Come uno scherzo pratico ha portato all'olio d'oliva pluripremiato

Per capriccio, due cugini di Zagabria hanno iniziato a coltivare olive 15 anni fa. Ora stanno entrando nel NYIOOC ancora una volta e sperando in Gold.
Marzo 16, 2022
Nedjeljko Jusup

Notizie recenti

Una coppia di improbabili olivicoltori hanno fatto ancora una volta il viaggio di 300 chilometri dalle loro case nella capitale croata ai loro boschetti nel nord Dalmazia.

Mladen Koša, 53 anni, e Mirko Mišura, 51, sono cugini che hanno trascorso la maggior parte della loro vita a Zagabria prima che uno scherzo pratico del padre di Mišura guidasse la coppia lungo la strada per diventare premiati olive oil proriduttori.

Vincere un premio in un concorso mondiale così prestigioso (come il NYIOOC) è il sogno di ogni olivicoltore.- Mladen Koša e Mirko Mišura, comproprietari, Explanta Ko-Milfa

"Non vedo l'ora di arrivarci. Prima all'oliveto e poi al cottage ", ha affermato Mladen Koša, cresciuta a Zagabria e lavora alla Fiera di Zagabria, la sede principale del paese per fiere e mostre.

"Tutto è iniziato come uno scherzo ", ha detto Koša, spiegando come lui e Mišura, che vive e lavora anche lui a Zagabria, sono diventati olivicoltori nel cuore di Ravni Kotari, una grande pianura nella Croazia centrale a circa 60 chilometri a nord di Zara.

Vedi anche:Profili del produttore

"Una sera, 15 anni fa, mio ​​zio e il padre di Mirko, Milivoj Mišura, ci dissero per scherzo: 'Ragazzi, ho 8,000 metri quadrati di terreno a Perušić. Eccoti lì e fai quello che vuoi. Pianta le olive'", ha aggiunto.

Koša ha detto che non ha aspettato molto per rispondere. Lui e suo cugino si misero subito al lavoro e piantarono 150 della varietà autoctona Oblica, 43 alberi di Krvavica e sette alberi di Leccino, che si dimostrarono un buon impollinatore.

pubblicità

Quindi il Explanta Ko-Milfa nasce l'azienda agricola di famiglia. Poco dopo i cugini acquistarono altri 1,500 mq di terreno, piantando fichi, mandorli e altri 50 ulivi.

Attualmente stanno provvedendo all'acquisto di ulteriori 5,000 mq di terreno attiguo all'oliveto esistente.

"Compreremmo di più, vogliamo ampliare la proprietà, ma nessuno venderà, anche se il terreno vicino al nostro uliveto è incolto”, ha detto Mišura.

Nel terreno appena arato e spianato, i cugini pianteranno un uliveto ad alta densità con varietà Oliana, Arbequina, Lecciana (incrocio tra Leccino e Arbequina), Coratina, Kvavica e Pendolino, che tollerano meglio le mutevoli condizioni climatiche della regione .

profili-produzione-come-uno-scherzo-pratico-ha-portato-a-premiato-olio-d-oliva-olio-d-oliva-tempi

"Vogliamo avere abbastanza olio ogni anno. Se gli alberi falliscono, le varietà domestiche non verranno introdotte", hanno detto i cugini mentre iniziavano a potare i loro alberi.

"Non abbiamo fretta di iniziare la potatura. A febbraio inizia il germogliamento. A marzo puoi vedere esattamente quali sono nativi", hanno aggiunto.

I cugini vengono aiutati nel processo di potatura da amici di Zagabria, trasformando questo periodo dell'anno in un periodo festivo nei loro uliveti.

"Non c'è niente di meglio che socializzare. Perché abbiamo imparato l'uno dall'altro per molto tempo", ha detto Zoran Crnomarkovic, uno degli amici che aiuta nei boschi.

Altri, tra cui Renato Kovačić, Almir Halilagić, Tihomir Perkovic e Marin Mišura, la pensano allo stesso modo.

Durante una breve pausa dalla potatura, gli amici si sono riuniti a un tavolo accanto a due case in pietra per gustare le prelibatezze locali, tra cui maialino da latte, fagioli, vino, birra, dolci vari.

Oltre ad ampliare i loro boschi, i cugini stanno ristrutturando le case in pietra della proprietà e intendono decorarle nel tradizionale stile dalmata.

Prevedono inoltre di ricevere 165,000 euro di fondi europei per lo sviluppo rurale, parte dei quali sarà dedicata alla ristrutturazione delle vecchie case in pietra e al ripristino del patrimonio architettonico della regione.

"Dopo aver rinnovato le case, trascorreremo ancora più tempo nella proprietà", ha detto Koša. "Gli ospiti verranno anche ad assaggiare il nostro olio. Abbiamo intenzione di unire olivicoltura e turismo. "

Koša sarà raggiunto nell'oliveto quest'estate dai suoi genitori, moglie e figlia. La famiglia lavorerà nell'oliveto al mattino o alla sera. Il resto della giornata sarà trascorso in riva al mare a Pirovac, dove hanno un cottage.

"Da Perušić a Pirovac sono 24 chilometri. Lo stesso che accade tra i due quartieri (da Dubrava a Sesvete) a Zagabria”, ha detto Koša.

Mišura sarà raggiunto anche dalla sua famiglia, che ha anche un cottage nelle vicinanze, e si unirà a loro sia nel lavoro che nel tempo libero.

Sebbene i cugini abbiano goduto in abbondanza dei frutti dell'olivicoltura, questo non è stato privo di sfide, in particolare la siccità in corso nella regione e le estati sempre più calde.

profili-produzione-come-uno-scherzo-pratico-ha-portato-a-premiato-olio-d-oliva-olio-d-oliva-tempi

Di conseguenza, quest'estate hanno sviluppato nuovi sistemi di irrigazione. L'acqua della vicina Lišani Ostrovicki viene pompata in un sistema di cisterne da 15,000 litri.

Il primo arriva in un serbatoio di gomma da 5,500 litri, situato in una casa di pietra, così il caldo intenso non lo deforma. Ci sono altri tre serbatoi di accumulo esterni, ciascuno con 3,500 litri di acqua.

Le vasche sono collegate con un tubo di scarico attraverso il quale l'acqua defluisce fino alle gocciolature disposte attorno ad ogni ulivo.

"Abbiamo una pendenza naturale di circa cinque metri e il terreno con sette filari di ulivi è lungo 230 metri, quindi non ci sono problemi con il flusso d'acqua ", ha affermato Koša. "Intorno a ogni albero ci sono tre gocciolatori di quattro litri d'acqua all'ora, quindi insieme danno a ciascun olivo 12 litri d'acqua.

"È meglio annaffiare intensamente una volta piuttosto che diverse volte di meno, il che è di scarsa utilità perché è troppo secca, quindi l'acqua non raggiunge le radici", ha aggiunto.

Tuttavia, gli uliveti dei cugini sono protetti dal vento. Gli alberi si estendono lungo un pendio meridionale, al riparo dai forti venti del nord ma esposti a un flusso d'aria costante. Questo riduce drasticamente le possibilità di attacchi di malattie e parassiti. Di conseguenza, i cugini spruzzano raramente le olive, usando pesticidi organici quando lo fanno.

profili-produzione-come-uno-scherzo-pratico-ha-portato-a-premiato-olio-d-oliva-olio-d-oliva-tempi

"I frutti delle nostre olive sono sani, quindi l'olio è di buona qualità ", hanno detto i cugini. I due hanno vinto vari premi locali per il loro oli extra vergine di oliva e ha vinto un Silver Award per il loro monovarietale Oblica al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.

"Vincere un premio in una competizione mondiale così prestigiosa è il sogno di ogni olivicoltore ", hanno affermato i cugini.

Quest'anno, i cugini hanno in programma di inserire un olio extra vergine d'oliva miscelato, composto da Oblica (60%), Krvavica (30%) e Leccino (10%). Il petrolio è già in viaggio verso New York ei cugini sperano nell'oro.

"La speranza non è proibita", ha detto Koša con un caratteristico sorriso. Insieme ad altri produttori, spera di ripetere il risultato dell'anno scorso quando i croati hanno guadagnato 67 premi d'oro e 20 d'argento al NYIOOC.

Nel frattempo, Koša e Mišura continueranno a coltivare le loro olive, ristrutturare le case in pietra e i muri a secco e raccogliere parenti e amici nell'oliveto.

"Uniamo il piacevole con l'utile”, ha concluso Mišura.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti