I produttori prevedono un altro raccolto eccezionale in Uruguay

Il clima eccellente e il diffuso adattamento delle migliori pratiche agricole fanno sì che i produttori uruguaiani si aspettino ancora una volta un raccolto abbondante.
Foto: Sergio Gomez
Può. 18, 2022
Daniel Dawson

Notizie recenti

Dopo un vendemmia eccezionale nel 2021 in cui l'Uruguay ha prodotto 1,900 tonnellate di olio d'oliva, i produttori si aspettano ancora una volta un altro raccolto eccezionale.

"Penso che finiremo con un raccolto ragionevolmente buono ", ha detto Martin Robaina, presidente dell'Associazione olivicola uruguaiana (Asolur) e produttore di Lote8 Olive Oil Times.

Stimo che avremo circa 15,000 tonnellate di frutta a livello nazionale. La qualità sarà buona come l'anno precedente. Abbiamo un clima secco questo autunno con poca pioggia, il che rende l'olio più aromatico.- Sergio Gómez, regista uruguaiano, Onoser

La maggior parte dei produttori nel piccolo paese sudamericano ha iniziato a raccogliere le olive a metà marzo e dovrebbe finire nella prima metà di giugno.

Sulla base dei rapporti iniziali, Robaina ha affermato che i produttori uruguaiani avrebbero dovuto raccogliere il 40 percento in meno di olive, ma quelle che stavano raccogliendo avevano un contenuto di olio superiore alla media nelle drupe.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2022

"In termini di quantità di frutta, è leggermente inferiore rispetto all'anno scorso", ha affermato. "Ma questo è ampiamente compensato a causa dei rendimenti. I contenuti di grasso sono stati più alti, quindi una cosa compensa l'altra. "

Sergio Gómez, il direttore uruguaiano di Onoser che consiglia molti dei produttori del paese durante la vendemmia, ha convenuto che il 2022 vedrà una resa simile al 2021, aggiungendo che le condizioni climatiche significano che la qualità sarà più alta che mai.

"Stimo che avremo circa 15,000 tonnellate di frutta a livello nazionale”, ha detto Olive Oil Times. "La qualità sarà buona come l'anno precedente. Abbiamo un clima secco questo autunno con poca pioggia, il che rende l'olio più aromatico. Il nostro rendimento medio sarà di circa il 15 percento [contenuto di petrolio]".

business-production-sudamerica-produttori-anticipano-un-altro-raccolto-paraurti-in-uruguay-olive-times

Foto: Asolur

Gonzalo Aguirre, co-proprietario di Olivares de Santa Laura, che si trova nella provincia nord-orientale di Cerro Largo, è tra i produttori che hanno approfittato del clima favorevole e hanno raccolto le sue olive all'inizio di quest'anno.

"Abbiamo finito a fine aprile. Puntiamo a una percentuale più alta di olio raccolto precocemente", ha detto Olive Oil Times. "Era un'estate più secca e abbiamo ottenuto rese di petrolio più elevate. Noi, in particolare, abbiamo avuto meno quantità ma più qualità”.

"L'anno scorso abbiamo avuto un raccolto eccellente in termini di quantità e il naturale [ciclo di portamento alternativo] dell'olivo ci ha influenzato ", ha aggiunto. "Abbiamo la sfida di controllare maggiormente le variazioni in modo che non ci sia così tanta differenza tra un anno e l'altro".

Tuttavia, Robaina ha affermato che il 2022 ha segnato una pietra miliare significativa per la nascente industria delle olive commerciali, che celebra i suoi 20th anniversario quest'anno.

È stata la prima volta che molti altri produttori sono riusciti a ottimizzare la raccolta per mitigare gli impatti del ciclo naturale di fruttificazione alternata dell'olivo.

"Siamo ansiosi... di poter mantenere questo livello di produzione perché è il modo in cui i produttori possono essere fattibili", ha affermato Robaina.

Mentre l'adozione delle migliori pratiche agricole e di raccolta combinate con un clima favorevole per l'olivicoltura ha portato a un altro raccolto abbondante, i produttori hanno ammesso che un mercato del lavoro agricolo ristretto e problemi di filiera avevano creato diverse sfide.

"Il problema che stiamo riscontrando principalmente è con la forza lavoro disponibile durante la raccolta", ha affermato Robaina. "Penso che ci muoveremo verso una raccolta più meccanizzata perché le risorse umane sono scarse. È un'attività stagionale, il che la rende complicata".

Ha aggiunto che i produttori stavano già iniziando a lavorare con Asolur sulla meccanizzazione. Molti degli ulivi dell'Uruguay si trovano su pianure o dolci pendii, entrambi favorevoli alla meccanizzazione.

Gómez ha convenuto: "Con il passare degli anni, i campi si riempiono di sempre più frutti. La sfida di ogni produttore è meccanizzare la raccolta per raccogliere i frutti in tempo, senza perdere qualità e quantità”.

Lontano dagli uliveti, hanno raccontato altri produttori Olive Oil Times che avevano problemi ad acquistare bottiglie di vetro per i loro oli.

"Quest'anno la sfida che affrontiamo è la grande difficoltà nel consegnare le bottiglie. L'Uruguay non produce vetro", ha detto Natalia Welker, proprietaria di Bodega Oceánica, un produttore con sede nella provincia sud-orientale di Maldonado Olive Oil Times.

"Le nostre bottiglie sono tutte di vetro", ha aggiunto. "Le vendite sono migliorate con oleotourism, che è aumentato con l'apertura dei confini dell'Uruguay".

Robaina ha confermato che i produttori potrebbero aver avuto problemi ad acquistare le bottiglie necessarie a causa della carenza generale di bottiglie di vetro in un paese. Tuttavia, ha aggiunto che questi problemi stavano iniziando a placarsi.

business-production-sudamerica-produttori-anticipano-un-altro-raccolto-paraurti-in-uruguay-olive-times

La visita tecnica del CIO in Uruguay. Foto: Asolur

Uno dei motivi della carenza potrebbe essere stato un leggero aumento della domanda di olio d'oliva durante il Pandemia di covid-19. Come molti altri paesi, la pandemia ha portato più consumatori a cucinare a casa, il che ha portato a un leggero aumento consumo di olio d'oliva.

La vendemmia di quest'anno è avvenuta anche sullo sfondo di una visita formale del Consiglio oleicolo internazionale, che ha dedicato il 128th edizione della sua rivista Olivae al settore olivicolo uruguaiano.

Funzionari agricoli in Uruguay hanno accolto la visita come un modo per promuovere il settore e, potenzialmente, dare il via alle esportazioni di olio d'oliva uruguaiano.

"Questa rivista offre una grande opportunità per mostrare l'olivicoltura uruguaiana al mondo e illustrare la qualità del oli extra vergine di oliva che vengono prodotti nel nostro paese”, ha affermato Juan Ignacio Buffa, viceministro per l'allevamento, l'agricoltura e la pesca.

"L'Uruguay è un paese agro-esportatore che offre prodotti premiati che sono rispettosi dell'ambiente", ha aggiunto. "In tal senso, l'olivicoltura uruguaiana interagisce in perfetta armonia con le altre filiere produttive del Paese, come l'allevamento del bestiame, la silvicoltura e il turismo. Di conseguenza, questi prodotti olivicoli forniscono diversificazione per l'Uruguay".

Aguirre è tra i produttori che cercano di esportare i suoi oli nel redditizio mercato brasiliano, ma ha ammesso di avere qualche difficoltà a prendere piede.

"Stiamo avendo una maggiore penetrazione nel mercato interno, il consumatore apprezza sempre di più la qualità dell'olio extra vergine di oliva locale”, ha concluso. "La nostra sfida è vendere di più in Brasile”.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti