I produttori in Israele raccolgono i benefici di un raccolto record

Nonostante l'aumento dei costi di produzione e le persistenti sfide derivanti dalle importazioni, i produttori israeliani di olio d'oliva prevedono un raccolto eccezionale e un miglioramento della quota di mercato.

Lahav nell'uliveto biologico del commercio equo e solidale a Deir Hana
Di Paolo DeAndreis
12 dicembre 2022 14:29 UTC
735
Lahav nell'uliveto biologico del commercio equo e solidale a Deir Hana

Gli olivicoltori israeliani stanno celebrando una raccolta di olive gratificante, con frutti abbondanti sugli alberi e livelli soddisfacenti di accumulo di olio.

"La stagione dell'olio d'oliva in Israele è ora al suo apice ”, Ehud Soriano, relatore e consulente internazionale per l'olio d'oliva Sindyanna di Galilea, Ha detto Olive Oil Times.

Ci aspettiamo un anno record sia per le olive che per l'olio d'oliva… Finora (il raccolto) è andato oltre le nostre aspettative sia per quantità che per qualità.- Ehud Soriano, consulente per l'olio d'oliva

"La resa è elevata e prevediamo un anno record sia per le olive che per l'olio d'oliva ", ha aggiunto. "Dopo due anni di bassi rendimenti, ci aspettavamo che questa stagione sarebbe stata decisamente migliore. Finora, è oltre le nostre aspettative sia per quantità che per qualità".

Molti coltivatori locali hanno fatto ricorso a una raccolta tardiva per attendere la maturazione dei frutti, avvenuta più tardi rispetto all'anno precedente.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2022

"La scorsa stagione, abbiamo avuto una produzione alternata fuori stagione, il che significa che non avevamo molti frutti sui rami", Nimrod Azulay, comproprietario responsabile della produzione e delle vendite presso Kerem Zait, Ha detto Olive Oil Times.

"E poi abbiamo avuto un inverno piuttosto freddo, che ha dato agli alberi la quantità di freddo di cui avevano bisogno, in più abbiamo avuto una stagione di crescita piuttosto umida", il produttore pluripremiato aggiunto.

"Le persone hanno raccolto più tardi del normale programma", ha continuato. "Quest'anno è una lunga stagione di raccolta e tutti gli olivicoltori che conosco e con cui ho parlato sono abbastanza soddisfatti dei risultati ".

"Abbiamo optato per un raccolto tardivo", ha detto Azulay. "Iniziamo la raccolta a metà ottobre e di solito la concludiamo e moliamo le olive entro la fine del mese. Tuttavia, la stagione è tornata indietro di tre settimane quest'anno, per non dire altro.

Mentre Israele è tra i paesi dell'estremità orientale del bacino del Mediterraneo che festeggiano un fruttuoso raccolto nel 2022, permangono sfide importanti per i produttori.

"La vita in Medio Oriente è sempre impegnativa ", ha detto Hadas Lahav, co-fondatore e amministratore delegato di Sindyanna of Galilee Olive Oil Times.

"La comunità olivicola locale in Israele deve affrontare due sfide urgenti ", ha aggiunto. "Il primo è come convertire i loro boschi in un'agricoltura sostenibile. Il secondo è come superare l'acquisizione dell'industria e costruire sulle loro terre agricole in diminuzione.

Ha sottolineato l'importanza dell'installazione di sistemi di irrigazione avanzati e dell'utilizzo di moderne pratiche agronomiche per promuovere la sostenibilità tra i coltivatori locali.

"D'altra parte, il settore dell'olio d'oliva è il luogo in cui l'economia e le culture si integrano con maggior successo ", ha affermato. "Arabi, ebrei, israeliani e palestinesi tutti vengono insieme con la gioia e la stanchezza dei giorni del raccolto”.

Lahav ha aggiunto che l'ambiente multiculturale del raccolto rende Sindyanna unica. "Sindyanna usa il raccolto per riunire le persone", ha detto.

Tra le sue attività, Sindyanna aiuta gli agricoltori arabi a certificare le loro olive come biologiche e del commercio equo e solidale. L'azienda li aiuta anche a vendere il loro olio d'oliva nei mercati locali e internazionali.

"Sindyanna acquista anche olio d'oliva biologico da agricoltori palestinesi in Cisgiordania ", ha affermato Lahav. "Siamo orgogliosi del nostro modesto contributo al rafforzamento dell'economia palestinese e alla creazione della speranza di una vita normale e della cooperazione tra palestinesi e israeliani".

pubblicità
pubblicità

Tuttavia, i produttori di olio d'oliva in Israele hanno dovuto far fronte all'aumento dei costi energetici e ad una maggiore necessità di irrigazione, che si traduce anche in costi più elevati.

"Abbiamo riflettuto molto sull'espansione della nostra area di produzione, ma non è un compito facile", ha affermato Azulay. "È molto costoso coltivare alberi e l'acqua per l'agricoltura è costosa in quanto manodopera e fertilizzante. Queste condizioni rendono difficile essere redditizi”.

A causa della scarsità di acqua in Israele, che il World Resource Institute elenca come il secondo paese più a corto di risorse idriche sulla Terra, l'irrigazione sta diventando sempre più necessaria per gli olivicoltori,

"Con cambiamento climatico, compreso il lungo ha sofferto la siccità dell'Europa meridionale la scorsa estate non ci sono più dubbi sul valore dell'implementazione e dell'utilizzo di sistemi di irrigazione negli oliveti ", ha affermato Soriano.

A tal fine, Sindyanna aderisce ad Artolio, un progetto internazionale di assistenza agli olivicoltori delle aree rurali del bacino del Mediterraneo.

"Il fondamentale passo in avanti degli agricoltori che partecipano ad Artolio è quello di implementare l'irrigazione”, ha detto Soriano. "Senza di esso, il settore dell'olio d'oliva nella nostra regione, così come in altre aree del Mar Mediterraneo, non ha un futuro brillante ".

A causa dell'aumento dei costi per tutto, dall'irrigazione al carburante, prezzi dell'olio d'oliva in Israele stanno aumentando in modo simile ad altre parti del mondo.

attività-di-produzione-africa-medio-oriente-produttori-in-israele-raccolgono-benefici-di-raccolti-record-di-olio-d'oliva-tempi

Uliveti a KeremZait.

"Abbiamo dovuto aumentare i prezzi del 23%", ha affermato Azulay. "È inevitabile con l'aumento dei costi di produzione, ma è anche una scelta difficile, perché il tuo prodotto non arriverà a tutti".

Ha aggiunto che l'aumento dei prezzi danneggia anche la competitività dell'olio d'oliva israeliano sul mercato interno poiché gli oli d'oliva importati sono spesso molto più economici. "I consumatori si abituano a prezzi bassi", ha affermato Azulay.

Di recente, uno dei maggiori rivenditori di generi alimentari del paese ha affermato che le bottiglie di olio d'oliva vendute per un breve periodo a soli 11.50 shekel (€ 3.50) hanno rapidamente raggiunto l'81% della quota di mercato locale.

Nel frattempo, i marchi israeliani di olio d'oliva vengono spesso venduti per due o tre volte di più, con alcuni produttori che calcolano attentamente la loro capacità di ridurre i margini di profitto per competere.

Anche educare i consumatori sulla qualità dell'olio d'oliva rimane una sfida in Israele. Come ovunque, i supermercati vendono olio d'oliva non vergine a prezzi molto più bassi Olio extra vergine di oliva israeliano i produttori possono vendere i loro prodotti.

Tuttavia, le cose stanno cambiando. "Negli ultimi anni c'è stato un grande balzo in avanti per quanto riguarda le pratiche agronomiche e una migliore consapevolezza della qualità dell'olio d'oliva ", ha affermato Soriano.

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, consumo di olio d'oliva in Israele è aumentato costantemente nell'ultimo decennio.

"La buona notizia in questo contesto è che il consumo di olio d'oliva in Israele sta crescendo e in un certo modo aumenta le domande e la consapevolezza della qualità dell'olio d'oliva ", ha concluso Azulay. "Ecco perché le prospettive rimangono buone per olio extravergine d'oliva produttori”.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati