Titone continua l'eredità pionieristica dell'agricoltura biologica in Sicilia

Di padre in figlia, la pluripremiata produttrice continua a seguire il percorso paterno di produzione di alta qualità e sostenibilità.

Antonella e Nicola Titone, che tiene in mano la sua trappola per mosche biologiche dell'olivo.
Novembre 14, 2022
Di Ylenia Granitto
Antonella e Nicola Titone, che tiene in mano la sua trappola per mosche biologiche dell'olivo.

Notizie recenti

Immerso nell'angolo nord-occidentale della Sicilia, il Fattoria Titone è accarezzata dai venti che soffiano dal Mar Tirreno.

"Qui mio nonno Nicolò coltivava uve Grillo e Catarratto destinate alla produzione del vino Marsala”, ha raccontato Antonella Titone Olive Oil Times. "Il frutteto è stato gradualmente trasformato da vigneto in uliveto tra gli anni '1970 e '1990.

(Mio padre) era il mio gregario e mi manca il suo supporto. È tutto diverso senza di lui, ma mi sforzo di essere il suo degno successore.- Antonella Titone, titolare, azienda agricola Titone

"È stato mio padre, Nicola, a piantare gli alberi in modo molto razionale, con ogni filare corrispondente a una sola varietà, per facilitare la raccolta”, ha aggiunto.

Ampiamente considerato un pioniere dell'olivicoltura biologica, Nicola Titone è deceduto lo scorso anno. Da quel momento Antonella si è impegnata a onorare il suo insegnamento, proseguendo sulle sue orme di alta qualità olive oil produzione perseguendo un'agricoltura sostenibile.

Vedi anche:Profili del produttore

"Era il mio gregario e mi manca il suo sostegno", ha detto. "È tutto diverso senza di lui, ma mi sforzo di essere il suo degno successore. All'inizio di questo incredibile viaggio nel mondo di olio extravergine d'oliva, ero così ingenuo.

"Non conoscevo nulla del settore e la mia scelta di affiancare mio padre è stata un po' inconsapevole e inconsapevole, dettata unicamente dal mio amore per lui". "Mi ha coinvolto, supportato e sono passati 20 anni da quando ho iniziato a produrre olio d'oliva.

pubblicità

La famiglia Titone è farmacista da generazioni.

"Grazie al nostro background, siamo sempre stati concentrati sulla prevenzione, che può essere fornita a tavola e, prima ancora, mantenendo l'ambiente pulito ", ha detto. "Inoltre, gli studi scientifici ci hanno aiutato ad avere un approccio di ricerca”.

europa-profili-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-titone-continuare-l-eredità-pionieristica-dell-agricoltura-biologica-sulla-sicilia-ai-tempi-dell-olio-d-oliva

Antonella Titone

"Sulla base di queste premesse, mio ​​padre si lanciò nella sfida di olivicoltura biologica, che all'epoca era rivoluzionario", ha aggiunto Titone.

La sua miscela di Cerasuola e Biancolilla ha vinto un Gold Award al 2021 e 2022 edizioni del NYIOOC World Olive Oil Competition, i premi mondiali per la qualità dell'olio d'oliva.

Prima dell'istituzione degli organismi di certificazione e controllo biologico, Nicola Titone ha iniziato ad attuare un regime di gestione dell'oliveto rispettoso dell'ambiente. Successivamente, la sua azienda è stata tra le prime in Italia a ottenere la certificazione biologica.

Si è fatto conoscere nel settore per aver realizzato una trappola per la mosca dell'olivo, la cui validità scientifica è stata accertata dalla facoltà di agronomia dell'Università di Palermo.

"Devo dire che il suo approccio rivoluzionario era già stato visto nel campo della farmacia", ha detto Titone. "È stato uno dei primi, a Marsala, nei primi anni '1970, a spostare la sua farmacia dal centro cittadino in una zona periferica perché riteneva che le cure sanitarie dovessero essere facilmente raggiungibili da tutti”.

"Quindi, ha allestito un moderno negozio con prodotti dietetici e cosmetici, non solo medicinali, che all'epoca era un'innovazione ", ha aggiunto. "Era davvero in anticipo sui tempi”.

europa-profili-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-titone-continuare-l-eredità-pionieristica-dell-agricoltura-biologica-sulla-sicilia-ai-tempi-dell-olio-d-oliva

Oggi Titone gestisce un uliveto di 19 ettari con 5,000 piante tra Marsala e Trapani. Tipiche varietà regionali, come la Cerasuola, la Nocellara del Belice, la Biancolilla e la Coratina di recente impianto, sono intervallate da alberi di Frantoio come impollinatori.

"Abbiamo dotato i nostri frutteti di un sistema di irrigazione, come hanno fatto molte altre aziende vicine, e questo ci aiuta a evitare che le piante soffrano di stress idrico". "Eravamo già abituati a lunghi periodi senza pioggia, ma stanno diventando di più severo e di lunga durata, richiedendo più attenzione e lavoro.”

Nonostante l' siccità e ondate di calore che ha colpito l'Italia la scorsa estate, questi sforzi nell'oliveto hanno permesso di arrivare alla stagione della raccolta con olive sane, che sono state molite nel frantoio aziendale all'avanguardia.

"Abbiamo apportato il primo importante cambiamento alla tecnologia di fresatura nel 1999, quando abbiamo introdotto macchinari all'avanguardia”, ha affermato Titone. "Ora effettuiamo aggiornamenti periodici”.

"Tre anni fa abbiamo cambiato la frangitrice, sostituendo i dischi con i coltelli, e poi abbiamo rinnovato i portelli delle gramole”, ha aggiunto. "Cerchiamo di migliorarci costantemente e sono determinato a seguire questo approccio, valorizzando la struttura aziendale”.

europa-profili-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-titone-continuare-l-eredità-pionieristica-dell-agricoltura-biologica-sulla-sicilia-ai-tempi-dell-olio-d-oliva

Quest'anno la vendemmia è iniziata ai primi di ottobre ed è durata un mese. Titone e il suo team hanno raccolto prima le olive Biancolilla da quando sono maturate per prime.

Successivamente si raccoglievano le olive Cerasuola, raccolte a mano con l'ausilio di rastrelli. Poi le olive Nocellara sono state raccolte esclusivamente a mano in quanto estremamente delicate. Infine, Titone ha completato la raccolta con gli alberi di Coratina.

"Le cure necessarie, soprattutto da parte di alcuni varietà di olive, significa un grande impegno e costi molto elevati”, ha affermato. "Posso farlo grazie a un grande lavoro di squadra.”

"I miei collaboratori provengono da paesi e culture diverse oltre all'Italia – Romania e il paese africano del Mali”, ha precisato Titone. "In fattoria abbiamo una tradizione: all'inizio della vendemmia chiamiamo un sacerdote per benedire l'azienda e gli operai. Cattolici, ortodossi e musulmani pregano tutti insieme, vivendo un momento gioioso e significativo di unione”.

"Questo approccio di ospitalità e amore è un ulteriore modo per continuare il lavoro di mio padre”, ha aggiunto. "La sua è un'eredità importante che mi spinge verso il futuro senza smettere di mettere in pratica i suoi preziosi insegnamenti”.

"Adesso ho molte idee in cantiere”, ha concluso Titone. "Mi piace pensare a cosa si può ancora fare, sempre sulla strada della qualità, che non può prescindere dalla gestione sostenibile dei nostri oliveti perché da questo dipende il futuro stesso di tutti noi”.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti