La raccolta delle olive toscane riprende con risultati migliori del previsto

Le condizioni di siccità hanno tenuto lontani i parassiti, le piogge autunnali hanno aiutato le piante e ora i coltivatori nella regione dell'Italia centrale celebrano una resa di olio d'oliva migliore del previsto.

Castiglione d'Orcia, Toscana, Italia
Di Paolo DeAndreis
3 gennaio 2023 17:08 UTC
Castiglione d'Orcia, Toscana, Italia

toscana olive oil proproduttori stanno vedendo un raccolto migliore del previsto, con la loro resa superiore ai raccolti della scorsa stagione e stime iniziali per questa stagione. Anche in Toscana la qualità del nuovo olio d'oliva è molto alta. Questo risultato è ampiamente attribuito alla rara presenza del mosca di frutta d'oliva, la cui riproduzione era stata ostacolata dalle prolungate temperature superiori alla media.

"La campagna 2022/2023 è iniziata con una nota positiva e confortante. Possiamo prevedere un aumento finale del 15-20 percento della resa in olio d'oliva rispetto all'ultima campagna ", Fabrizio Filippi, presidente del Consorzio per la tutela dell'olio d'oliva Toscano IGP (Indicazione Geografica Protetta) olio extravergine di oliva, raccontato Olive Oil Times.

Venendo dopo molti mesi di siccità, che dall'inverno del 2021 affligge tutta l'Italia, le piogge di agosto di quest'anno in gran parte della Toscana hanno fatto la differenza. Inoltre, all'inizio dell'autunno nella regione dell'Italia centrale sono cadute più precipitazioni del normale.

"Tali condizioni hanno contribuito a ripristinare gli impianti, che in alcune zone avevano già manifestato segni di stress idrico. I frutti sono stati finalmente in grado di svilupparsi correttamente, prevenendo anomalie qualitative. Tuttavia, la situazione non è omogenea e la produzione è diminuita in quelle aree dove la siccità ha scatenato i suoi effetti", ha osservato Filippi.

Secondo l'esperto toscano, come il cambiamenti climatici, le numerose microregioni della Toscana richiederanno condizioni sempre più specifiche per coltivare bene le olive. "Detto questo, abbiamo visto un raccolto in crescita nelle aree più interne e volumi inferiori in alcune regioni costiere”, ha spiegato Filippi.

Come tutto il settore olivicolo italiano, toscano olive oil proi produttori stanno anche affrontando la crisi energetica e l'impennata dei prezzi delle materie prime, condizioni aggravate da inflazione e la guerra russa in Ucraina.

Vedi anche:Notizie economiche sull'olio d'oliva

"A tutto questo dobbiamo senza dubbio aggiungere il scenario ambientale, con il rapido e preoccupante fenomeno del cambiamento climatico, i cui effetti sono visibili nella nostra vita quotidiana”, ha osservato Filippi. "Le anomalie termiche e piovose e gli eventi estremi hanno costantemente caratterizzato ogni singola stagione di raccolta delle olive negli ultimi otto anni circa ", ha aggiunto.

Uno degli aspetti cruciali della campagna di raccolta dell'extravergine toscano olive oil producers ha gestito la temperatura dei frutti. Poiché il raccolto è iniziato in un autunno più caldo della media, i coltivatori lo hanno avvertito qualità dell'olio d'oliva potrebbe essere compromessa da temperature eccessive.

"Abbiamo fatto investimenti significativi per rinnovare i nostri impianti di frangitura e questo si è rivelato fondamentale per far fronte a temperature così superiori al normale ", Gionni Pruneti, agronomo e comproprietario di Frantoio Prunetti, il vincitore del Gold Award al 2022 New York International Olive Oil Competition, ha detto Olive Oil Times.

Nello specifico, Pruneti's new mulino comprendeva una linea di refrigerazione che si occupa sia di preraffreddare le olive nuove a temperature ottimali sia di mantenere costante la temperatura durante le operazioni di molitura.

"Durante l'intero processo di estrazione, non appena rileviamo che la temperatura sta salendo, possiamo intervenire immediatamente per abbassarla e riportarla ai nostri standard qualitativi", ha osservato Pruneti.

Riferendosi al disciplinare della produzione di olio extravergine di oliva toscano certificato, Pruneti ha sottolineato come "manteniamo infatti temperature di esercizio inferiori alle normative di prodotto. Temperature così basse sono le più adatte per estrarre dai nostri frutti tutti i loro sapori e profumi", ha aggiunto.

Pruneti ha notato un soddisfacente resa in olio d'oliva in termini di volume e ha riportato una maggiore qualità del prodotto finale. "Rispetto al 2021, abbiamo avuto indubbiamente volumi maggiori. Le proporzioni di nocciolo, polpa e buccia delle olive erano sicuramente migliori ", ha affermato Pruneti.

L'olio extravergine di oliva Toscano IGP è il più riconoscibile dei 49 certificati Italiano olive oil proriduttori. Secondo gli ultimi dati Ismea/Qualivita, circa il 20 per cento di tutti i toscani olive oil prol'ottenimento avviene sotto l'ombrello disciplinare IGP.

Per quanto riguarda il valore, gli EVOO toscani IGP rappresentano circa il 30 percento della produzione di EVOO certificata in Italia. Le esportazioni di EVOO toscano hanno portato a 35 milioni di euro del totale di 66 milioni di euro di EVOO italiano certificato valore di esportazione.

Secondo Filippi, toscano olive oil produzione mostra alcune vulnerabilità specifiche. Ad esempio, almeno il 30 percento della coltivazione dell'olivo avviene in aree remote, dove è tradizionalmente associato al paesaggio piuttosto che olive oil produzione.

pubblicità

"La carta d'identità [olivicola] della Toscana mostra tratti per così dire fragili e sottili, in quanto un ettaro è la superficie media dell'azienda agricola che produce in media un litro di olio d'oliva per pianta. A questo va aggiunto che circa il 30 per cento del uliveti finiscono abbandonati”, ha osservato Filippi.

Per dare nuova vita alla produzione della regione, Filippi ha osservato come circa il 10 percento del terreno coltivato a oliveto potrebbe essere destinato a modelli di olivicoltura più produttivi e moderni, compresi quelli intensivi o uliveti ad alta densità.

"Tuttavia, tutte le varietà dovrebbero essere di origine toscana e far parte del germoplasma autoctono regionale per salvaguardare il patrimonio genetico, ambientale, paesaggistico e identitario”, ha affermato Filippi.

Filippi ha notato come alcune fragilità del mercato regionale siano legate alla scarsa conoscenza da parte dei consumatori sia della qualità che del significato delle certificazioni regionali, come Denominazione di Origine Protetta (DOP) e IGP.

Gli ultimi dati ufficiali provenienti dal Ministero delle Politiche Agricole, Sovranità Alimentare e Forestale, mostrano che solo il 30 per cento dei consumatori sa cosa significano le indicazioni geografiche ufficiali. Tali informazioni incidono sul valore percepito del prodotto e, quindi, sul suo prezzo e sui prodotti associati margini di profitto per tutta la filiera produttiva.

In questo scenario, "i consumatori non sono sufficientemente consapevoli per indirizzare la loro scelta verso oli di oliva certificati e di alto valore. Ciò significa che la scelta si fa sempre partendo dal prezzo del prodotto, quello più economico o quello che è più o meno quello”, ha osservato Filippi.

Secondo Pruneti, i prezzi EVOO di fascia alta non sono stati significativamente influenzati dall'aumento dei prezzi di altri gradi di olio d'oliva venduti sugli scaffali dei supermercati.

"Naturalmente, dobbiamo anche far fronte all'aumento dei prezzi delle materie prime, quindi un aumento dei prezzi è stato inevitabile. Tuttavia, i nostri prezzi sono cresciuti molto meno di quelli di altri prodotti o di altre classi di qualità", ha precisato Pruneti.

Secondo Prunetti, olio d'oliva di alta qualità i produttori potrebbero trarre vantaggio dalla nuova realtà del mercato. "Il prodotto di fascia alta potrebbe ora intercettare i consumatori che hanno visto salire i prezzi [del loro prodotto abituale], e sono quindi tentati di spendere un po' di più per un prodotto di classe superiore", ha aggiunto Pruneti, accennando alle numerose iniziative dell'azienda volte a per alimentare la consapevolezza dei consumatori di oli di oliva di qualità superiore.

Secondo Filippi, l'attuale olio d'oliva aumento dei prezzi è stato ampiamente ridotto nell'olio d'oliva di alta gamma per iniziativa dei singoli produttori. "Dobbiamo ringraziare le aziende che hanno colto l'occasione e stanno andando sul mercato con margini inferiori per garantire che il loro prodotto sia disponibile a prezzi accessibili", ha osservato.

"Il deficit culturale mostrato dai consumatori deve rappresentare il percorso verso una strategia di comunicazione sempre più intensa, chiara e comune volta sia a posizionare il prodotto certificato sia a marcare la differenza con gli altri oli. Tutto questo per cercare di dissolvere quella percezione cronica dell'olio d'oliva come un semplice bene di consumo, privo di qualsiasi caratterizzazione e personalizzazione ", ha concluso Filippi.

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti