La transizione del Portogallo all'agricoltura moderna produce un altro raccolto record

Il Portogallo produrrà 150,000 tonnellate di olio d'oliva nell'anno agricolo 2021-22. Il clima favorevole e la continua modernizzazione del settore sono stati attribuiti al raccolto eccezionale.

Alentejo, Portogallo
Novembre 3, 2021
di Ephantus Mukundi
Alentejo, Portogallo

Notizie recenti

Olive oil proi produttori in Portogallo si aspettano "produzione da record", con stime iniziali che prevedono una resa di 150,000 tonnellate nell'anno agricolo 2021/22.

La produzione prevista è il risultato di molti oliveti che entrano in un anno nel ciclo naturale alternato dell'olivo e "una combinazione della crescita del settore, dell'applicazione della tecnologia di precisione e delle buone condizioni pedoclimatiche di quest'anno", ha affermato Gonçalo Almeida Simões, il direttore esecutivo dell'Associazione dell'olio d'oliva dell'Alentejo (Olivum).

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2021

Secondo Simões, il settore olivicolo del Portogallo è in cima alla classifica in termini di sostenibilità ambientale, derivante dalla ridotta applicazione di fitofarmaci, dal ridotto uso di acqua e da un'adeguata cattura del carbonio.

Inoltre, il paese è orgoglioso della sua capacità di produrre olio d'oliva di alta qualità, con il 95 percento della resa di quest'anno che soddisfa i requisiti dell'olio d'oliva vergine ed extra vergine, che secondo Simões è superiore a qualsiasi altra grande nazione produttrice di olio d'oliva.

Ha attribuito le rese di olio d'oliva costantemente di alta qualità e in costante aumento del Portogallo alla rapida modernizzazione del settore. Oliveti ad altissima densità cambiano ciclicamente "responsabile per l'80 per cento della nazionale olive oil produzione", Ha aggiunto.

pubblicità

L'anno agricolo 2021/22 segna il settimo anno consecutivo (risalente all'anno agricolo 2009/10) in cui la produzione portoghese ha battuto i record.

Al centro di questa spinta alla modernizzazione c'è Alentejo. La regione meridionale del Portogallo rappresenta un quarto della massa continentale del Portogallo ed è stata responsabile dell'85 percento del raccolto di quest'anno.

Vedi anche:I produttori portoghesi continuano a dimostrare qualità alla competizione mondiale

Uno studio del 2020 condotto da Consulai e Juan Vilar Strategic Consultants ha mostrato che il Portogallo potrebbe essere il terzo produttore di olio d'oliva nel mondo entro il 2030. A partire dall'anno agricolo 2020/21, il Portogallo è l'ottavo più grande.

Secondo lo studio, la capacità del Portogallo di aumentare la propria olive oil produzione è guidata dagli investimenti del paese nella tecnologia e negli oliveti ad alta densità, dove gli olivicoltori sono passati dalle varietà tradizionali a cultivar più efficienti.

Mentre oliveti tradizionali normalmente hanno circa 250 alberi per ettaro, i boschetti ad alta densità possono ospitare fino a 1,000 alberi. In media, il boschetto tradizionale dell'Alentejo produce 7.5 tonnellate; tuttavia, i boschetti ad altissima densità producono da 20 a 29 tonnellate per ettaro.

Secondo le previsioni, mentre sempre più agricoltori si convertono dalla coltivazione tradizionale a quella intensiva, il Portogallo olive oil proproduzione continuerà a crescere.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti