Monte do Camelo vince alla grande con le varietà autoctone coltivate in modo sostenibile

I piccoli produttori portoghesi hanno ottenuto il Silver Award al 2024 NYIOOC per un monovarietale Galega. L'azienda si concentra sulla coltivazione sostenibile delle olive autoctone.

Ana Cardoso e Paolo Morosi raccolgono i loro oliveti in Alentejo (Foto: Monte do Camelo)
Di Paolo DeAndreis
Maggio. 28, 2024 11:54 UTC
72
Ana Cardoso e Paolo Morosi raccolgono i loro oliveti in Alentejo (Foto: Monte do Camelo)

Per il terzo anno consecutivo, Monte di Camelo è stato riconosciuto sulla scena internazionale. Il produttore portoghese ha guadagnato un Silver Award al 2024 NYIOOC World Olive Oil Competition per il suo marchio Tratturo de Fronteira, un Galega di media intensità.

L'azienda agricola di dieci ettari si trova a Fronteira, nell'alto Alentejo, una delle principali regioni produttrici di olio d'oliva del Portogallo.

A volte la sostenibilità viene citata senza reale merito. Nel nostro caso, la crescita della biodiversità è una parte rilevante del nostro lavoro qui. Il nostro obiettivo è preservare il suolo aiutando l’ambiente a prosperare.- Ana Cardoso, comproprietaria, Monte do Camelo

Ana Cardoso e Paolo Morosi hanno iniziato a coltivare olivi nel 2017. Inizialmente hanno concentrato i loro sforzi sulla cultivar locale Galega e successivamente hanno incorporato la Cobrançosa per diversificare e arricchire la loro produzione.

Morosi ha affermato che gli alberi di Galega producono modeste quantità di piccole olive. "Gli alberi sono forti, sani e resistenti”, ha aggiunto.

Vedi anche:Profili del produttore

La coppia ha espresso un misto di soddisfazione per il riconoscimento e motivazione a migliorare per il prossimo anno dopo aver appreso la notizia del premio.

"Naturalmente siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti al NYIOOC", ha detto Cardoso. "L'anno scorso, noi ha vinto un Gold Award con il nostro monovarietale Cobrançosa al suo debutto. Speravamo di vincere l’oro anche quest’anno”.

"Uno degli aspetti insoliti dell'ottimo olio Galega sono le sue note volatili, che tendono a cambiare rapidamente tanto che al naso gli aromi verdi e fruttati possono rapidamente virare fino quasi a maturazione, pur mantenendo in bocca quel sapore verde e fruttato unico, " lei ha aggiunto.

Quando Cardoso e Morosi acquistarono per la prima volta l'azienda agricola nel 2014, circa 1,000 ulivi Galega erano sparsi in tutta la proprietà.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-monte-do-camelo-vince-alla-grande-con-varieta-autoctone-coltivate-in-modo-sostenibile-tempi-dell'olio-d'oliva

Cardoso e Morosi coltivano Galega e Cobrançosa, entrambe originarie del Portogallo. (Foto: Monte do Camelo)

"Sono sparsi in modo casuale nei terreni agricoli, fino a dieci metri di distanza”, ha detto Cardoso. "È bello, anche se la raccolta potrebbe richiedere più impegno che altrove”.

Nel 2018, la coppia ha ampliato le proprie attività, aggiungendo 2.5 ettari di olive Cobrançosa in un frutteto densamente coltivato.

"Quelli sono gli unici ulivi che irrighiamo ", ha detto Cardoso. "Sono alberi giovani. Una volta che saranno cresciuti un po’, interromperemo l’irrigazione”.

Questo approccio riflette l'impegno dei coltivatori verso pratiche agricole sostenibili e l'anticipazione della futura autosufficienza.

Quattro anni fa, motivati ​​dagli studi all'Università di Lisbona e da altri interessi formativi incentrati sulle tecnologie e procedure di lavorazione, Cardoso e Morosi costruirono un mulino.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-monte-do-camelo-vince-alla-grande-con-varieta-autoctone-coltivate-in-modo-sostenibile-tempi-dell'olio-d'oliva

Nel 2020 Cardoso e Morosi hanno costruito un mulino per controllare il processo produttivo. (Foto: Monte do Camelo)

"Dovevamo farlo, perché non volevamo che le nostre olive si mescolassero con quelle di altri produttori, cosa che accadeva prima ", ha detto Cardoso. "Abbiamo adottato un approccio biologico che promuove l’agricoltura rigenerativa, qualcosa che non molti altri produttori della zona applicano negli oliveti”.

Monte do Camelo olio extravergine d'oliva sarà formalmente certificato biologico il prossimo anno, completando i requisiti legali per la conversione all’agricoltura biologica.

"A volte la sostenibilità viene citata senza reale merito. Nel nostro caso, la crescita della biodiversità è una parte rilevante del nostro lavoro”, ha affermato Cardoso. "Il nostro obiettivo è preservare il suolo e allo stesso tempo aiutare l’ambiente a prosperare”.

pubblicità
pubblicità

L'azienda agricola ha abbandonato la pratica tradizionale della lavorazione del terreno. Invece, la coppia ha iniziato a piantare piante leguminose per arricchire il terreno e prevenire l’erosione, una pratica comune nell’arida regione dell’Alentejo.

Inoltre, l’azienda agricola riutilizza il compost proveniente dai resti della potatura e dai sottoprodotti della molitura delle olive sparsi nei frutteti per fertilizzare il terreno.

Monte do Camelo è anche il guardiano di un vivace ecosistema intorno alla proprietà.

"Nelle aree esterne della nostra proprietà manteniamo una ricca diversità di piante, arbusti e alberi autoctoni, che definiscono i confini dei nostri terreni agricoli e costituiscono anche un habitat significativo per animali e insetti”, ha affermato Cardoso.

Inoltre, la coppia ha implementato misure a sostegno della fauna selvatica locale, tra cui la fornitura di serbatoi di stoccaggio dell’acqua accessibili agli animali durante i periodi di siccità, spesso prolungati, della regione e la creazione di zone tranquille aree di nidificazione degli uccelli e api.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-monte-do-camelo-vince-alla-grande-con-varieta-autoctone-coltivate-in-modo-sostenibile-tempi-dell'olio-d'oliva

Assumere un numero sufficiente di lavoratori del raccolto è una delle sfide che Monte do Camelo deve affrontare. (Foto: Monte do Camelo)

"Gli uccelli nei frutteti sono preziosi perché alla luce del giorno possono combattere efficacemente la diffusione del virus mosca di frutta d'oliva", ha detto Cardoso. "Forniamo anche case alla popolazione locale di pipistrelli, che di notte avranno come preda la tignola dell'olivo parte della loro dieta. "

La stagione più recente è stata particolarmente fruttuosa per il produttore portoghese. "La stagione 2023/24 è stata generosa, nonostante un inverno piuttosto secco seguito da una siccità, che probabilmente ha innescato livelli di polifenoli", ha detto Cardoso.

"Anche se la stagione precedente è stata davvero negativa per noi, così come per tante altre persone nel paese e altrove, questa è andata molto meglio”, ha aggiunto. "Una ragione di ciò sono i trattamenti organici che forniamo ai nostri alberi, siano essi potassio, calcio o boro. Tutte mirate a rinforzare le piante”.

Poiché Monte do Camelo aspira a entrare nel mercato nordamericano, deve affrontare sfide continue, come carenza di manodopera e ostacoli normativi, ma rimane concentrato sulla produzione di olio d'oliva di alta qualità.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-in-europa-monte-do-camelo-vince-alla-grande-con-varieta-autoctone-coltivate-in-modo-sostenibile-tempi-dell'olio-d'oliva

Vincere premi al World Olive Oil Competition aiuta Monte do Camelo a raggiungere nuovi mercati. (Foto: Monte do Camelo)

"La raccolta è manuale, con il solo ausilio dei raccoglitori, e bisogna sistemare le reti per le olive sotto gli alberi e spostarle ”, ha detto Cardoso. "Direi che la mancanza di forza lavoro stagionale è il problema numero uno per la produzione di olio d'oliva di alta qualità nella regione.

Con l'aumento del numero di uliveti ad alta e altissima densità in Alentejo, la coppia ha ammesso in a Intervista ottobre 2023 che rende più difficile la competizione per i produttori su piccola scala.

"I produttori di piccola e media scala, oltre a dover far fronte alla siccità e ad altre sfide, si trovano costretti a confrontarsi con il numero sempre crescente di impianti superintensivi, sia dal punto di vista ambientale che economico”, hanno affermato Cardoso e Morosi.

Nonostante queste sfide, il successo dell'azienda agricola NYIOOC rafforza ulteriormente la propria reputazione, attirando nuovi clienti e confermandosi come uno dei maggiori produttori di olio d'oliva al mondo.

"Vincere a New York è stata una conferma”, ha concluso Morosi. "I nostri clienti guardano questi premi quando decidono se continuare o meno ad acquistare i nostri oli d'oliva ".


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati