Gli olivicoltori dell'Alentejo cercano un'etichetta di certificazione sostenibile

La nuova iniziativa ha lo scopo di promuovere pratiche agricole e molitorie sostenibili. Gli agricoltori partecipanti sperano che la certificazione aggiunga valore.
Alentejo, Portogallo
Può. 16, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Un gruppo di circa 20 olive oil proriduttori dal portoghese meridionale regione dell'Alentejo aderisce al nuovo progetto di sviluppo dell'olivicoltura sostenibile recentemente lanciato da Olivum, un'associazione di produttori, e dall'Università di Èvora.

Il Programma di sostenibilità dell'olio d'oliva dell'Alentejo (PSAA) si estende a tutte le aree di olive oil produzione. Mira a ridurre l'impronta ambientale del settore nella più grande regione produttrice di olio d'oliva del paese aumentandone quelle sociali ed economiche.

La sfida principale per il settore è conquistare più consumatori e più mercati che apprezzano queste pratiche.- Pedro Lopes, presidente del consiglio di amministrazione, Olivum

Sarà inoltre sviluppato un nuovo strumento di gestione per promuovere e monitorare le prestazioni sostenibili dell'olio d'oliva dell'Alentejo per aumentare la competitività dell'industria locale.

I promotori del progetto hanno sottolineato come l'obiettivo finale del PSAA sia quello di produrre una certificazione o un marchio di qualità riconoscibile e autorevole che dimostri l'approccio sostenibile delle aziende certificate e sia riconosciuto sia a livello nazionale che internazionale.

Vedi anche:Gli agricoltori stanno affrontando il brusco della siccità in peggioramento del Portogallo

"Il PSAA mira a creare un benchmark di sostenibilità, nelle sue dimensioni ambientali, sociali ed economiche, per la produzione di olio d'oliva dell'Alentejo ", ha detto Pedro Lopes, presidente del consiglio di amministrazione di Olivum Olive Oil Times.

"Questo benchmark aiuterà a rafforzare la capacità imprenditoriale del settore, migliorandone le prestazioni e l'efficienza nell'uso delle risorse, nella produttività e nella creazione di valore”, ha aggiunto.

pubblicità

L'importanza del progetto è strettamente correlata al ruolo della regione negli ultimi anni nel settore dell'olio d'oliva portoghese, con investimenti in moderne tecniche di coltivazione e molitura e infrastrutture che hanno contribuito alla crescita costante della produzione di olio d'oliva del paese.

La società spagnola Juan Vilar Strategic Consulting stima che il 50 percento dell'industria olivicola portoghese si trova nella regione dell'Alentejo.

Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, portoghese olive oil proproduzione è cresciuta costantemente nell'ultimo decennio, passando da 76,200 tonnellate nella stagione 2011/2012 al Previste 120,000 tonnellate per la stagione in corso.

Tuttavia, i funzionari di Olivum ritengono che l'attuale stima del CIO sia prudente e si aspettano che la produzione raggiunga le 180,000 tonnellate nel 2021/22.

Secondo i dati di Juan Vilar Strategic Consulting, il settore dell'olio d'oliva portoghese genera un fatturato di circa 470 milioni di euro all'anno e fornisce 6.6 milioni di giorni lavorativi.

"Studi recenti mostrano che le attuali richieste del mercato sono legate alla sostenibilità, all'origine e alla forma di produzione negli aspetti ambientali e sociali", ha affermato Lopes. "Pertanto, la sfida principale per il settore è conquistare più consumatori e più mercati che apprezzano queste pratiche. Ecco perché la creazione del PSAA è così importante”.

"Un'altra grande sfida è promuovere l'immagine e il valore dell'olio d'oliva sostenibile dell'Alentejo, che dovrà passare attraverso una strategia di marketing e comunicazione intelligente ", ha aggiunto.

Affinché un'azienda sia riconosciuta dal PSAA come sostenibile, dovrà soddisfare una serie di requisiti nelle sue operazioni nel boschetto o nel mulino.

Lo ha detto Maria Raquel Lucas, coordinatrice del progetto e docente all'Università di Èvora Olive Oil Times che a ciascun parametro sarebbe associato un livello minimo di sostenibilità di riferimento.

Vedi anche:Spagna e Portogallo chiedono aiuti europei per combattere la siccità in corso

Secondo Lucas, i produttori locali dovrebbero lavorare insieme per ottenere un approccio più partecipativo e inclusivo per cogliere l'intero spettro delle specificità del settore e le opportunità derivanti dalla cooperazione.

Un tale approccio favorirebbe "un ambiente favorevole per la competitività e la catena del valore aggiunto e per l'ampia e intelligente comunicazione, diffusione e promozione del programma di sostenibilità dell'olio d'oliva e dei suoi principi", ha affermato.

"È molto importante che l'olio d'oliva dell'Alentejo possa comunicare di più e meglio le buone pratiche già esistenti su questioni ambientali, sociali ed economiche, che hanno un grande impatto sulla regione dell'Alentejo ", ha aggiunto.

"Il settore è fortemente impegnato nelle nuove tecnologie e nelle energie rinnovabili in modo che gli uliveti e i frantoi siano economicamente e ambientalmente più sostenibili, incoraggiando allo stesso tempo l'occupazione e l'installazione di nuove società con conoscenza e tecnologia nella regione ", ha continuato Lucas.

I primi passi per PSAA includeranno l'adozione di un olive oil probenchmark di sostenibilità della produzione e valutazione delle prestazioni del gruppo pilota di produttori. Le migliori pratiche di questo primo passaggio verranno quindi condivise.

PSAA getterà anche le basi per lo sviluppo del Programma di sostenibilità digitale.

"Tutte le informazioni e i contributi del gruppo pilota verranno utilizzati per sviluppare [la piattaforma]", ha affermato Lopes.

"Si tratta di una procedura e di una strategia basata su azioni che richiedono un basso investimento da parte dei membri, con vantaggi di ritorno rapido", ha aggiunto Lucas. "Questo è un metodo di miglioramento continuo che consente ai membri di sviluppare e implementare il programma al proprio ritmo”.

Lopes e Lucas hanno sottolineato come il modello PSAA possa essere facilmente applicato ad altri settori e paesi.

"Il PSAA è uno strumento per la sostenibilità, motivo per cui è progettato, pianificato e strutturato per essere implementato in qualsiasi settore, regione o paese, in base al contesto di ciascun operatore", ha affermato Lopes. "Il nostro obiettivo è rendere il PSAA e la sostenibilità dell'olio d'oliva dell'Alentejo un riferimento internazionale nel campo della sostenibilità ".

"La definizione del processo di certificazione in base al quale avverrà il riconoscimento dell'olio d'oliva dell'Alentejo per le sue prestazioni di sostenibilità, evitando l'esposizione a rischi di reputazione, sarà un altro progetto successivo", ha concluso Lucas.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti