I ricercatori svelano le ultime tecnologie per aiutare a raccogliere e produrre olio d'oliva

I ricercatori spagnoli hanno lavorato per sviluppare nuove tecnologie in risposta a ciò di cui alcune delle maggiori parti interessate del settore hanno affermato di aver maggiormente bisogno.

Associazione interprofessionale dell'olio d'oliva spagnolo
Aprile 6, 2022
Di Daniel Dawson
Associazione interprofessionale dell'olio d'oliva spagnolo

Notizie recenti

Dopo quattro anni, i ricercatori dietro il progetto Innolivar hanno presentato alcuni dei loro lavori all'Università di Córdoba in Andalusia;.

Il progetto si è concentrato sullo sviluppo di 12 tecnologie e linee di indagine separate relative alla meccanizzazione degli oliveti, al miglioramento della sostenibilità, cambiamento climatico tattiche di mitigazione e sviluppo di biotecnologie e tracciabilità tecnologia.

Se riusciremo a portare alcuni o molti dei prototipi nella fase commerciale... renderà l'oliveto spagnolo più competitivo e faciliterà la sua espansione internazionale- Jesús Gil Ribes, direttore scientifico, Innolivar

Dall'inizio del progetto nel 2017, i ricercatori dell'università e i loro partner nel settore privato hanno lavorato per sviluppare nuovi brevetti e costruire prototipi che alla fine saranno venduti agli olivicoltori e ai produttori di olio in risposta a ciò che alcuni dei maggiori stakeholder del settore hanno detto al ricercatori di cui avevano più bisogno.

Tra le tecnologie sviluppate dai ricercatori ce n'erano due destinate ad aiutare entrambi coltivatori tradizionali e agricoltori ad alta densità.

Vedi anche:L'Andalusia progetta un centro per l'olio d'oliva a Jaén

Per i coltivatori tradizionali, i ricercatori hanno sviluppato a "veicolo polivalente per lavori uliveti in pendenza difficili da meccanizzare”.

Jesús Gil Ribes, professore di agroforestazione all'Università di Córdoba e direttore scientifico del progetto, ha detto Olive Oil Times i ricercatori hanno deciso di sviluppare questo progetto a causa dell'alto numero di decessi in Spagna causati da trattori ribaltati, che ha stimato in uno ogni settimana.

pubblicità

"In Andalusia, la principale regione produttrice, con quasi l'80% del totale, ci sono più di mezzo milione di ettari con pendenze medie superiori al 15% e più di un quarto di milione con oltre il 25%", ha affermato.

I nuovi veicoli sono dotati di giunti articolati su ciascuna delle quattro ruote indipendenti che, insieme all'ausilio di cilindri idraulici, consentono al veicolo di modificare la carreggiata e il baricentro durante gli spostamenti in pendenza.

"Inoltre, la cabina è autolivellante e il trattore può lavorare su pendenze laterali fino al 45 percento", ha aggiunto Gil Ribes.

Di conseguenza, il nuovo veicolo consentirà agli agricoltori tradizionali di lavorare su pendii più ripidi. Ha aggiunto che il veicolo dispone anche di numerosi intoppi, consentendo agli agricoltori di utilizzare diversi strumenti contemporaneamente.

Nel frattempo, i ricercatori hanno prodotto una mietitrice semovente per boschi ad alta densità per raccogliere le olive in modo rapido ed efficiente.

business-europe-produzioni-ricercatori-svelano-le-ultime-tecnologie-per-aiutare-a-raccolta-e-produrre-olio-d-oliva-olio-d-oliva-times

Associazione interprofessionale dell'olio d'oliva spagnolo

Gil Ribes ha affermato che l'idea alla base di questa macchina è ridurre il numero di persone necessarie per raccogliere le olive.

Invece delle tradizionali squadre di 10 persone, compresi gli operatori della macchina e l'equipaggio che hanno aiutato a spostare la tela e raccogliere i frutti caduti, la nuova macchina ridurrà il numero a due o tre.

L'obiettivo di queste mietitrici è ridurre i costi di raccolta delle olive. Tuttavia, Gil Ribes ha affermato che potrebbero essere adattati anche ad altre colture, inclusi agrumi e mandorle.

"Sono stati sviluppati due tipi di mietitrebbia", ha affermato. "Quelli basati sulla vibrazione del tronco e sullo scuotimento meccanico simultaneo della chioma, che viene fatto dagli olivicoltori che guidano le mietitrici su oliveti intensivi [ad alta densità] e che necessitano dell'aiuto di sistemi di supporto automatizzati per rilevare i tronchi dalla pinza del vibratore e per la sua vibrazione. Questo lavoro è intermittente”.

Ci sono anche "quelli basati su scuoti tazze laterali dotati di sistemi di rilevamento del tronco che ne consentono la guida semiautomatica e sistemi di rilevamento delle chiome degli ulivi in ​​modo che gli elementi scuotitori possano adattarsi automaticamente ad essi. Questo lavoro è continuo", ha aggiunto Gil Ribes.

business-europe-produzioni-ricercatori-svelano-le-ultime-tecnologie-per-aiutare-a-raccolta-e-produrre-olio-d-oliva-olio-d-oliva-times

Associazione interprofessionale dell'olio d'oliva spagnolo

"Entrambi i tipi richiedono una potatura adattata, che non è troppo impegnativa, e dispongono di sistemi di monitoraggio remoto e monitoraggio del raccolto", ha proseguito.

Anche i ricercatori hanno indagato nuove varietà di olive per adattarsi a boschi ad alta e altissima densità.

Sikitita, Sikitita Dos, Martina e sette selezioni avanzate dell'Università di Córdoba e del programma di allevamento dell'Istituto andaluso per la ricerca agricola e della pesca (IFAPA) sono in fase di sperimentazione nei boschetti.

"Nel 2021, il primo raccolto significativo è stato raccolto nelle quattro prove e si prevede di continuare a valutarle per almeno altri cinque anni", ha affermato Gil Ribes.

Insieme alla tecnologia per aiutare la produttività degli agricoltori, i ricercatori hanno anche dedicato molto tempo a concentrarsi sulla sostenibilità, compreso lo sviluppo di un atomizzatore intelligente, che consente agli agricoltori di applicare pesticidi in tempi e concentrazioni diverse, a seconda delle esigenze dell'albero.

Gil Ribes ha detto che l'obiettivo era quello ridurre il pesticida necessario per mantenere le olive al sicuro da parassiti e malattie.

Tra le tecnologie sviluppate a tal fine c'erano sistemi di rilevamento automatico che utilizzano due telecamere tridimensionali o sensori a ultrasuoni per scansionare gli alberi in tempo reale e applicare pesticidi secondo necessità. Gil Ribes ha affermato che questi sistemi sono il 35% più efficienti.

business-europe-produzioni-ricercatori-svelano-le-ultime-tecnologie-per-aiutare-a-raccolta-e-produrre-olio-d-oliva-olio-d-oliva-times

Associazione interprofessionale dell'olio d'oliva spagnolo

I ricercatori hanno anche sviluppato unità di refrigerazione per i pesticidi, che ne impediscono l'evaporazione più rapidamente, e controlli remoti di monitoraggio e irrorazione che caricano i dati online, consentendo agli agricoltori di monitorarne l'uso in modo più conciso.

"Sono apparecchiature più costose ma più efficienti che ridurranno l'uso di prodotti fitosanitari come richiesto dalla Commissione Europea Strategia dalla fattoria alla tavola, "Ha detto.

I ricercatori hanno anche progettato macchinari per raccogliere e distruggere tutti i rifiuti potare gli ulivi in primavera, che rimuoverà contemporaneamente un vettore per molti parassiti comuni e consentirà ai produttori di creare pacciame e compost.

I ricercatori hanno anche sviluppato prodotti biotecnici per aiutare gli agricoltori ad arginare la diffusione di parassiti e malattie comuni che colpiscono gli ulivi, inclusa una formulazione di funghi entomopatogeni per uccidere il mosca di frutta d'oliva sostenibile. Altri prodotti che uccidono i microrganismi responsabili avvizzimento verticillium sono anche in fase di test.

Tuttavia, Gil ha avvertito che i progetti di biotecnologia hanno una scala temporale molto più lunga a causa di vari ostacoli burocratici.

"I progetti biotecnologici [mirati a combattere le malattie] necessitano di un processo di approvazione lungo e costoso", ha affermato. "Ma ci sono aziende disposte a farlo”.

Oltre alla ricerca di mezzi e tecnologie per migliorare l'olivicoltura, Innolivar si è concentrata anche sulla produzione e tracciabilità dell'olio. I ricercatori hanno progettato prototipi per aiutare ad automatizzare il processo di fresatura e filtraggio.

Tra questi c'è un prototipo che secondo Gil Ribes aiuterebbe con la classificazione e la cernita delle olive non appena arrivano al frantoio senza la supervisione di una persona.

"Questo prototipo consente di classificare i lotti in base al loro stato di maturità, temperatura, grado di sporco e presenza di danni", ha affermato.

"Prototype 7 Automation del processo di filtraggio, invece, è un sistema che consente un controllo e un'azione continui sul grado di torbidità dell'olio e sulla presenza di impurità, in modo automatizzato e digitalizzato”, ha aggiunto Gil Ribes.

business-europe-produzioni-ricercatori-svelano-le-ultime-tecnologie-per-aiutare-a-raccolta-e-produrre-olio-d-oliva-olio-d-oliva-times

Associazione interprofessionale dell'olio d'oliva spagnolo

L'automazione nel frantoio aggiungerà valore all'olio d'oliva in termini di tracciabilità perché i dati sulle olive possono essere tracciati durante tutto il processo di trasformazione.

"I costi possono essere ridotti perché i prototipi richiedono meno manodopera perché sono incorporati in un modello di dati gestito dal cloud e non richiedono una presenza fisica", ha affermato Gil Ribes.

Oltre al lato della produzione, i ricercatori hanno anche lavorato allo sviluppo di strumenti di degustazione chimica per determinare e identificare i composti chimici responsabili del i sapori dell'olio d'oliva e aromi. Gil Ribes ha descritto le macchine come un "naso e bocca elettronici”.

"Questi strumenti funzionano analizzando campioni di olio di ciascuna categoria e creando profili caratteristici per ciascuna di esse", ha aggiunto Gil Ribes.

Un prototipo lo fa analizzando i composti volatili presenti in un grammo di olio senza reagenti chimici.

"Il campione di olio viene riscaldato delicatamente per favorire la rimozione dei volatili, che vengono separati in un gascromatografo e rilevati in uno spettrometro di mobilità ionica o spettrometro di massa", ha affermato Gil Ribes.

"D'altra parte, il secondo prototipo progettato analizza i composti che l'assaggiatore apprezza in bocca", ha aggiunto. "In questo caso è necessario estrarre i composti polari dall'olio. Vengono analizzati utilizzando la spettrometria di mobilità ionica che può essere opzionalmente accoppiata a uno spettrometro di massa”.

business-europe-produzioni-ricercatori-svelano-le-ultime-tecnologie-per-aiutare-a-raccolta-e-produrre-olio-d-oliva-olio-d-oliva-times

Associazione interprofessionale dell'olio d'oliva spagnolo

I risultati forniti da queste due macchine creano a "impronta spettrale” per l'olio che può essere successivamente utilizzato per identificarlo.

Gil Ribes ha affermato che lo sviluppo di queste macchine ha richiesto almeno 300 campioni di olio d'oliva ottenuto da diverse varietà, aree geografiche e stagioni di raccolta. Quindi, i risultati di ciascuna prova sono stati confrontati con i risultati ottenuti da due panel di assaggio.

"Una volta che gli strumenti sono stati calibrati con questo numero di campioni, potrebbero funzionare automaticamente per anni assegnando il categoria di un olio campione con un alto grado di affidabilità, a un costo per campione molto basso”, ha affermato.

Mentre gli argomenti trattati dai ricercatori negli ultimi quattro anni sono stati piuttosto eclettici, Gil Ribes ha affermato che l'obiettivo per tutti loro è lo stesso: rendere spagnolo olive oil proriduttori più competitivi sul mercato globale.

"Se riusciremo a portare alcuni o molti dei prototipi nella fase commerciale (ci sono già tre linee che hanno raggiunto il mercato), renderà l'oliveto spagnolo più competitivo e faciliterà la sua espansione internazionale ", ha affermato.

"Il miglioramento della sua meccanizzazione, il controllo dell'erosione, il miglioramento dei molini, l'assaggio chimico, la lotta biologica contro parassiti e malattie, le nuove varietà per siepi di cui in pratica solo due sono disponibili, e la tracciabilità dal campo al il consumatore sono tutti aspetti chiave in questo senso”, ha concluso Gil Ribes.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti