`La Spagna prevede di produrre 1.25 milioni di tonnellate di olio d'oliva nell'attuale anno di raccolto - Olive Oil Times

La Spagna prevede di produrre 1.25 milioni di tonnellate di olio d'oliva nell'attuale anno del raccolto

Gennaio 25, 2022
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Con la raccolta delle olive ben avviata in Spagna, le autorità prevedono di produrre 1.25 milioni di tonnellate di olio d'oliva nella campagna 2021/22, che ammonterebbe a circa 42 per cento del globale olive oil produzione.

Questa conferma le previsioni realizzato alcuni mesi fa dall'Agenzia per l'informazione e il controllo alimentare (AICA) e corroborato dall'Unione dei piccoli agricoltori e allevatori (UPA) dell'Andalusia.

Le previsioni si basavano sugli effetti di siccità prolungata sugli uliveti nel 2021. Le precipitazioni a maggio sono state insufficienti e non hanno alleviato il problema.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2021

Secondo Cristóbal Cano, segretario generale per le olive e l'olio d'oliva dell'UPA Andalsuia, le stime di produzione iniziali erano corrette.

"Supereremo di poco 1.2 milioni di tonnellate di olio d'oliva in questa campagna ", ha affermato. "Bisogna tener conto che siamo praticamente al 70 per cento del raccolto e che, in questi mesi, in Spagna sono state prodotte 867,226 tonnellate”.

pubblicità

"Data questa situazione, capiamo che non ha senso che il governo andaluso aggiorni i dati di produzione pubblicati a settembre 2021, all'inizio della campagna", ha aggiunto. "Sul campo si conferma quanto già detto”.

Cano ha anche confermato che 354,000 tonnellate di olio d'oliva, comprese le importazioni, erano state commercializzate in Spagna dopo i primi tre mesi della campagna 2021/22, iniziata ad ottobre.

"Sebbene sia effettivamente meno petrolio venduto rispetto allo scorso anno, dobbiamo renderci conto che veniamo da due anni da record per le vendite", ha detto Cano. "Quest'anno abbiamo sperimentato scorte inferiori all'inizio della campagna e stimata una produzione inferiore, quindi avremo meno petrolio sul mercato".

"Anche così, le vendite, e soprattutto le esportazioni, sono in ottima salute", ha aggiunto. "Siamo addirittura aumentati vendite in paesi terzi, il che ci mostra, ancora una volta, che i consumatori apprezzano sempre più l'olio d'oliva come il miglior grasso vegetale del mondo.

Cano ha concluso sostenendo che il settore olivicolo spagnolo rimane il più influente per produzione globale e commercio.

Ha insistito sul fatto che l'unico componente mancante è l'applicazione della nuova legge sulla filiera agricola del paese e nuove normative che regola la qualità dell'olio d'oliva.



Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti