Un anno dopo un devastante incendio in Montenegro, gli agricoltori continuano a ricostruire

Mentre un tribunale ha stabilito che gli olivicoltori avevano diritto a un risarcimento, i dolori emotivi e culturali persistono.

Di Ćazim Alkovic
24 agosto 2022 14:35 UTC
478

Ćazim Alković è presidente dell'Ordine degli Avvocati degli Olivicoltori.


Il 12 agosto 2021, un grande incendio ha avvolto il villaggio di Mrkojevića vicino a Bar, in Montenegro. Come ha poi accertato l'esperto del tribunale, l'incendio è stato innescato da una linea di trasmissione difettosa che attraversava l'area.

Mrkojevići è noto per la coltivazione di varie colture, in particolare le olive. A causa dell'incendio, uliveti secolari hanno subito ingenti danni.

Una coalizione di cittadini locali, membri di una società olivicola locale, proprietari di boschetti e vigili del fuoco ha condotto una lotta sovrumana per estinguere l'incendio.

Vedi anche:In Montenegro, i produttori partecipano alla gara d'appalto mondiale

Tuttavia, le fiamme avevano già inghiottito tutto sul loro cammino, compresi gli ulivi centenari. La lotta contro l'incendio è durata fino al mattino presto, quando finalmente è stato messo sotto controllo.

La dirigenza dell'Associazione Bar Oliveto ha visitato al mattino gli oliveti colpiti e ha organizzato rapidamente un incontro con gli olivicoltori che hanno subito danni per concordare ulteriori passi e azioni.

C'è stata molta emozione durante l'incontro. I coltivatori hanno parlato in lacrime di come gli ulivi piantati dai nonni e persino dai bisnonni sono scomparsi davanti ai loro occhi.

produzione-un anno-dopo-un-incendio-devastante-negli-agricoltori-montenegri-continuano-a-ricostruire-l'olio-volte

Non è stata solo una perdita materiale. Faceva molto più male; un tesoro creato per generazioni, tramandato in lascito e lasciato agli eredi, stava scomparendo.

Durante la riunione è stato conteggiato il numero di ulivi completamente distrutti e parzialmente danneggiati.

Complessivamente sono stati distrutti 749 ulivi centenari, mentre più di 400 sono stati permanentemente danneggiati. Inoltre, le fiamme hanno danneggiato irrimediabilmente 267 altri alberi da frutto, tra cui peri, fichi, mele cotogne e viti.

Anche i residenti più anziani di Mrkojevići non ricordano un incendio che ha causato più danni di questo.

L'Associazione Avvocati Olivicoli ha effettuato una prima denuncia dei danni e ne ha informato il Comune di Bar e il Ministero delle Politiche Agricole, Forestali e della Gestione delle Acque. L'associazione ha anche invitato entrambi ad aiutare gli olivicoltori a riparare il danno il più rapidamente possibile.

Anche il comune di Bar ha agito prontamente e, su iniziativa dell'Associazione Avvocati Olivicoli, ha pagato a ciascun olivicoltore 100 euro per ogni albero centenario distrutto e per alberi danneggiati in proporzione al danno stimato.

L'associazione è stata anche in contatto con l'accusa, fornendo materiale, prove fotografiche e video che un guasto alla linea di trasmissione ha causato l'incendio.

Le prove sono state presentate anche dal tribunale al perito autorizzato. Dopo un'analisi dettagliata, l'esperto ha concluso che l'incendio è stato causato da un guasto nella linea elettrica, che era un prerequisito per gli olivicoltori per intentare cause private contro la Electric Power Company del Montenegro.

I procedimenti giudiziari in casi simili richiedono molto tempo, ma il tribunale si è pronunciato a favore degli olivicoltori a causa delle prove materiali e dei risultati degli esperti.

Il danno materiale sarà ora risarcito, anche se il valore emotivo e culturale degli alberi secolari non può.

L'associazione è stata anche in costante contatto con gli olivicoltori e li ha aiutati a fare piani per rivitalizzare gli uliveti dopo l'incendio.

La maggior parte degli olivicoltori ha abbattuto gli alberi completamente bruciati e coperto i tronchi con nuovo terreno. Quasi ogni albero tagliato in questo modo ha prodotto un nuovo alberello di ulivo.

produzione-un anno-dopo-un-incendio-devastante-negli-agricoltori-montenegri-continuano-a-ricostruire-l'olio-volte

Alcuni olivicoltori non volevano abbattere gli alberi danneggiati e invece li lasciavano per vedere se avrebbero germogliato giovani germogli.

Alcuni alberi hanno emesso germogli, ma resta il dilemma se un albero così danneggiato possa tornare al suo stato originale.

produzione-un anno-dopo-un-incendio-devastante-negli-agricoltori-montenegri-continuano-a-ricostruire-l'olio-volte

Anche l'organizzazione non governativa INFOSPORT Bar, guidata dall'attivista Miodrag Banović, si è organizzata per aiutare gli olivicoltori. Le imprese locali di Bar hanno fornito attrezzature di scavo per aiutare a ripulire la terra bruciata e prepararla per nuove piantagioni.

Banović ha anche fornito 100 piantine di ulivo per gli oliveti danneggiati, che sono stati piantati in questa campagna.

Dopo più di un anno dall'incendio, il danno economico causato agli olivicoltori è stato notevole. Tuttavia, il danno storico e culturale della regione è ancora più rilevante.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati