I parassiti pestano le olive selvatiche sull'isola croata mentre i produttori rimangono fermi

Il piralide, la mosca e la falena hanno danneggiato gli ulivi sull'isola di Pag. I produttori insistono sul fatto che riusciranno comunque a produrre oli pluripremiati.
Pag, Croazia
Gennaio 10, 2022
Nedjeljko Jusup

Notizie recenti

L'olio della raccolta di quest'anno olive selvatiche sulla penisola croata di Lun non sarà clamoroso.

"Non c'è stato affatto un vero raccolto e il piccolo frutto che è stato raccolto non è della massima qualità ", ha affermato Želimir Badurina, un olivicoltore di successo e proprietario di un frantoio locale sull'isola di Pag, con una notevole tristezza nella voce .

In primavera Badurina ha accolto con entusiasmo l'invito a produrre olio dalle olive selvatiche all'estremità settentrionale di Pag e inviarle insieme agli oli della Dalmazia all'edizione 2022 della NYIOOC World Olive Oil Competition.

Pag, situata a circa cinque chilometri al largo della costa della Croazia centrale, è famosa per il suo formaggio di pecora e ne ospita alcuni Gli ulivi più antichi d'Europa.

Vedi anche:Produttori in Istria si preparano per un raccolto deludente

Badurina e altri produttori locali ritengono che l'olio degli alberi selvatici non sia adeguatamente valutato al di fuori della Croazia e stanno lavorando insieme per cambiarlo.

Badurina è uno dei fondatori della cooperativa olivicola Lun, che, con il sostegno della città di Novalja e dell'ente turistico locale, gestisce i giardini degli olivi di Lun come destinazione turistica.

Gli uliveti di Lun si estendono per circa 400 ettari e comprendono più di 80,000 alberi della varietà autoctona Oblica, innestati sul substrato selvatico della linea dell'oleastro di Olea. Badurina afferma che l'olivo più antico di Lun ha 2,000 anni.

Ivica Vlatkovic, Presidente dell'Associazione degli olivicoltori della contea di Zara, ha affermato che il boschetto è una rarità non solo a Pag e in Croazia, ma in tutta Europa. Non sono molte le olive selvatiche nel loro ambiente naturale che rimangono intatte nel Mediterraneo.

Entrambi gli uomini sperano di promuovere questo fatto poco noto per aiutare a trasformare Pago in una destinazione turistica rinomata per i suoi oli extravergini d'oliva unici.

Vlatković ritiene che il primo passo in tal senso sia inviare oli extra vergini di oliva locali al NYIOOC World Olive Oil Competition, che fornirà loro un pubblico ampio e diversificato.

"Se le olive vengono raccolte e lavorate correttamente, e la qualità dell'olio viene preservata, quell'olio potrebbe diventare una sensazione di NYIOOC, e quindi dimostrare il valore della penisola di Lun come bene culturale olivicolo ", ha affermato.

Secondo Tatjana Klepo, ricercatrice presso l'Agenzia croata per l'agricoltura e l'alimentazione, le olive Oblica di Lun hanno una genealogia diversificata e complessa: rappresentano uno dei due genomi di olivo selvatico identificati in Croazia.

Il frutto di questa sub-cultivar, chiamato Luna-Lastovo, sono piccoli. Per produrre un chilogrammo di olio sono necessari dai 15 ai 20 chilogrammi di frutta. Vlatković ritiene che gli oli risultanti abbiano un profilo sensoriale unico e molte proprietà salutari come risultato del terroir.

Lui e Badurina progettarono di inviare tre diversi oli dalla penisola di Lun al NYIOOC: uno ottenuto dai frutti di olive selvatiche, il secondo prodotto da una varietà corsa innestata su substrato selvatico e il terzo da olive locali, anch'esse innestate su substrato selvatico.

Vedi anche:Produttori pluripremiati su "olta Prepare for Modest Harvest"

Tuttavia, la Vendemmia 2021 non si è svolto su Pag senza le sue sfide. All'inizio la stagione stava andando bene, ma i coltivatori locali hanno subito riscontrato problemi nella fase di fioritura e fertilizzazione.

"Il forte calore ha praticamente bruciato il fiore e la fecondazione è andata storta, quindi alcuni dei frutti sopravvissuti al colpo di calore hanno iniziato ad ammalarsi", ha detto Badurina. "Questi erano 'frutti frondosi che sono diventati neri e sono caduti nel tempo.

"Poiché un problema non si presenta da solo, anche i vecchi uliveti di Lun sono stati visitati da parassiti: mosche della frutta dell'olivo e piralide dell'olivo ", ha aggiunto. "Non esiste frutto sano e con il quale si possa fare un olio forte e di prima qualità”.

I problemi con piralidi e mosche sono iniziati subito dopo la fecondazione quando i frutti avevano le dimensioni di chicchi di grano. I frutti danneggiati dalla piralide, che normalmente si nutre dei noccioli delle olive, sono diventati neri e nel tempo sono caduti. Il frutto sopravvissuto è stato visibilmente deformato.

Dopo i trivellatori, seguì un terribile attacco di mosca. Ad agosto, una trappola catturava 100 mosche al giorno. Badurina ha detto il uliveto millenario a Lun è stato contaminato da parassiti.

Ha aggiunto che in Croazia i metodi convenzionali di controllo dei parassiti hanno fallito. L'unica volta in cui gli alberi vengono risparmiati dagli attacchi è quando si verificano le condizioni climatiche adeguate - temperature elevate con bassa umidità - che, secondo lui, non si sono verificate negli ultimi tre anni.

I coltivatori locali sostengono che le mosche maschi sterilizzate dovrebbero essere prodotte nei laboratori e rilasciate negli uliveti. Di conseguenza, le uova deposte dalle mosche femmine non svilupperebbero le larve che distruggono il frutto.

A parte i maschi sterilizzati, la protezione contro le falene dell'olivo è possibile solo con i droni a causa dell'inaccessibilità del terreno. Badurina ritiene che l'uso dei droni potrebbe monitorare efficacemente l'intera penisola di Lun.

"Ma un drone costa circa 30,000 euro", ha detto. "Abbiamo la volontà, abbiamo la conoscenza, ma non abbiamo i mezzi materiali”.

Badurina e altri olivicoltori sperano di ricevere assistenza dal governo per acquistare i droni e proteggere le olive. Nonostante le sfide, spera ancora di inviare oli per competere.

"Non ci arrendiamo a New York", ha detto. "Tutto è stato prorogato solo per il prossimo anno".


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti