a contrastare la Xylella e altri agenti patogeni per mantenere gli alberi sia delle varietà autoctone che di quelle nuove in buona salute e produttività", ha aggiunto.

Secondo Lima la devastazione provocata dalla Xylella ha danneggiato il paesaggio e l'identità pugliese. Da queste avversità, però, può emergere un nuovo futuro, caratterizzato da un olio d’oliva di qualità superiore rispetto al passato.

"Nel Salento, le olive di quegli enormi e magnifici alberi venivano spesso tradizionalmente raccolte da terra, con conseguente elevato livello di acidità nell'olio lampante ", ha affermato Lima.

"Domani, con la moderna olivicoltura e l’impianto di frutteti razionali e semi-intensivi, le cose possono cambiare”, ha aggiunto.

A suo avviso, i nuovi oliveti saranno in grado di considerare gli aspetti socio-economici dell'olivicoltura moderna, dove la manodopera può essere difficile da trovare e la qualità del prodotto diventa un requisito essenziale.

"Una tale moderna olivicoltura porterà sicuramente alla produzione di olio di migliore qualità ", ha affermato Lima. "Ci stiamo muovendo verso nuove forme di olivicoltura, che potrebbero portare maggiori entrate alle aziende produttrici di olio d'oliva, contribuendo al contempo al ripristino dell'olivicoltura e dell'ambiente nelle aree colpite da Xylella.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati