La ricerca della qualità dietro i risultati pluripremiati di un produttore israeliano

Sulle rive del fiume Giordano i produttori di KeremZait sperimentano e innovano per produrre oli d'oliva eccezionali.

Può. 16, 2022
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Gli escursionisti che esplorano i sentieri lungo l'acqua della riserva naturale di Nahal Rosh Pina individueranno facilmente i vasti uliveti che si estendono sulle rive del fiume Giordano nella valle meridionale di Hula.

È un ambiente unico ma fragile nella parte più settentrionale della regione della Galilea israeliana, dove le attività agricole umane hanno lottato per generazioni per trovare un equilibrio sostenibile con la natura.

Ora puoi sentire le persone nelle strade parlare della qualità dell'olio d'oliva. Sta diventando un argomento di discussione popolare, proprio come è successo con i vini premium un paio di decenni fa.- Nimrod Azulay, comproprietario di KeremZait

Nella valle che divenne il primo parco naturale d'Israele, zone umide, crochi gialli, ulivi secolari, uccelli migratori, animali palustri e piante acquatiche rare convivono con insediamenti agricoli umani storici e moderni.

Uno dei migliori oli d'oliva del mondo proviene da questo paesaggio diversificato ed eclettico. Situato alla periferia di Mishmar HaYarden, affacciato sul fiume Giordano, Kerem Zait ha vinto due Gold Awards nel 2022 NYIOOC World Olive Oil Competition.

Vedi anche:Profili del produttore

Sebbene l'azienda si concentri sulla combinazione della tecnologia moderna con le migliori pratiche agricole più aggiornate, i suoi proprietari sentono ancora un forte legame con la terra, che è stata la patria di ulivi, pistacchi e querce negli ultimi 15,000 anni.

africa-medio-oriente-profili-produzione-i-migliori-oli-d'oliva-ricerca-di-qualità-dietro-un-produttore-israeliano-risultati-premiati-oil-times

Nahal Rosh Pina

In quel momento le temperature iniziarono a salire e i ghiacciai che un tempo ricoprivano la regione iniziarono a ritirarsi. Nei millenni successivi gli ulivi divennero una costante fonte di carburante e cibo per le popolazioni locali.

"È un grande onore essere nominato uno dei più grandi nomi dell'industria dell'olio d'oliva ", ha detto Nimrod Azulay, co-proprietario di KeremZait responsabile della produzione e della commercializzazione Olive Oil Times.

pubblicità

"È la conferma delle scelte che abbiamo fatto con il nostro processo end-to-end, che va dall'olivicoltura alla spremitura e alla commercializzazione”, ha aggiunto.

La famiglia Azulay coltiva pesche nella zona da molti anni e nel 2010 ha deciso di diversificare e investire nell'olivicoltura. La famiglia ha ampliato i propri frutteti, piantando 3,000 ulivi di nove diverse varietà.

africa-medio-oriente-profili-produzione-i-migliori-oli-d'oliva-ricerca-di-qualità-dietro-un-produttore-israeliano-risultati-premiati-oil-times

Kerem Zait

"Da allora è stato un lavoro a tempo pieno", ha detto Azulay. "Anche se all'inizio era tutto diverso. Abbiamo iniziato con entusiasmo, coltivando olive e producendo il nostro primo olio d'oliva.

Abbiamo pensato che fosse eccellente, come probabilmente accade a tutti i coltivatori quando producono il primo oli extra vergine di oliva", Ha aggiunto. "Ma stavo andando più a fondo nell'olivicoltura. Ho seguito corsi specializzati su come coltivare le olive e come produrre olio extra vergine di oliva di alta qualità. Quindi ho capito che quello che stavamo facendo era semplicemente sbagliato”.

Come risultato delle lezioni, Azulay ha revisionato il suo processo di raccolta e produzione con un romanzo approccio alla potatura, una migliore conoscenza del processo di maturazione, una strategia globale per proteggere gli alberi da parassiti e agenti patogeni e le migliori pratiche per nutrire sia gli alberi che il suolo.

"È così che abbiamo ricominciato da capo, imparando dai nostri errori", ha detto Azulay. "Nel tempo ci siamo resi conto di quanto sia rilevante il ruolo del frantoio, quindi circa cinque anni fa abbiamo investito in un moderno frantoio Pieralisi in grado di gestire fino a mezza tonnellata di olive all'ora. "

Gestire 3,000 alberi e puntare a una produzione di alta qualità ha portato la famiglia di Azulay a fare nuovi investimenti in macchinari per accelerare la raccolta delle olive, un momento cruciale per i produttori.

"Abbiamo capito quanto fosse importante ridurre il più possibile il tempo tra il momento in cui raccogliamo le nostre olive dagli alberi e il momento in cui le elaboriamo ", ha affermato Azulay. "Così abbiamo acquistato una mietitrice e abbiamo riorganizzato il nostro lavoro. Oggi le nostre olive vengono trasformate a meno di due ore dalla raccolta”.

Dopo aver fatto questi investimenti e miglioramenti, la famiglia decise di misurare i propri progressi e partecipò ai propri oli in alcuni concorsi locali.

"Dopo quei buoni risultati, ho deciso di partecipare a una competizione internazionale", ha detto Azulay. "Siamo così contenti del 2022 NYIOOC premi perché mettiamo un tale sforzo nella qualità del nostro olio extra vergine di oliva.

"Non stiamo facendo miscele, ci atteniamo agli oli extra vergine di oliva monovarietali ", ha aggiunto.

Mentre KeremZait ha guadagnato i suoi Gold Awards per il loro Coratina e Moresco monovarietali, loro Picolina campione non ha ricevuto un premio questa volta, ha detto il produttore Olive Oil Times.

"Ho pensato che fosse anche molto buono ma, ovviamente, è un lavoro in corso", ha detto Azulay, indicando che avrebbe utilizzato i risultati per migliorare ulteriormente il processo di produzione.

"Uno dei motivi per lavorare in questa direzione è che il mercato è affollato. C'è molta concorrenza", ha detto. "Il che è una buona cosa, ma vuoi rimanere in prima fila".

L'azienda concentra i suoi sforzi di commercializzazione sul mercato interno israeliano.

"È fortemente caratterizzato dall'olio extra vergine di oliva importato che rappresenta la quota maggiore di olio d'oliva che si può trovare qui ", ha affermato Azulay. "C'è olio d'oliva molto economico sugli scaffali dei negozi, quindi c'è una forte concorrenza. "

africa-medio-oriente-profili-produzione-i-migliori-oli-d'oliva-ricerca-di-qualità-dietro-un-produttore-israeliano-risultati-premiati-oil-times

Kerem Zait

"Per vendere oli extra vergini di oliva di alta qualità, devi insegnare ai clienti cos'è un buon olio d'oliva, dov'è la differenza tra un olio extra vergine di oliva di qualità inferiore e un prodotto di fascia alta ", ha aggiunto.

Cultura dell'olio d'oliva in molti paesi è ancora in ritardo e spesso i clienti non sono consapevoli delle grandi differenze in termini di benefici alla salute e sapori tra i diversi categorie di olio d'oliva.

"Acquistano ciò che credono sia buono", ha detto Azulay. "Tuttavia, la cultura dell'olio d'oliva qui sta crescendo e la consapevolezza sta crescendo tra i clienti. A piccoli passi, sta succedendo”.

"Quello che ho visto accadere molte volte quando i clienti acquistano oli extra vergini di oliva di alta qualità, diranno sempre che non hanno mai assaggiato nulla del genere ", ha aggiunto. "Una volta assaggiati i nostri oli d'oliva, trovano più facile cogliere la differenza di qualità tra il nostro e quello che acquistavano.

Un altro aiuto per i produttori di fascia alta e la cultura dell'olio d'oliva, ha osservato Azulay, deriva dal fatto che "la maggior parte dei clienti, una volta assaggiato l'olio extra vergine di oliva di alta qualità, non vuole tornare alla qualità precedente a cui era abituata.

"È molto raro che qualcuno si adatti a quel cambiamento dopo aver assaggiato prodotti di tale qualità", ha aggiunto.

Azulay ha anche osservato come un numero crescente di persone stia cercando produttori su piccola scala per acquistare i loro oli extra vergini di oliva, poiché la loro consapevolezza sta crescendo.

"Ora puoi sentire le persone che parlano per le strade qualità dell'olio d'oliva. Sta diventando un argomento di discussione popolare, proprio come è successo con i vini premium un paio di decenni fa”, ha concluso.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti