Mercato dell'olio d'oliva stabile nelle prospettive a breve termine dell'UE

Nonostante la guerra in Ucraina, i prezzi dell'olio d'oliva dovrebbero rimanere stabili. Aumenteranno la produzione e il consumo dell'UE. Le esportazioni cadranno.
Può. 4, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

La disponibilità di cibo, mangimi e fertilizzanti non sarà significativamente influenzata nell'Unione Europea, nonostante l'invasione russa in corso dell'Ucraina, secondo le ultime prospettive agricole a breve termine del blocco.

Di conseguenza, prezzi dell'olio d'oliva dovrebbe rimanere ai livelli attuali mentre i costi di marketing e la domanda sono in crescita. Secondo il rapporto, l'UE è ampiamente autosufficiente nel nutrirsi, con un massiccio surplus commerciale agroalimentare.

Tuttavia, il rapporto ha riconosciuto il ruolo fondamentale svolto dall'Ucraina nei mercati dei cereali e dell'olio di semi e ha avvertito come la guerra stia ulteriormente stressando le catene di approvvigionamento globali, che già stavano affrontando sfide considerevoli prima dello scoppio della guerra.

Vedi anche:Le esportazioni di olio d'oliva supereranno 1 milione di tonnellate entro il 2030, previsioni dell'UE

Tra le conseguenze delle tensioni geopolitiche, salgono i prezzi delle materie prime, tra cui energia, fertilizzanti, grano e soia. Gli esperti si aspettano che questi prezzi crescano ulteriormente, con un potenziale impatto sulla capacità degli agricoltori di acquistare fertilizzanti, nutrire e pagare le bollette energetiche.

Il rapporto afferma che le prospettive sono stabili nel settore dell'olio d'oliva del blocco. Nella campagna 2021/22, UE olive oil produzione dovrebbe raggiungere i 2.3 milioni di tonnellate, con un aumento del 10% rispetto alla stagione precedente.

pubblicità

I prezzi dell'olio d'oliva, che negli ultimi mesi sono cresciuti costantemente nei tre mercati di riferimento, dovrebbero rimanere sui livelli attuali. Ciò accadrà principalmente a causa dell'aumento dei costi per l'imballaggio e trasporto.

I prezzi dell'olio d'oliva saranno anche influenzati da una maggiore domanda del prodotto come a sostituto di altri oli vegetali, i cui prezzi sono alle stelle a causa della guerra in Ucraina.

Dato questo scenario, gli esperti dell'UE lo ritengono consumo di olio d'oliva all'interno dell'Unione Europea potrebbe aumentare del 7 per cento rispetto all'anno di raccolto precedente. Parzialmente di conseguenza, si stima una leggera diminuzione del 3 per cento per le esportazioni.

Nel suo recente rapporto sulla situazione del mercato nel settore dell'olio d'oliva, l'Organizzazione comune dei mercati agricoli dell'Unione europea ha dichiarato globale olive oil prola produzione dovrebbe raggiungere i 3.378 milioni di tonnellate contro i 3.010 milioni di tonnellate della stagione precedente.

Guardando la media di produzione quinquennale, UE olive oil prola produzione è cresciuta dell'11% nella campagna 2021/22.

Si prevede che la Spagna contribuirà al 66% delle rese con 1.49 milioni di tonnellate nella stagione in corso, seguita dall'Italia con il 15% (328,000 tonnellate) e dalla Grecia con il 10% (215,000 tonnellate).

Mentre la maggior parte della produzione mondiale proviene dagli Stati membri dell'UE, il comitato ha anche evidenziato la ripresa globale in olive oil proproduzione nei paesi extra UE, che si prevede raggiungerà 1.125 milioni di tonnellate, rispetto alle 959,000 tonnellate della campagna precedente.

Il rapporto rileva come questi numeri dovrebbero portare i risultati della stagione in corso dell'1% al di sopra della media quinquennale per i paesi produttori non UE.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti