Sostenibilità e biodiversità fanno bene agli affari, crede questo agricoltore campano

Case d'Alto produce oli extravergine di oliva biologici in Irpinia da varietà autoctone. Il proprietario Claudio De Luca afferma che concentrarsi sulla sostenibilità migliora la qualità.

La raccolta a Case d'Alto inizia presto per evitare infestazioni di mosca dell'olivo. (Foto: Case d'Alto)
Di Ylenia Granitto
Maggio. 13, 2024 13:11 UTC
28
La raccolta a Case d'Alto inizia presto per evitare infestazioni di mosca dell'olivo. (Foto: Case d'Alto)

Spesso definita il cuore verde della Campania per le sue bellezze naturali, la regione storica dell'Irpinia – corrispondente all'incirca alla provincia di Avellino – vanta una storia di vini pregiati e premiati olio extravergine d'oliva produzione.

"I nostri uliveti ci hanno dato tanto e la qualità della nostra produzione ci ha permesso di farci conoscere velocemente anche nel mercato internazionale”, ha affermato Claudio De Luca, titolare dell'azienda. Case d'Alto.

I consumatori consapevoli della qualità dell'olio d'oliva sono ancora un gruppo di nicchia e occorre fare molta comunicazione. Ma chi assaggia un grande olio extravergine di oliva non ritorna a uno più povero.- Claudio De Luca, titolare Case d'Alto

Inizialmente De Luca sembrava destinato a intraprendere una carriera nella finanza. Tuttavia, per uno scherzo del destino, ha fondato l'azienda vinicola e l'oliveto nei terreni argillosi vulcanici ricchi di calcare intorno alla sua città natale nella regione meridionale italiana.

"Pensavo che avrei lavorato con le banche dopo essermi laureato in Economia degli intermediari finanziari all'Università di Pisa in Toscana”, ha detto De Luca.

Vedi anche:Profili del produttore

"Un giorno sono tornato nella mia città natale, dove avevo qualcosa di cui occuparmi”, ha aggiunto. "Pensavo fosse temporaneo e invece ho deciso di restare e dedicarmi all’agricoltura”.

Nel 2011 De Luca fonda Case d'Alto come azienda agricola biologica, dal nome della zona rinomata per la produzione del Taurasi, un vino rosso ottenuto da uve Aglianico. Insieme a questo vitigno, De Luca iniziò a produrre un altro vitigno autoctono, il Fiano, da antichi vigneti.

"La mia famiglia ha sempre prodotto vino e olio d'oliva per il consumo domestico ", ha detto. "A quel tempo viaggiavo spesso e ho apprezzato l’idea di restare e lavorare nella mia terra d’origine”.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-sostenibilita-la-biodiversita-fa bene-alle-imprese-questo-agricoltore-campano-crede-ai-tempi-dell-olio-d-oliva

Claudio De Luca e il figlio Leonardo ispezionano gli uliveti. (Foto: Case d'Alto)

"Il mio progetto originario prevedeva l'installazione di un grande impianto fotovoltaico su un terreno incolto di diversi ettari accanto ai vigneti”, ha aggiunto De Luca. "Ma per questioni burocratiche è esploso e nel 2012 ho deciso di piantare 700 ulivi su quel terreno vuoto”.

Intenzionato a continuare la tradizione di famiglia e puntare sulla qualità, ha ampliato l’oliveto e sperimentato fino ad effettuare la prima significativa raccolta nel 2016.

Oggi l'azienda agricola comprende 1,000 alberi e presto ne verranno piantati altri 700. Al centro della proprietà si trova un boschetto secolare a Grottaminarda, che racchiude un mix di varietà. Veniva utilizzato per garantire una resa costante di anno in anno, con prevalenza di Frantoio e Ogliarola Irpina.

Dopo aver condotto indagini agronomiche in località Flumeri, particolarmente vocata alla produzione di olio d'oliva, De Luca ha avviato un frutteto di sette ettari composto principalmente da Ravece autoctono. Produce un blend di Leccio del Corno, Leccino, Frantoio e altri vitigni autoctoni, tra cui il Marinese.

"Avendo iniziato a collaborare con un importatore negli USA, abbiamo cominciato a partecipare al NYIOOC con il nostro monovarietale Ravece, che ha collezionato tre premi, regalandoci grandi soddisfazioni”, ha detto De Luca. "Nella campagna 2022/23 abbiamo avuto un forte calo della produzione di vino, ma è stato compensato da un ottimo raccolto di olive, anche oltre le aspettative, culminato con un Gold Award”.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-sostenibilita-la-biodiversita-fa bene-alle-imprese-questo-agricoltore-campano-crede-ai-tempi-dell-olio-d-oliva

Case d'Alto conta 1,000 alberi, la maggior parte dei quali sono varietà autoctone, e si prevede di piantarne presto altri 700. (Foto: Case d'Alto)

La caratteristica principale del Ravece è una nota di foglia di pomodoro verde o di pomodoro, a seconda della maturazione del frutto. A ciò possono accompagnarsi sentori erbacei, di carciofo e di mela, con amaro e piccante accesi e persistenti.

De Luca afferma che gli oli extra vergini di oliva Case d'Alto sono ottenuti da frutti spremuti entro sei ore presso il Frantoio Barbieri, un frantoio all'avanguardia a Paternopoli, a dieci chilometri dall'azienda agricola. A seconda del tempo, la raccolta inizia solitamente entro la fine di settembre e termina a metà ottobre.

"Nonostante la Ravece sia una varietà a maturazione tardiva, anticipiamo le operazioni per due ragioni principali", ha spiegato De Luca. "Innanzitutto, è suscettibile al mosca di frutta d'oliva, e poiché la gestione biologica dell'azienda impone di attuare un modello di prevenzione per scongiurare questo parassita, possiamo raccogliere i frutti solo prima del suo arrivo".

pubblicità
pubblicità

"In secondo luogo, il terreno di Flumeri è prevalentemente argilloso e, quando iniziano le piogge, ciò può causare problemi con l’uso dei veicoli”, ha aggiunto. "Pertanto, dobbiamo lavorare con condizioni meteorologiche favorevoli. Tuttavia, un raccolto anticipato garantisce prodotti con un'elevata resa polifenoli contenuto."

L'azienda si affida inoltre a un sistema di Agricoltura 4.0 per prevenire le infestazioni di mosca dell'olivo. Questo sistema è costituito da unità di monitoraggio installate nell'oliveto che catturano immagini e forniscono informazioni meteo.

Agricoltura 4.0

L’agricoltura 4.0, nota anche come agricoltura intelligente o agricoltura di precisione, si riferisce all’integrazione di tecnologie avanzate e analisi dei dati nelle pratiche agricole tradizionali per migliorare l’efficienza, la produttività e la sostenibilità. Questo approccio di prossima generazione all’agricoltura sfrutta tecnologie all’avanguardia come l’Internet delle cose (IoT), l’intelligenza artificiale (AI), la robotica, i droni, le immagini satellitari, i sensori e l’analisi dei big data per ottimizzare vari aspetti delle operazioni agricole.

"Tali progressi portano a maggiori costi di produzione, a cui vanno aggiunti ulteriori sforzi e quindi occorrono spese per lavorare su questi pendii ripidi”, spiega De Luca.

"Tutto ciò però è controbilanciato dagli alti livelli di qualità che possiamo garantire ai nostri consumatori”, ha aggiunto. "Gli strumenti intelligenti ci consentono inoltre di ottimizzare le risorse ed essere più sostenibili”.

Gli oliveti sono piantati su colline ben esposte tra i 400 e i 600 metri di altitudine e non necessitano di irrigazione, consentendo all'azienda di utilizzare meno acqua e raggiungere una maggiore sostenibilità ambientale.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-sostenibilita-la-biodiversita-fa bene-alle-imprese-questo-agricoltore-campano-crede-ai-tempi-dell-olio-d-oliva

Molti dei 1,000 ulivi dell'azienda sono l'endemico Ravece, che Case d'Alto utilizza per il suo monovarietale di punta. (Foto: Case d'Alto)

"Credo che essere sostenibili per un'azienda al giorno d'oggi sia necessario non solo far fronte cambiamento climatico", ha detto De Luca. "La preservazione della biodiversità e il mantenimento del paesaggio sono strettamente legati alla qualità della produzione. I buoni prodotti provengono da ambienti sani”.

Ha aggiunto che preservare i paesaggi naturali aiuta anche a promuovere l’oleoturismo. "Quando le persone visitano l'azienda agricola, e io le porto nei frutteti ad ammirare questi alberi mentre assaggiano una fetta di pane con l'olio ottenuto dai loro frutti, portano a casa un'esperienza sensoriale straordinaria”, ha detto De Luca.

Crede che esista una sinergia unica tra i produttori di vino e olio d'oliva, che possono utilizzare un prodotto come punto di accesso affinché i consumatori possano provare l'altro.

"Mostro loro la differenza tra un olio povero e i nostri prodotti premium, e le reazioni sono sempre positive, stupiscono i loro colori, sapori e profumi”, ha detto De Luca.

"I consumatori consapevoli della qualità dell'olio d'oliva sono ancora un gruppo di nicchia e occorre fare molta comunicazione ", ha concluso. "Ma chi assaggia un grande olio extravergine di oliva non ritorna a uno più povero, anzi, comincia a pretendere sempre la massima qualità”.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati