Come la resilienza e la passione guidano un produttore boutique della California

In meno di quattro anni, la coppia dietro Chateau de Luz ha superato condizioni climatiche estreme, parassiti e sfide lavorative per produrre olio extravergine di oliva di livello mondiale.

Sebbene Sandra Austoni provenga da generazioni di olivicoltori in Francia, solo di recente ha scoperto la sua passione per l'olio d'oliva. (Foto: Sharisse Rowan Photography)
di Wasim Shahzad
12 giugno 2024 15:39 UTC
647
Sebbene Sandra Austoni provenga da generazioni di olivicoltori in Francia, solo di recente ha scoperto la sua passione per l'olio d'oliva. (Foto: Sharisse Rowan Photography)

In quattro brevi anni, la coppia è rimasta indietro Castello di Luz ha trasformato un piccolo uliveto in un pluripremiato marchio di olio d'oliva.

Il piccolo produttore della soleggiata De Luz, California, ha vinto due Gold Awards Al 2024 NYIOOC World Olive Oil Competition.

Può sembrare affascinante dall'esterno, ma (l'olivicoltura) è un'attività difficile che richiede dedizione e resilienza.- Sandra Austoni, proprietaria, Chateau de Luz

"Siamo un uliveto boutique fondato nel 2021 ", ha affermato la proprietaria Sandra Austoni. "Abbiamo acquistato questo uliveto operativo nel 2020 e il precedente proprietario ha piantato gli alberi nel 2007, quindi i nostri alberi sono ancora molto giovani."

"Offriamo due miscele: una Athena a raccolta precoce, per lo più olive acerbe, e la nostra miscela regolare Venus, che è composta per il 50% da olive mature e per il 50% da olive acerbe ", ha aggiunto. "Quest'anno anche noi ha introdotto un Olio Nuovo della nostra Athena appena uscita dalla stampa, che ha avuto un vero successo”.

Vedi anche:Profili del produttore

Originaria della Provenza, in Francia, Austoni ha affermato che il nome dell'azienda è ispirato al suo passato e al suo presente. "Volevo anche sottolineare la mia eredità francese con un nome che fosse facilmente comprensibile per il nostro pubblico di mercato", ha affermato.

"La mia famiglia coltiva olivi in ​​Provenza da più di un secolo ”, ha aggiunto Austoni. "Coltivare le olive da solo non è mai stato il mio obiettivo, ma quando abbiamo trovato questa proprietà mentre cercavamo una nuova casa, me ne sono innamorato. Quindi, questo non era un evento pianificato. È successo semplicemente per serendipità.

Fin dall'inizio, Austoni ha affermato che l'obiettivo è stato quello di produrre prodotti di alta qualità olio extravergine d'oliva su piccola scala dal boschetto di 600 alberi dell'azienda.

"Abbiamo cinque varietà italiane: Frantoio, Leccino, Maurino, Moraiolo e Pendolino, oltre ad alcuni alberi di Kalamata che includiamo anche nelle nostre miscele", ha affermato.

"La cosa positiva è che possiamo lavorarlo entro poche ore dalla raccolta. Possiamo anche monitorare costantemente i nostri alberi tutto l’anno”, ha aggiunto Austoni. "Anche vivere tra questi splendidi alberi è un piacere.”

A causa delle piccole dimensioni dell'azienda, Chateau de Luz si concentra esclusivamente sulla produzione di piccoli lotti di alta qualità.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-nord-america-come-resilienza-e-passione-guidano-un-produttore-boutique-california-olive-oil-times

Nel 2020 Austoni e suo marito hanno acquistato un uliveto di 600 alberi composto da olive Frantoio, Leccino, Maurino, Moraiolo, Pendolino e Kalamata. (Foto: Sharisse Rowan Photography)

"Volevamo concentrarci sulla qualità rispetto alla quantità e continuare ad aumentare la qualità del nostro olio d'oliva ogni anno attraverso la formazione continua e l'esperienza appresa ", ha affermato Austoni.

Ha attribuito il successo dell'azienda a NYIOOC alla velocità e all'efficienza con cui Austoni e suo marito raccolgono e frangono le olive ogni autunno.

"I frutti iniziano a degradarsi non appena vengono raccolti, quindi è fondamentale lavorarli il prima possibile", ha affermato Austoni. "Di solito iniziamo la raccolta presto, non appena c'è abbastanza luce affinché il nostro equipaggio possa raccogliere in sicurezza. Iniziamo a lavorare entro poche ore dalla raccolta. Il nostro obiettivo è macinare lo stesso giorno.”

"Lavoriamo solo 250 chilogrammi di frutta alla volta, quindi siamo veramente in un processo in stile artigianale", ha aggiunto. "Ci concentriamo sulla qualità piuttosto che sulla quantità, anche se ciò significa sacrificare i nostri profitti. Vogliamo che i nostri clienti, familiari e amici vivano il meglio quando assaggiano il nostro olio d'oliva.

Sebbene l’anno raccolto 2023/24 sia stato abbondante in tutta la California, Austoni ha affermato che gli ampi rendimenti comportano i propri ostacoli ed evidenziano alcune delle sfide a lungo termine dell’azienda.

"Il raccolto del 2023 è stato estremamente impegnativo”, ha affermato. "Come tutti gli altri in California, avevamo una sovrabbondanza di frutta e probabilmente raccoglievamo solo il dieci per cento dei nostri alberi”.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-nord-america-come-resilienza-e-passione-guidano-un-produttore-boutique-california-olive-oil-times

L'assunzione di lavoratori per il raccolto rimane una delle sfide dell'azienda. (Foto: Sharisse Rowan Photography)

"Abbiamo riscontrato diversi problemi meccanici durante la fresatura, che ci hanno costretto a fermarci più volte”, ha aggiunto Austoni. "Abbiamo anche avuto problemi con gli equipaggi e li abbiamo trattenuti perché il nostro raccolto è stato prolungato eccessivamente per diverse settimane. È stato di gran lunga il raccolto più impegnativo che abbiamo mai avuto”.

Nel complesso, ritiene che le due sfide principali che l’azienda continuerà ad affrontare siano l’impatto cambiamento climatico e trovare costantemente abbastanza lavoratori da lavorare durante il raccolto.

pubblicità
pubblicità

"Il cambiamento dei modelli meteorologici sta influenzando la produzione di olive con grandi variazioni nella produzione di anno in anno, per le quali non c'è molto che possiamo fare se non adattarci ", ha affermato Austoni.

"L’altra sfida principale è trovare e trattenere personale di alta qualità, soprattutto durante il periodo del raccolto”, ha aggiunto. "Molti coltivatori non hanno potuto raccogliere la scorsa stagione a causa della mancanza di personale. Ci vuole solo tempo per trovare buoni collaboratori che vogliano anche imparare e crescere con noi. Ci piace offrire formazione e istruzione retribuita al nostro appaltatore principale come un modo per trattenerlo.

Un’altra sfida costante che l’azienda deve affrontare è la gestione delle infestazioni da parassiti utilizzando pratiche organiche.

"Soffriamo di mosca di frutta d'oliva nel sud della California”, ha detto Austoni. "È essenziale un programma adeguato per controllarli e proteggere il frutto. Senza un’oliva sana e di alta qualità, non esiste olio d’oliva di alta qualità. Utilizziamo l'argilla caolino per proteggere i nostri alberi e le nostre olive, un prodotto naturale approvato per l'agricoltura biologica.

Oltre a queste sfide perenni, Chateau de Luz ha dovuto superare anche queste sfide aumento dei costi di produzione nell'ultimo raccolto.

"Tutto sta diventando molto più costoso”, ha detto Austoni. "Siamo un produttore così piccolo che non siamo redditizi, almeno non ancora. Poiché ci concentriamo sulla qualità piuttosto che sulla quantità, i nostri prezzi sono più premium. Ci assicuriamo inoltre che il nostro packaging e le nostre etichette riflettano il nostro posizionamento di fascia alta”.

Nonostante il duro lavoro e le numerose sfide dell'olivicoltura in California, Austoni ha affermato che vincere premi al Concorso Mondiale e ad altri concorsi locali sulla qualità dell'olio d'oliva è una ricompensa significativa e aiuta l'azienda a costruire il proprio marchio.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-nord-america-come-resilienza-e-passione-guidano-un-produttore-boutique-california-olive-oil-times

L'elegante confezione dietro gli sforzi dell'azienda per commercializzare il suo olio extravergine di oliva boutique. (Foto: Sharisse Rowan Photography)

"È stato molto gratificante essere riconosciuti da un’organizzazione così prestigiosa, soprattutto perché siamo piuttosto nuovi sulla scena”, ha affermato.

"È difficile valutare l’impatto in questo momento, ma sicuramente ci sta aiutando ad affermare il nostro marchio. Siamo stati anche in grado di vendere il nostro olio d'oliva alla fiera della contea di Los Angeles del 2024, che si è appena conclusa ", ha aggiunto Austoni. "Abbiamo esaurito le nostre scorte in pochi giorni, il che è stata una grande esperienza per l’esposizione del nostro marchio”.

Sebbene Austoni non sia stata ancora in grado di piantare i propri alberi, ha affermato che l'azienda sfrutta gli sforzi del precedente coltivatore per produrre oli d'oliva ad alto contenuto di polifenoli, che contribuiscono in modo significativo all'olio d'oliva benefici alla salute e profili aromatici.

"Probabilmente avrei scelto le varietà francesi se avessi dovuto piantare un nuovo uliveto", ha detto. "Le informazioni che abbiamo ottenuto dal precedente proprietario dicono che sono stati selezionati per l'impollinazione incrociata e anche per ottenere la massima quantità di polifenoli nella miscela."

Per sfruttare al massimo queste varietà di olive ad alto contenuto di polifenoli è necessario raccogliere le olive mentre sono verdi e portarle rapidamente al frantoio.

"Mi occupo della raccolta e della cernita", ha affermato Austoni. "Selezioniamo manualmente le nostre olive prima della molitura, eliminando il 'quelli cattivi. Questo è un processo noioso se eseguito manualmente, ma garantisce che avremo un olio di alta qualità.

"Inoltre monitoriamo costantemente la temperatura durante i processi di gramolazione e separazione", ha aggiunto. "Mio marito Alan è responsabile della fresatura e del funzionamento dell'attrezzatura. Ha un background in meccanica e ha sempre lavorato nel settore alimentare, quindi è stata una scelta naturale”.

profili-la-migliore-produzione-di-olio-d-oliva-nord-america-come-resilienza-e-passione-guidano-un-produttore-boutique-california-olive-oil-times

Il marito di Austoni, Alan, gestisce il frantoio mentre lei supervisiona la raccolta delle olive. (Foto: Sharisse Rowan Photography)

Una volta completata la raccolta, Austoni invia campioni di olio extravergine di oliva da certificare a laboratori indipendenti.

"Dimostra credibilità ed è considerata la migliore pratica”, ha affermato Austoni. "Le certificazioni aiutano anche a educare il consumatore in modo che sappia cosa cercare quando acquista un olio extravergine di oliva di alta qualità.

Oltre a stabilire credibilità attraverso la certificazione, ritiene che educare i consumatori all'olio extra vergine di oliva di alta qualità e alle pratiche agricole sostenibili sia una priorità.

"Attraverso i post sui social media e vari articoli sul nostro sito web, miriamo a informare ed educare”, ha affermato.

Mentre il lavoro non finisce mai per un piccolo agricoltore, Austoni ha affermato che riscoprire la passione per la produzione di olio extra vergine di oliva comporta ricompense immateriali.

"La sfida è che non esiste alcuna delimitazione tra lavoro e vita personale, cosa nella quale sono sicura che molti altri agricoltori possano identificarsi”, ha affermato.

"Essere pazientare. Come ogni attività agricola, questa non è un’attività per arricchirsi velocemente”, ha concluso Austoni. "Può sembrare affascinante dall’esterno, ma è un’attività difficile che richiede dedizione e resilienza. La passione è molto importante per superare gli alti e bassi”, ha detto.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati