La produzione spagnola di olio d'oliva continua a superare le aspettative

Anche se il rendimento di quest'anno rimane significativamente al di sotto della media quinquennale, ha superato le aspettative iniziali dell'11% e ha superato del 28% il raccolto storicamente scarso dell'anno scorso.
Di Daniel Dawson
Maggio. 28, 2024 11:40 UTC

Mentre l'ultimo olio d'oliva della stagione decanta nei frantoi di tutto il paese, i funzionari spagnoli hanno affermato che la produzione ha raggiunto 850,157 tonnellate nella campagna agricola 2023/24.

Sebbene la resa di olio d'oliva di quest'anno rimanga significativamente al di sotto della media quinquennale, è stata superata aspettative iniziali dell'11% e ha superato del 28% il raccolto storicamente scarso dello scorso anno.

Secondo Juan Vilar, a consulente strategico per il settore dell'olio d'oliva, diversi fattori spiegano perché il raccolto è stato migliore del previsto.

Vedi anche:I produttori spagnoli festeggiano il risultato finale pluripremiato dopo un raccolto impegnativo

"Uno era il prezzo dell’olio d’oliva”, ha detto Olive Oil Times. "Ciò ha fatto sì che negli oliveti nessuno abbandonasse le olive; tutto è stato raccolto. C'era anche più frutta del previsto, ma con meno olio di quanto inizialmente previsto."

Lo ha aggiunto Vilar alti prezzi dell'olio d'oliva ha inoltre portato molti produttori di olive da tavola a destinare il raccolto alla produzione di olio d'oliva, contribuendo ulteriormente a una resa superiore alle aspettative.

L'Andalusia ha aperto la strada, con la produzione nella comunità autonoma più meridionale che è salita a 576,615 ton, compresi i raccolti di 205,572 e 151,294 ton rispettivamente a Jaén e Córdoba.

Segue Castiglia-La Mancia, che ha prodotto 108,636 tonnellate; Estremadura, dove la resa ha raggiunto le 68,731 tonnellate; e la Catalogna, con 32,467 tonnellate. Le restanti dieci comunità autonome produttrici di olio d'oliva della Spagna si sono unite per produrre 63,708 tonnellate.

Con la raccolta delle olive da tavola entrata nell'ottavo mese in Spagna, il ministero ha affermato che la produzione ha raggiunto le 408,000 tonnellate.

Analogamente all'olio d'oliva, la resa finale delle olive ha superato la stima iniziale di 387,800 tonnellate. Tuttavia, finirà al di sotto delle 414,200 tonnellate dell'anno precedente e del 22% al di sotto della media quinquennale.

Guardando avanti alla campagna agricola 2024/25, che inizia a ottobre, Vilar e i funzionari del ministero sono ottimisti sul fatto che la produzione spagnola di olio d'oliva tornerà alla normalità.

La Spagna ha prodotto una media di 1.4 milioni di tonnellate all’anno nei cinque anni precedenti il ​​raccolto storicamente basso del 2022/23.

"Non ci sono stati problemi [negli uliveti andalusi] ", ha detto Vilar. "Tutto sta andando abbastanza bene”.

Ha aggiunto che il sud della Spagna ha ricevuto precipitazioni sufficienti per soddisfare il fabbisogno idrico degli uliveti irrigati della regione durante l'estate.

Durante l'annuncio degli ultimi dati sulla produzione, il ministero ha confermato la posizione di Vilar e ha affermato che un raccolto migliore si tradurrebbe in una riduzione dei prezzi dell'olio d'oliva all'origine.

"Per quanto riguarda le previsioni per il prossimo raccolto, le stime indicano una ripresa della produzione grazie alle piogge e alle buone condizioni meteorologiche delle ultime settimane", ha affermato il Ministero spagnolo dell'Agricoltura, della Pesca e dell'Alimentazione.

"Di conseguenza, i prezzi dovrebbero essere inferiori ai livelli elevati registrati nell’attuale campagna”, ha aggiunto il ministero.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati