La raccolta record in Erzegovina annuncia l'espansione dell'olivicoltura nei Balcani occidentali

L'Erzegovina ha prodotto 280,000 litri di olio d'oliva. I funzionari prevedono di triplicare la quantità di terra dedicata all'olivicoltura nei prossimi anni.
Dragan Mikulic
di Nedjeljko Jusup
9 novembre 2022 16:39 UTC

L'olivicoltura in Bosnia ed Erzegovina ha un grande potenziale, soprattutto in Erzegovina, la più meridionale e più piccola delle due regioni, dove la raccolta delle olive di quest'anno sta finendo.

"Il raccolto è migliore rispetto allo scorso anno. I frutti sono sani”, Mirko Škegro, an premiato olive oil produce e vignaiolo, raccontato Olive Oil Times.

I suoi boschetti comprendono 600 ulivi, di cui da 50 a 60 già fruttificano. Da questi alberi ha ricevuto 250 litri di olio extravergine d'oliva.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2022

"Ho raccolto le olive quando un terzo dei frutti sugli alberi era verde, il secondo terzo era screziato e il terzo era nero ", ha detto Škegro.

I suoi vini Žilavka e Blatina vincono regolarmente medaglie al Decanter di Londra. Inoltre, il suo olio extravergine di oliva Krš, prodotto da Oblica e altre varietà autoctone, ha vinto consecutivamente premi al NYIOOC World Olive Oil Competition.

"Vado alle competizioni più riconosciute", ha detto Škegro. "A New York i miei oli sono stati premiati cinque volte di seguito e spero anche in un sesto”.

L'azienda agricola della famiglia Škegro si trova sulle colline dell'Erzegovina occidentale nel comune di Radišići, tra i 132 ei 312 metri sul livello del mare ea meno di 30 miglia dal mare Adriatico.

L'area è un punto caldo locale per la biodiversità endemica, in parte dovuta alla combinazione del clima mediterraneo e continentale, che si traduce in giornate calde e notti fredde adatte sia alla vite che all'olivo.

Le olive vengono subito lavorate nel moderno frantoio della Kiwi Oil Company, di proprietà di Dragan Mikulić, che possiede il più grande oliveto dell'Erzegovina con 7,000 alberi, composto per lo più da Oblica, insieme a Istarska Bjelica, Buža, Leccino e Pendolino a 220 metri sopra il livello del mare.

Mikulić, come la maggior parte degli altri olivicoltori dell'Erzegovina, è più che soddisfatto del raccolto di quest'anno. "Abbiamo appena finito di raccogliere", ha detto.

europa-produzione-record-commerciale-raccolto-in-erzegovina-preannuncia-l-espansione-dell-olivicoltura-nei-balcani-occidentali-l-epoca-dell-olio-d-oliva

Dragan Mikulic

Mikulić ha detto che questo raccolto è stato "pazzo” e ha richiesto a 100 persone di raccogliere più di 200 tonnellate di frutta per tre settimane consecutive. I coltivatori hanno prodotto circa 25 tonnellate di olio extra vergine di oliva da questi frutti.

Con la generosa raccolta di quest'anno come prova, Mikulić ha affermato che l'Erzegovina è l'ideale per l'olivicoltura. "Abbiamo acqua, molto sole e venti a beneficio degli ulivi ", ha detto.

Nonostante la siccità, il raccolto è stato eccezionale. Le olive erano sane. Non c'erano falene o mosche della frutta dell'olivo, e il raccolto è stato fino a tre volte superiore a quello dell'anno scorso, soprattutto negli oliveti irrigui.

"Quando è un anno secco, l'uva e l'olio d'oliva sono sempre di qualità migliore ", ha affermato Mikulić.

europa-produzione-record-commerciale-raccolto-in-erzegovina-preannuncia-l-espansione-dell-olivicoltura-nei-balcani-occidentali-l-epoca-dell-olio-d-oliva

Il boschetto di Mikulic

Ha due pozzi profondi 300 metri nel suo uliveto, dai quali attinge acqua nelle piscine e irriga tutti i suoi alberi con un sistema a goccia. "Senza acqua, non c'è olivicoltura ", ha detto Mikulić.

Il produttore prevede anche che la qualità degli oli di quest'anno sarà eccellente. Tuttavia, ha aggiunto che i prezzi sarebbero aumentati nonostante il raccolto record.

pubblicità

L'olio extravergine di oliva di marca verrà venduto a 40 marchi convertibili (€ 20.45), la valuta locale, al litro.
Gli aumenti di prezzo provengono da notevoli incrementi dei costi di produzione. Come altrove, questi aumenti dei costi sono guidati dall'inflazione e dall'aumento dei prezzi dell'energia.

Di conseguenza, i costi di manodopera, attrezzature, fresatura, materiale di imballaggio e persino etichettatura sono più che raddoppiati rispetto allo scorso anno.

Vedi anche:L'agricoltore di Herzegovian cerca di mantenere il ritmo dopo la vittoria a New York

Tuttavia, Mikulić crede che venderà tutto l'extravergine olive oil prodotto quest'anno. "Finirà principalmente all'estero attraverso canali privati ​​come una prelibatezza estremamente desiderabile e di alta qualità", ha affermato.

A causa della sua vicinanza al santuario di Medjugorje, una popolare destinazione turistica, Mikulić ha detto che vende molto del suo olio d'oliva ai visitatori.

Alcuni visitano anche il frantoio, l'oliveto e la sala di degustazione di Mikulić. Comprano olio d'oliva che finisce sulle tavole di Germania, Polonia, Repubblica Ceca e altri paesi europei non produttori di olio d'oliva.

Complessivamente, ci sono sette frantoi in Erzegovina: il frantoio di Mikulić, altri due a Ljubuško e Čapljina, tre molto più piccoli e un grande frantoio recentemente aperto a Neum.

"Stiamo facendo grandi passi avanti", ha detto Marko Ivanković, direttore dell'Istituto Federale Agro-Mediterraneo di Mostar, il capoluogo della regione. Olive Oil Times.

europa-produzione-record-commerciale-raccolto-in-erzegovina-preannuncia-l-espansione-dell-olivicoltura-nei-balcani-occidentali-l-epoca-dell-olio-d-oliva

Marko Ivankovic

Nell'ultimo decennio, il numero di ulivi in ​​Erzegovina è aumentato da 6,000 a 115,000, distribuiti su 350 ettari. Solo nel 2022 sono stati piantati ventimila nuovi alberi.

Ivanković ha detto che questo era il incremento più significativo della coltivazione dell'olivo in qualsiasi paese mediterraneo europeo.

Tuttavia, ha aggiunto che c'è ancora spazio per l'espansione, con piani per aumentare la produzione per soddisfare la domanda locale. La Bosnia ed Erzegovina consuma circa 850,087 litri all'anno, 0.24 litri pro capite.

Attualmente, la maggior parte dei 280,000 litri di olive oil proprodotti nel paese vengono esportati. Le esportazioni annuali di olio d'oliva sono valutate a € 20,060, mentre le importazioni costano € 1,996,769.

Ivanković ha affermato che l'obiettivo a medio termine per il settore olivicolo del paese è quello di espandere i boschi dagli attuali 350 a 1,000 ettari.

"Continueremo a promuovere il consumo quotidiano di olio d'oliva come alimento più sano e incoraggeremo il consumo pro capite ", ha affermato.

La ricerca futura presso l'istituto si concentrerà sulla ricerca del ruolo dell'olio d'oliva come alimento funzionale, secondo Regolamento (UE) n. 432/2012 della Commissione, che dice, "olio d'oliva polifenoli contribuiscono alla protezione dei lipidi nel sangue dallo stress ossidativo.

A tal fine, una giuria ufficiale per la valutazione organolettica degli oli vergini di oliva e una nazionale olive oil proè stata autorizzata l'associazione ducer.

"Insieme all'aumento del numero di produttori commerciali di olio d'oliva e all'aumento della capacità di lavorazione (frantoi), c'è uno sforzo per proteggere l'origine geografica dell'olio d'oliva ", ha concluso Ivanković.

È convinto che l'olivicoltura in Bosnia ed Erzegovina continuerà a progredire.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti