Le crisi politiche ed economiche complicano il raccolto in Libano

L'aumento dei costi di produzione e una valuta locale debole hanno ostacolato la raccolta degli olivicoltori.

Valle di Kadisha, Libano
Dicembre 16, 2021
di Ephantus Mukundi
Valle di Kadisha, Libano

Notizie recenti

La raccolta delle olive libanese sta volgendo al termine con risultati alterni nel piccolo Paese mediorientale.

Secondo le stime preliminari del Consiglio oleicolo internazionale, il Libano dovrebbe produrre 21,500 tonnellate di olio d'oliva nell'anno agricolo 2021/22, una leggera diminuzione rispetto allo scorso anno, ma l'otto percento al di sopra della media mobile quinquennale.

L'agricoltore soffre perché lui e il suo gruppo familiare sono costretti a fare questo raccolto da soli poiché i salari degli operai sono molto alti.- Ahmed Ibrahim, olivicoltore

Anche il CIO stima che oliva da tavola anche la produzione scenderà leggermente, scendendo a 18,000 tonnellate, leggermente al di sotto della media mobile quinquennale.

Vedi anche:2021 Olive Harvest

La stagione della raccolta delle olive di quest'anno è iniziata a ottobre e dovrebbe durare fino a dicembre, a seconda della regione e della fase in cui vengono raccolte le olive.

Storicamente, la stagione della raccolta delle olive è un momento emozionante per le famiglie libanesi che si riuniscono con i parenti prima di dirigersi verso i boschetti per raccogliere un raccolto che è stato parte della loro cultura per millenni.

pubblicità

Tuttavia, l'atmosfera celebrativa associata alla stagione è smorzata quest'anno dalla bassa produzione e dalle molteplici crisi, inclusa quella che la Banca Mondiale chiama un "depressione economica grave e prolungata”.

Il Libano vanta 14 milioni di ulivi che coprono oltre 57,000 ettari, rendendo il paese un produttore significativo di olive da tavola e olio d'oliva per le sue dimensioni.

Il Libano ospita anche alcuni dei più antichi uliveti del mondo, tra cui il rinomato Sorelle di Noè, che si dice abbia 6,000 anni. In media, gli ulivi libanesi hanno 150 anni.

Circa il 9.5% delle donne e il 12% degli uomini in Libano sono impiegati nel settore agricolo, secondo i dati della Banca Mondiale. Tuttavia, il deprezzamento della sterlina libanese rispetto al dollaro degli Stati Uniti a causa della crisi economica e politica del paese ha avuto un profondo impatto sul settore.

"L'agricoltore sta soffrendo perché lui e il suo gruppo familiare sono costretti a fare questo raccolto da soli poiché i salari per i lavoratori sono molto alti ", ha affermato Ahmed Ibrahim, un olivicoltore. "Per questo si raccolgono nella stessa casa per la mietitura e non rispondono agli operai che lavorano con loro o usano le macchine automatiche che usavamo prima”.

Maroun Salameh, proprietario di un frantoio, ha affermato che alcuni costi di produzione, incluso il diesel, sono raddoppiati. Anche i fornitori non vogliono essere pagati nell'instabile valuta libanese, preferendo il pagamento in dollari.

"La gente capisce l'atmosfera", ha detto. "È chiaro che non ci sono segreti. Abbiamo sofferto a lungo, e ora i costi sono aumentati negli ultimi due mesi. Le persone capiscono e non sono sorprese".



Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti