Coltivatori e produttori in Italia si aspettano un raccolto impegnativo

L'aumento dei costi di produzione, combinato con rese inferiori al previsto in alcune parti d'Italia, costringerà molte aziende olivicole a prendere decisioni difficili.

Cisternino, Italia
Settembre 27, 2022
Di Paolo DeAndreis
Cisternino, Italia

Notizie recenti

La resilienza degli olivicoltori italiani viene messa alla prova in vista della raccolta del 2022. Gli agricoltori affrontano rapidamente aumento dei costi di produzione e le conseguenze di uno dei anni più secchi mai registrati.

Nel suo rapporto di recente pubblicazione, l'Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo e Alimentare (Ismea) ha avvertito che la produzione nella campagna 2022/23 potrebbe scendere ben al di sotto della 329,000 tonnellate del 2021/22.

È probabile che l'aumento sproporzionato dei costi energetici renda le attività di produzione e trasformazione per le aziende del settore dell'olio d'oliva insostenibili dal punto di vista finanziario ed economico.- Cristiano Fini, presidente, Confederazione Agricoltori Italiani

Ismea ha attribuito la diminuzione della produzione a molte regioni che entrano in an 'fuori anno' nel ciclo di fruttificazione alternata dell'olivo, i cui effetti sono stati esacerbati dalla grave siccità e ondate di caldo intenso.

Olive oil produzione in Puglia e la Calabria, le due maggiori regioni produttrici del paese, che rappresentano più della metà della resa nazionale, dovrebbe diminuire in modo significativo. Ismea si aspetta regioni del centro Italia come Toscana recuperare parte del loro potenziale produttivo dopo le recenti piogge.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2022

Tuttavia, l'agenzia ha aggiunto che stime di raccolto più precise non sarebbero state disponibili per alcune settimane in più.

Indipendentemente dall'andamento del raccolto, agricoltori e mugnai devono affrontare un'altra serie di sfide poste da aumenti sbalorditivi di una serie di costi di produzione. Ad esempio, un recente rapporto ha rilevato che i prezzi del diesel e dei fertilizzanti azotati sono aumentati rispettivamente del 129% e del 170%.

pubblicità

"È probabile che l'aumento sproporzionato dei costi energetici renda le attività di produzione e trasformazione per le aziende del settore dell'olio d'oliva finanziariamente ed economicamente insostenibili ", ha detto Cristiano Fini, presidente della Confederazione degli agricoltori italiani Olive Oil Times.

Ha aggiunto che l'aumento dei costi si aggiunge all'immensa pressione che il settore già deve affrontare eventi meteorologici estremi, carenza d'acqua per l'irrigazione, ha continuato diffusione di Xylella fastidiosa e mosca di frutta d'oliva infestazioni.

Coldiretti, un'associazione di agricoltori, e Unaprol, un'associazione di produttori di olive, hanno avvertito di un 30 percento entrare olive oil produzione, con almeno il 9 percento delle aziende legate all'olivicoltura a rischio di chiusura a causa dei costi eccessivi.

Rese inferiori e aumento dei costi hanno costretto molti olivicoltori a investire meno risorse per mantenere i loro alberi, il che dovrebbe anche avere un impatto sulla futura produzione di olive.

"Siamo vicini all'inizio della campagna 2022/23 e gli agricoltori devono prepararsi per una raccolta complessa che potrebbe diventare ancora più difficile date le incertezze tra i frantoi ”, ha affermato Fini.

"Nelle ultime settimane, molti di loro hanno espresso preoccupazione per gli elevati costi energetici e per le bollette follemente alte che le aziende ricevono oggi", ha aggiunto. "Alcuni hanno suggerito che potrebbero anche non aprire affatto i loro mulini".

Secondo Ismea, nei primi sei mesi del 24 gli agricoltori italiani hanno visto aumentare i loro costi del 2022%, trainati da aumenti del 50% nell'energia e del 36% nei fertilizzanti. Nel complesso, gli olivicoltori hanno registrato un aumento dei costi del 19% nella prima metà del 2022 rispetto al 2021.

Nel suo rapporto, Ismea ha affermato che molti di questi costi imprevisti derivano da problemi della catena di approvvigionamento globale e dall'aumento dell'inflazione, entrambi aggravati dall'invasione russa dell'Ucraina.

Vedi anche:I migliori oli d'oliva dall'Italia

L'aumento dei costi si è diffuso a tutti i settori dell'economia dell'oliva e dell'olio d'oliva, dai produttori ai consumatori, molti dei quali sono stati gravati dall'aumento delle bollette energetiche e dei prezzi alimentari.

La Confederazione degli agricoltori italiani stima che la trasformazione di un quintale (100 chilogrammi) di olive costerà quest'anno tra 11 e 27 euro, a seconda della regione e della tecnologia.

"Ma stiamo anche segnalando costi elevati per i materiali di imbottigliamento e confezionamento, con costi almeno raddoppiati per bottiglie di vetro, lattine, cartoni e plastica”, ha affermato Fini. "Tutto questo inevitabilmente influenzare i prezzi dell'olio d'oliva per i consumatori”.

Nel suo rapporto, Ismea ha notato che anche la maggior parte delle compagnie di olio d'oliva si aspettano olio extravergine d'oliva le vendite diminuiranno poiché le famiglie cercano alternative più economiche per risparmiare denaro. "L'inflazione è ora all'8.4%", ha affermato Fini. "Ciò significa che le famiglie devono fare scelte difficili e rivolgersi a prodotti di qualità inferiore”.

"Il governo dovrebbe attuare immediatamente politiche di contenimento dei costi di produzione, come massimali sui prezzi del gas naturale e dell'elettricità, sostenendo anche le famiglie con bonus o adeguamenti salariali perché su cibo e salute non possiamo e non dobbiamo economizzare", ha aggiunto.

Le sfide del raccolto 2022 arrivano come annuali olive oil proin Italia continuano a calare i dati sulla riduzione. Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, l'Italia ha prodotto una media di 597,000 tonnellate di olio d'oliva dal 2000 al 2010. Tuttavia, queste cifre sono scese a poco più di 350,000 nel decennio successivo.

"Tale riduzione è dovuta a diversi fattori, come le emergenze fitosanitarie quali Xylella fastidiosa nel Salento e cambiamento climatico, che sta influenzando le principali fasi fenologiche dell'olivo ", ha affermato Fini.

“[Altri fattori includono] la riforma normativa in merito alla mosca dell'olivo, che bandito i pesticidi più efficaci usato per ridurne la diffusione e ha introdotto mezzi di biocontrollo la cui efficacia è spesso limitata dagli effetti del cambiamento climatico”, ha aggiunto. "Da considerare anche il mancato rinnovo degli uliveti. A causa delle normative, in Italia, è ancora molto complesso sostituire gli ulivi scarsamente produttivi".

Secondo Ismea, il fatturato del settore olivicolo italiano ha raggiunto circa 3.2 miliardi di euro nel 2019, rappresentando il 2.2% dell'intero valore economico dell'industria agroalimentare italiana.

"L'olivicoltura rappresenta un pilastro sia per l'occupazione che per l'economia, quindi dobbiamo continuare a investire nel settore a tutti i livelli: ricerca, istruzione, nuovi frantoi e rinnovi aziendali", ha concluso Fini.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti