Olive Oil Production In Uruguay pronto a rimbalzare

La produzione non supererà i massimi record del 2019 ma si prevede che raggiungerà le 1,900 tonnellate. I produttori riferiscono che la qualità è più alta che mai.
Foto: Asolur
Giu. 8, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

Dopo che l'Uruguay ha registrato uno dei suoi i peggiori raccolti di sempre nel 2020, la produzione dovrebbe riprendersi nel 2021.

Una combinazione di molti produttori che entrano in un periodo di riposo nel ciclo di produzione alternato dell'olivo e gelate primaverili durante la stagione della fioritura, seguite da un'estate eccezionalmente secca, hanno portato la produzione a crollare a sole 295 tonnellate nell'annata agraria 2019/20.

Scommettiamo molto sulla vendemmia anticipata, che è stata eccellente. Preferiamo sacrificare la quantità per la qualità e siamo convinti che questa sia la strada.- Gonzalo Aguirre, comproprietario, Olivares de Santa Laura

Quest'anno il tempo è stato più favorevole e molti produttori hanno iniziato un anno. Con la stragrande maggioranza dei produttori che terminano i raccolti alla fine di giugno, le stime preliminari suggeriscono che l'Uruguay potrebbe avere il suo secondo totale di produzione più alto di sempre.

"Fortunatamente, quest'anno, la produzione è stata molto migliore rispetto al 2020", Martin Robaina, il presidente del Uruguaiano Olive Association (Asolur) e produttore di Lote8, raccontato Olive Oil Times. "Era non buono come quello del 2019, dove abbiamo avuto il nostro raccolto record di 2,500 tonnellate, ma saremo vicini".

Sulla base di stime preliminari e conversazioni con i produttori, la produzione stimata di Robaina raggiungerà le tonnellate 1,900 di olio d'oliva.

pubblicità

Insieme a una maggiore resa di olive, i produttori di tutto il paese hanno riportato ottimi livelli di qualità. Secondo Robaina, la stragrande maggioranza degli uruguaiani olive oil produzione è classificato come "extra vergine."

"Il raccolto è stato molto buono in Uruguay", Gonzalo Aguirre, co-proprietario di Olivares de Santa Laura, Ha detto Olive Oil Times. "Scommettiamo molto sulla vendemmia anticipata, che è stata eccellente. Preferiamo sacrificare la quantità per la qualità e siamo convinti che questa sia la strada».

produzione-aziendale-sud-america-produzione-di-olio-d'oliva-in-uruguay-set-a-rimbalzo-tempi-olio-d'oliva

Foto: Gonzalo Aguirre

Tuttavia, il produttore, che ha sede nella provincia nord-orientale di Cerro Largo, ha aggiunto che una delle principali sfide che deve affrontare è trovare consumatori che acquistino i suoi oli extra vergini di oliva. Questo è stato esacerbato dal Pandemia di covid-19, che ha portato alla chiusura delle frontiere nel 2020 e a una drastica diminuzione del turismo.

"Il consumo di olio d'oliva è stato in parte influenzato dalla chiusura o dalla riduzione della capacità di ristoranti e hotel ", ha affermato. "Allo stesso tempo i consumi nelle famiglie sono aumentati notevolmente, le persone hanno avuto più tempo per cucinare in casa”.

Secondo Robaina, educare i consumatori sul benefici alla salute e le proprietà organolettiche dell'olio extra vergine di oliva è una delle principali sfide che l'intero settore deve affrontare.

"Dobbiamo continuare a cercare di educare i consumatori uruguaiani in modo che sappiano riconoscere che cos'è un buon olio extra vergine di oliva e optare per oli extra vergini dell'Uruguay ", ha affermato.

All'estremità opposta del paese da Olivares de Santa Laura, i produttori dietro O'33 hanno detto Olive Oil Times che anche loro avevano goduto di una fruttuosa messe.

produzione-aziendale-sud-america-produzione-di-olio-d'oliva-in-uruguay-set-a-rimbalzo-tempi-olio-d'oliva

Foto: Natalia Welker

"È stato un lungo raccolto", ha detto Natalia Welker, la proprietaria dell'aziendo olive oil Times. "Il 2021 è stato un raccolto con tanti frutti… Per quanto riguarda la qualità, è eccellente”.

Mentre le aree rurali dell'Uruguay sono state colpite molto meno direttamente dalla pandemia, Welker ha affermato che l'azienda ha rispettato tutti i protocolli e ha gestito con successo il raccolto senza incidenti significativi.

Tuttavia, ha affermato che la difficoltà di importazione delle merci – che è stata aggravato dalla pandemia globalmente – è una delle principali sfide che deve affrontare la sua attività.

"Importiamo forniture come bottiglie e tappi e i fornitori impiegano molto tempo per soddisfare le nostre esigenze", ha affermato.

Proprio sulla strada da O'33, i produttori dietro Agroland SA, che imbottiglia il suo olio d'oliva con il marchio Colinas de Garzón e guadagnato un Gold Award Al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition, ha riportato anche un ottimo raccolto.

"È stato un anno molto buono, non un record come il 2019, ma molto buono", Víctor Rodríguez, olive oil proresponsabile della produzione, ha detto Olive Oil Times.

produzione-aziendale-sud-america-produzione-di-olio-d'oliva-in-uruguay-set-a-rimbalzo-tempi-olio-d'oliva

Foto: Asolur

Proprio come l'altro produttore, la pandemia di Covid-19 ha creato molto stress per Rodríguez e il suo team, ma non ha portato ad alcuna interruzione della raccolta. Tuttavia, per l'agronomo dietro il secondo produttore dell'Uruguay, il clima umido del paese rimane la sfida più grande.

"L'altra grande sfida che affrontiamo anno dopo anno è il clima dell'Uruguay, che è molto umido». "Ciò significa che monitoriamo sempre la salute delle nostre piante. Oltre a questo, optiamo per una vendemmia anticipata, per due motivi, uno per la salute e l'altro per la qualità dei nostri prodotti”.

Tutti i produttori intervistati per questo articolo hanno affermato che si aspettano che la produzione diminuirà ancora una volta nel 2022 a causa del fatto che i produttori entreranno ancora una volta fuori anno.

Robaina ha affermato che uno dei principali progetti di Asolur è quello di mitigare gli impatti di questo fenomeno naturale sugli alberi e far sì che i produttori uruguaiani ottengano raccolti più consistenti anno dopo anno.

"Stiamo cercando di indagare e di essere in grado di avere una gestione sul campo che significa che non abbiamo quelle differenze nella produzione perché questo, ovviamente, rende l'attività difficile da sostenere", ha affermato. "L'idea è di cercare di ridurre questo fenomeno in modo che il produttore abbia frutti da raccogliere ogni anno".


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti