La produzione di olio d'oliva diminuirà del 25%, prevede la Commissione europea

Tutti i principali paesi produttori europei, ad eccezione della Grecia, prevedono cali di produzione significativi. Tuttavia, alcuni ritengono che la previsione sia troppo pessimistica.

Di Paolo DeAndreis
17 ottobre 2022 18:56 UTC
1609

Produzione di olio d'oliva nell'Unione europea dovrebbe scendere a 1.7 milioni di tonnellate nella campagna 2022/23, secondo le stime pubblicate sul breve termine agricolo del blocco rapporto di prospettiva.

La resa in olio d'oliva di quest'anno rappresenta un calo del 25%. rispetto all'anno scorso ed è del 20 percento al di sotto della media mobile di cinque anni.

Le proiezioni dell'UE sul calo della produzione europea di olio d'oliva sembrano troppo negative rispetto alle nostre stime.- Anna Cane, presidente, gruppo oleario Assitol

In Spagna più Italy, la produzione dovrebbe diminuire del 30%. In Portogallo, i funzionari hanno notato che gli oliveti irrigati ad altissima densità dell'Alentejo sono stati meno colpiti dal La continua siccità della penisola iberica. Tuttavia, la produzione nel paese dovrebbe diminuire del 40% rispetto allo scorso anno.

Secondo le proiezioni dell'UE, i volumi di olio d'oliva diminuiranno in tutti i paesi produttori, con la notevole eccezione di Grecia.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2022

"L' siccità che ha avvolto aree significative in Portogallo, Spagna, Francia, Italia e porzioni del Nord Africa dallo scorso inverno non hanno danneggiato le principali aree di produzione greche ", ha detto Vasilios Frantzolas, assaggiatore di olio d'oliva e consulente di qualità Olive Oil Times.

Ha aggiunto che la Grecia sperimentato problemi simili con siccità e incendi nella campagna 2021/22.

"Ad agosto di quest'anno, invece, abbiamo avuto temperature generalmente moderate", ha detto Frantzolas. "Solo in alcune aree, alcune temperature più elevate potrebbero aver influito sulla produzione danneggiando la fioritura".

"La resa di olio d'oliva in Grecia è considerata abbondante quando raggiunge le 300,000 tonnellate ", ha aggiunto. "Parlando con olivicoltori e frantoi di diverse aree, la stima per la stagione in corso è compresa tra 270,000 e 285,000 tonnellate di olio d'oliva, con una stima di 100,000 provenienti da Creta, che lo scorso anno ha prodotto circa 60,000 tonnellate”.

Lontano dalla Grecia, l'Europa meridionale e occidentale ha affrontato uno dei le estati più calde mai registrate, accompagnato da ondate di caldo e clima arido, che hanno rallentato lo sviluppo degli ulivi nei momenti critici.

L'indicatore combinato di siccità del Centro comune di ricerca dell'UE ha riportato che il 33% dell'Europa ha dovuto affrontare un deficit di umidità del suolo a settembre. Nel frattempo, il 26 per cento del continente è in stato di allerta a causa dei raccolti e della vegetazione che mostrano gravi segni di stress.

Il centro ha sottolineato come le straordinarie condizioni estive abbiano spinto molti enti nazionali e regionali a limitare l'uso dell'acqua per l'irrigazione. "In alcune regioni, livelli molto bassi dei serbatoi hanno reso impossibile l'irrigazione dei campi", hanno scritto i funzionari dell'UE.

Insieme allo sviluppo delle olive, queste gravi condizioni hanno avuto un impatto anche sulle colture estive di base, come mais da granella, semi di soia e girasoli.

I principali paesi produttori di olio d'oliva nell'Unione europea sono anche alcuni dei maggiori consumatori di olio d'oliva del continente. Secondo il rapporto, i livelli più bassi di produzione di olio d'oliva saranno probabilmente integrati da un aumento delle importazioni.

Inoltre, una minore produzione è tra i fattori alimentando l'aumento dei prezzi dell'olio d'oliva e può comportare una diminuzione della domanda in alcuni mercati esteri sensibili ai prezzi. Funzionari dell'UE hanno affermato che le esportazioni potrebbero diminuire del 10%.

I funzionari hanno aggiunto che 625,000 tonnellate di scorte finali dei raccolti precedenti potrebbero non essere sufficienti per alleviare la pressione sui prezzi all'origine.

Tuttavia, Frantzolas ha affermato che la domanda di olio d'oliva e, quindi, i prezzi dipenderebbero anche da altri prezzi dell'olio commestibile.

pubblicità

"Se quei prezzi scendono, ciò ridurrà l'aumento prezzi dell'olio d'oliva", ha affermato Frantzolas, poiché alcuni consumatori abbandonerebbero l'olio d'oliva per alternative più economiche. Di conseguenza, ha stimato che l'UE consumo di olio d'oliva potrebbe diminuire fino al 6 per cento.

Frantzolas ha aggiunto che gli sviluppi della guerra in Ucraina determinerebbero altri prezzi del petrolio commestibile. "I prezzi del petrolio di semi potrebbero scendere poiché la Russia sembra aver consentito alle spedizioni ucraine di lasciare il paese", ha affermato.

I funzionari dell'agricoltura dell'UE hanno convenuto che la crescente pressione sui bilanci dei consumatori causata dall'inflazione potrebbe costringere gli europei a limitare il consumo di olio d'oliva, che secondo loro potrebbe diminuire fino al 9%.

Tuttavia, non tutti sono d'accordo con l'analisi del rapporto sulle prospettive agricole dell'UE, secondo alcuni che sembrava un po' troppo pessimista.

"Le proiezioni dell'UE sul calo della produzione europea di olio d'oliva sembrano troppo negative rispetto alle nostre stime ", ha detto Anna Cane, presidente del gruppo olio d'oliva dell'Associazione italiana dell'industria dell'olio alimentare (Assitol) Olive Oil Times.

Ha riconosciuto che molti paesi produttori sono entrati in un 'off year' nel ciclo naturale di portamento alterno dell'olivo "e il settore ha dovuto far fronte a mesi di clima estremo, come il caldo di maggio e le inondazioni di agosto”.

"Riprendersi dai danni causati dalla calda estate non sarà facile, ma non crediamo che una stima di un calo del 25% sia giustificata”, ha aggiunto. Assitol prevede invece che la produzione italiana di olio d'oliva raggiunga le 250,000 tonnellate, il 20% in meno il rendimento dell'anno scorso rispetto al 30 per cento stimato dall'UE

Lontano dalla produzione, sia Frantzolas che Cane hanno avvertito che l'aumento dei costi del vetro e di altri materiali di imballaggio complicherebbe ulteriormente la raccolta.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati