Nuovi ulivi vengono piantati nella Puglia devastata da Xylella

Una nuova legge in Italia ha modificato le operazioni di monitoraggio e rimozione nelle aree colpite da Xylella. I fondi vengono utilizzati per ripiantare alberi e risarcire i mugnai.

Dicembre 1, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Delegati dell'assemblea regionale in Puglia hanno unanimemente sostenuto una legge regionale aggiornata che propone un piano di risanamento delle aree colpite da Xylella fastidiosa.

nuova legislazione aderisce alle ultime normative dell'Unione Europea volte a limitare la diffusione del micidiale patogeno dell'olivo.

Gli agricoltori e i frantoiani devono essere risarciti e olive oil prola produzione deve ricominciare. Dovremmo contribuire non solo al reimpianto degli ulivi, ma anche alla piantumazione di nuove specie.- Giannicola D'Amico, vicepresidente CIA Puglia

I sostenitori ritengono che monitorerà meglio la diffusione dei batteri concentrandosi anche su ciò che le aree colpite devono fare per tornare alla produttività.

Vedi anche:Si stima che siano stati persi 33,000 posti di lavoro per Xylella Fastidiosa in Puglia

Le nuove regole consentono agli agricoltori di iniziare il reimpianto degli ulivi nelle aree infette se le operazioni di monitoraggio mostrano che il batterio è stato eradicato e "non ci sarà alcun rischio per la sua ulteriore diffusione”.

La legislazione rappresenta un sollievo per gli agricoltori locali, molti dei quali stanno aspettando un nuovo inizio dopo quasi un decennio di trattamento con Xylella fastidiosa.

pubblicità

Negli ultimi otto anni, le autorità stimano che la Xylella fastidiosa abbia infettato più di 21 milioni di ulivi in ​​tutta la Puglia, che è la più importante regione italiana produttrice di olio d'oliva con un ampio margine.

Le nuove misure richiedono che le piante infette da Xylella fastidiosa vengano rimosse in base al rischio che rappresentano per l'ulteriore diffusione dei batteri.

Chiedono inoltre che vengano effettuate specifiche operazioni di monitoraggio nelle aree limitrofe. Insieme agli ulivi, la Xylella fastidiosa infetta centinaia di altre specie vegetali. L'ultima aggiunta alla lista ufficiale dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare ha portato il numero totale di Xylella-piante nidificanti a 595.

Xylella fastidiosa pauca è la sottospecie che infetta l'olivo e altre 33 specie vegetali. È la sottospecie più diffusa in Puglia.

business-europe-produzione-nuovi-ulivi-sono-piantati-in-xylellaravaged-puglia-olivi-tempi

Puglia, Italia

Le nuove leggi hanno anche posto fine all'obbligo di rimuovere tutte le piante suscettibili entro un raggio di 100 metri da una pianta infetta. Invece, all'interno delle cosiddette zone rosse o aree di contenimento, il nuovo approccio è quello di distruggere immediatamente tutte le piante infette.

Considerando che il proprietario terriero dovrebbe rifiutare la rimozione dell'albero infetto, dovrà procedere a "isolare la pianta dal territorio esterno applicando protezioni meccaniche e incappucciamento degli alberi”, si legge nella normativa.

"Tale isolamento sarà seguito dalla potatura degli alberi e da tutte le operazioni necessarie per combattere i vettori dei batteri, quelli notoriamente tali e quelli che potrebbero essere potenziali vettori, come lo sfalcio di tutta l'erba, la successiva lavorazione del terreno e il trattamento con prodotti fitosanitari approvati”, continua la normativa.

Diverse specie di insetti sono noti vettori di Xylella fastidiosa, responsabile della diffusione dei batteri da una pianta infetta ad altre.

Data la loro rilevanza culturale e paesaggistica, particolare attenzione sarà data agli ulivi più antichi della zona, i cosiddetti ulivi monumentali.

Le nuove regole vietano anche la distruzione del ulivi millenari se le piante non risultano infette, anche se si trovano in zone rosse.

Uno di zone più colpite in Puglia è la rinomata Piana degli Ulivi Monumentali, situata nei comuni di Ostuni, Fasano, Monopoli e Carovigno. Si ritiene che alcuni alberi abbiano fino a 3,000 anni.

Antonella Scatigna, nota chef di Locorotondo, non lontano da Bari, ha raccontato Olive Oil Times che la gente del posto si sente minacciata da Xylella fastidiosa mentre si sposta a nord e continua a infettare gli ulivi. Nelle ultime settimane decine di alberi sono stati distrutti nella zona.

"Sentiamo la Xylella diffondersi sulla nostra pelle ", ha affermato Scatigna, che ha notato quante famiglie hanno ancora piccoli boschetti e quanto sia collegata la cultura locale all'olivicoltura.

"I nostri alberi di Leccino sono per noi una delle principali cultivar di olivo e sono noti per la loro resistenza alla Xylella ", ha affermato. "Tuttavia, molte cultivar vulnerabili rischiano di essere infettate proprio come lo erano a Brindisi e nel Salento”.

Il Salento è una porzione culturale e storica della Puglia meridionale che è stata la prima ad essere gravemente colpita dalle epidemie di Xylella.

Vedi anche:La Puglia avverte gli agricoltori delle cure inefficaci della Xylella Fastidiosa

"Gli ulivi lì fanno paura, la bellezza di alcuni luoghi si è trasformata in a paesaggio spettrale, una massa di alberi secolari bruciati, prosciugati dal loro micidiale nemico”, ha detto Scatigna.

Secondo il segretario regionale all'agricoltura, Donato Pentassuglia, nella Piana degli Ulivi Monumentali sono già in corso nuove operazioni di monitoraggio.

"Grazie ai sacrifici dei coltivatori locali, possiamo ancora sperare di salvare due milioni di alberi nell'area di Ostuni e gli oltre sei milioni di alberi in pianura, evitando anche che la Xylella si diffonda più a nord, al di sopra della zona cuscinetto”.

Inoltre, gli agricoltori e le autorità locali stanno lavorando per ripristinare le attività agricole ove possibile. Coldiretti ha stimato che gli attuali fondi per il ripristino delle operazioni e il sostegno di nuovi impianti di olivo e altri alberi autoctoni dovrebbero raggiungere almeno 700 milioni di euro.

Pur non escludendo la possibilità di stanziare ulteriori fondi, il Ministero dell'Agricoltura ha già fornito 300 milioni di euro negli investimenti.

Secondo il nuovo piano, 20 milioni di euro saranno utilizzati per la piantumazione di nuovi oliveti composti da cultivar resistenti alla Xylella, come Leccino e Favolosa. In precedenza, il denaro sarebbe stato utilizzato per la rimozione di alberi morti. Gli agricoltori locali hanno fatto più di 8,000 richieste di fondi per rinnovare i loro boschi.

Ulteriori 5 milioni di euro andranno a tutela della Piana degli Ulivi Monumentali, mentre 5.7 milioni di euro andranno ai frantoiani, centinaia dei quali hanno perso il proprio reddito.

Tuttavia, secondo gli agricoltori locali, ricominciare nelle aree in cui è tecnicamente possibile non sarà facile. Hanno affermato che la diffusione di Xylella fastidiosa ha danneggiato l'economia olivicola e produttrice di petrolio nella regione al punto che si è verificato un cambiamento fondamentale nel tessuto sociale e imprenditoriale dell'area.

Il territorio cultura dell'olio d'oliva è a rischio di "scomparendo”, secondo la Confederazione Pugliese dei Produttori Agricoli (Copagri).

Tommaso Battista, presidente di Copagri, ha affermato che è necessaria una strategia più ampia per creare le condizioni per una possibile convivenza di ulivi con specie invasive, come la Xylella fastidiosa.

"Non possiamo limitare i reimpianti a Leccino e Favolosa", ha detto. "Non si può nemmeno pensare di concentrarsi su poche cultivar destinate alla riconversione della produzione, perché ciò colpirebbe la biodiversità in territori il cui ambiente è già compromesso e soffre di forte scarsità d'acqua. "

Secondo Battista, la massima enfasi sulla ripresa dovrebbe essere posta nelle attività di ricerca, che attualmente ricevono 15 milioni di euro, e "la promozione delle buone pratiche che hanno dimostrato di contribuire a limitare la diffusione dell'infezione, come la piantumazione di specie vegetali non vulnerabili alla Xylella e utili per combattere la cimice. "

La cimice marmorata, specie invasiva dell'Asia orientale, è uno dei principali vettori del batterio.

La Confederazione Italiana Agricola (CIA) ha aggiunto che la riconversione produttiva non dovrebbe limitarsi agli olivi.

"Gli agricoltori e i frantoiani devono essere risarciti e olive oil produzione bisogna ripartire”, ha detto Giannicola D'Amico, vicepresidente della sezione pugliese della Cia. "Dovremmo contribuire non solo al reimpianto dell'olivo, ma anche alla piantumazione di nuove specie come mandorlo, ciliegio e agrumi. L'obiettivo è far rinascere una terra vocata all'agricoltura”.

"Se vogliamo favorire i nuovi impianti, dobbiamo andare oltre i vincoli paesaggistici legati all'olivicoltura perché questi impediscono la ricostruzione", ha aggiunto. "Per questo chiediamo nuove misure semplificate circa la tutela del paesaggio, il reimpianto e la riconversione delle specie, nonché l'accorpamento catastale dei terreni agricoli nelle aree infette”.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti